Home Archivio News-Eventi Carlotta Bava - ariete-cancro
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Carlotta Bava - ariete-cancro PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 2
ScarsoOttimo 
cassetto degli articoli - armadio degli articoli
Scritto da Super Amministratore   
Domenica 24 Luglio 2011 10:07

 

                                           SMETTERE O CONTINUARE...?


Hai letto questo testo di Scritturalia?

Esprimi il tuo apprezzamento, da scarso a ottimo.
Non è un concorso. Non c’è nessun premio. Tu e l’autore non vincerete nulla.
Perché votare allora? Semplicemente perché il tuo giudizio di lettore anonimo,
onesto, schietto e disinteressato, potrà essere utile all’autore.
La tua disponibilità a un semplice click come stimolo per lo scrittore/scrittrice
a ripensare e a migliorare la propria scrittura…

 

scritturaliafoto

Affresco romano "Donna con stilo e libro" (detta Saffo)
Pompei, 50 dopo Cristo. (Napoli-Museo Archeologico Nazionale)

che cos’è SCRITTURÀLIA


LEGGI I RACCONTI DI SCRITTURALIA



possibilità di pernottamento
presso la Foresteria “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo
a costi di Bed and Breakfast

 

LOGO
Cascina Macondo
Centro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e Poetica Haiku
Borgata Madonna della Rovere, 4  -  10020 Riva Presso Chieri - Torino - Italy
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. www.cascinamacondo.com

 

 

 

ARIETE-CANCRO

di Carlotta Bava
Cascina Macondo - Scritturalia, domenica 6 febbraio 2005




Beh, partiamo dal presupposto che io conosco molto poco tutto ciò che riguarda l’astrologia… ma se proprio un giorno dovesse bussare alla mia porta un enorme granchio, credo rimarrei alquanto stupita, ma gli aprirei comunque…

Dunque, vediamo un po’… potrebbe nascere qualcosa tra un Ariete e un Cancro? Può darsi, ma ve li immaginate andare a spasso a braccetto?
I casi sono due: o l’Ariete striscia (ma non è proprio una sua caratteristica né caratteriale né per predisposizione fisica) nel goffo tentativo di avvicinarsi alle chele del Cancro, oppure il nostro amico granchietto dovrà sfoggiare le sue chele migliori per ancorarsi alle corna dell’Ariete stando ben attento ai momenti di furia durante i quali verrebbe certamente messa a repentaglio la sua vita, anche se ben protetta da Madre-Natura.

In qualità di Ariete mi chiedo chi mai abbia scelto il nome dei segni zodiacali e tanto più che si ostini, e in nome di cosa, a ravvedere forzatamente intrighi sentimentali!?!?!
Come abbiamo visto Cancro-Ariete non è un incontro poi così fortunato e tra un CLIC-CLAC, CLIC-CLAC di chele e l’altro via di corsa (si fa per dire) verso nuove avventure.
Cancro-Toro, Cancro-Capricorno vedi Cancro-Ariete: impossibile!

Cancro-Gemelli
Tanto per cominciare c’è la difficoltà di sapere con chi dei due ha parlato… poi sono troppo umani: rischierebbe, un giorno o l’altro, di finire in un’insalata di mare…

Proviamo allora Cancro-Leone
Una delle difficoltà maggiori è quella di incrociare il suo sguardo senza finire prima tra le sue fauci; se poi volesse riuscirci passando tra le orecchie, rischierebbe di rimanere inesorabilmente impigliato nella criniera… meglio lasciar perdere.

Cancro-Vergine
Che sguardo… dolce, ammiccante… che occhi…!
Non sa cosa l’aspetta, meglio cercare altrove…

Cancro-Sagittario
Primi approcci molto entusiasmanti, ma sono stati presto interrotti quando il granchietto si è visto mettere, oltretutto in posizione precaria e rischiosa, sulla schiena di una megattera e ripetutamente sfiorato dalle frecce. Viiiiiiiia!!!!!

Cancro-Pesci
Beh, almeno c’è l’elemento acqua che li accomuna, ma la difficoltà maggiore del Cancro sta nell’individuare il sorriso di un pesce… considerando l’espressione sempre “molto allegra” del nostro amico granchio, davvero non se ne parla…

Cancro-Scorpione
Certo: quanto a chele non scherza lo scorpione, eh? Ma è proprio questo che un po’ preoccupa il Cancro… dai di chela oggi, dai di chela domani… poi non dimentichiamo che quelle dello Scorpione sono rovinosamente più grosse!

Non disperare Amico Cancro, come dice il buon vecchio Ligabue “…c’è qualcuno anche per te in questo vecchio giro-tondo e forse ti sta già aspettando…”






5x100

 
 
 

 LA FORESTERIA "TIZIANO TERZANI" DI CASCINA MACONDO

IL SALONE "GIBRAN" DI CASCINA MACONDO

GLI SPAZI INTERNI DELLA CASCINA

GLI SPAZI ESTERNI DELLA CASCINA

 

 

Il nome "Macondo" che abbiamo dato alla nostra Cascina nel 1992
proviene dal libro "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez

" Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche.  Il mondo era così  recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito. Tutti gli anni verso il mese di marzo,  una famiglia di zingari cenciosi piantava la tenda vicino al villaggio, e con grande frastuono di zufoli e tamburi faceva conoscere le nuove invenzioni. Prima portarono la calamita. Uno zingaro corpulento, con barba arruffata e mani di passero, che si presentò col nome di Melquìades, diede una truculenta manifestazione pubblica di quella che egli stesso chiamava l'ottava meraviglia dei savi alchimisti della Macedonia.  Andò di casa in casa trascinando due lingotti metallici, e tutti sbigottirono vedendo che i paioli, le padelle, le molle del focolare e i treppiedi cadevano dal loro posto,   e i legni scricchiolavano per la disperazione dei chiodi e delle viti che cercavano di schiavarsi,  e perfino gli oggetti
perduti da molto tempo comparivano dove pur erano stati lungamente cercati,  e si trascinavano in turbolenta sbrancata dietro ai ferri magici di Melquìades…"

 

Si ringrazia Gabriel Garcia Marquez per aver scritto e regalato agli uomini un così grande libro. A lui la nostra gratitudine e il nostro affetto.
 
 
 
 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 01 Agosto 2011 08:03 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare