Home Archivio News-Eventi Gabriel D. - piangevo così tanto che
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Gabriel D. - piangevo così tanto che PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 2
ScarsoOttimo 
cassetto degli articoli - armadio degli articoli
Scritto da Tartamella   
Martedì 17 Maggio 2011 07:25

 

                                           SMETTERE O CONTINUARE...?


Hai letto questo testo di Scritturalia?

Esprimi il tuo apprezzamento, da scarso a ottimo.
Non è un concorso. Non c’è nessun premio. Tu e l’autore non vincerete nulla.
Perché votare allora? Semplicemente perché il tuo giudizio di lettore anonimo,
onesto, schietto e disinteressato, potrà essere utile all’autore.
La tua disponibilità a un semplice click come stimolo per lo scrittore/scrittrice
a ripensare e a migliorare la propria scrittura…

 

scritturaliafoto

Affresco romano "Donna con stilo e libro" (detta Saffo)
Pompei, 50 dopo Cristo. (Napoli-Museo Archeologico Nazionale)

che cos’è SCRITTURÀLIA


LEGGI I RACCONTI DI SCRITTURALIA



possibilità di pernottamento
presso la Foresteria “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo
a costi di Bed and Breakfast

 

LOGO
Cascina Macondo
Centro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e Poetica Haiku
Borgata Madonna della Rovere, 4  -  10020 Riva Presso Chieri - Torino - Italy
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. www.cascinamacondo.com

 

 




 

PIANGEVO COSI TANTO CHE…

di Gabriel D.
Cascina Macondo - Scritturalia, domenica 13 giugno 2010





Ricordo con nostalgia gli anni dell’infanzia e alcuni episodi che mi hanno dato tanta gioia, ma anche lacrime agli occhi, dolore e sofferenza…

Io uscivo fuori per giocare con i bambini della mia età, però la maggior parte delle volte venivo picchiato e preso in giro da loro, per diversi motivi.
Ritornavo a casa piangendo, raccontando a mia mamma e a mio papà che un bambino più grande o più piccolo mi avevano malmenato.
Loro mi ascoltavano e mi dicevano di cercare di dialogare con loro, di portare il bene a chi mi sta intorno e “dopo vedrai che tutto andrà bene”.
Io desideravo che questo si avverasse, ma tutto durava poco.

Questi fatti si ripetevano continuamente, finché un giorno mio papà mi disse: “Vieni a casa ogni quarto d’ora a ripetermi la stessa storia: che qualcuno ti ha picchiato! Esci di nuovo a giocare con questi bambini, però se tornerai ancora a lamentarti, avrai lo stesso trattamento da parte mia!”
Ritornai a giocare.
Poco tempo dopo un bambino stava per aggredirmi, ma stavolta le cose cambiarono, né poco e né tanto, ma TOTALMENTE! Ebbi il coraggio di ricambiarlo con la stessa moneta, pensando alle parole di mio padre.
Il bambino si rialzò da terra dicendomi che sarebbe andato a raccontare tutto ai miei genitori.
Io gli risposi “Vai pure!”
Arrivò a casa mia per parlare con mio papà. La risposta di mio padre fu:
“Un quarto d’ora fa è arrivato Gabriel e mi ha detto che tu lo hai preso a pugni e a calci e adesso arrivi tu a dirmi la stessa cosa… vai a giocare, spero di non rivederti un’altra volta!”
Dopo una mezz’ora arrivarono altre lamentele a casa mia, per lo stesso motivo.
Rientrando alla sera, mio padre mi disse:
“Lo vedi che è possibile stare fuori a giocare senza tornare a casa a piangere e a ripetere la stessa storia?”
Da quel giorno il mio nome cambiò. Non mi chiamavano più Gabriel, ma fui soprannominato “Solido”.

Era inverno. Mentre tornavo da scuola un ragazzino mi disse:
“Ehi, che fai, Solido?”
Io gli presi il berretto dalla testa, lo riempii di neve e glielo tirai in faccia.
Lui cominciò a piangere dicendomi che sarebbe venuto a casa mia con uno dei suoi genitori.
Al mio rientro, raccontai a mia mamma tutta la storia.
Circa 10-15 minuti dopo arrivò il ragazzino con sua madre.
- Buongiorno signora Solido (disse la mamma di lui)
- Buongiorno signora, che succede? (rispose mia mamma)
- Guardi cosa ha fatto Solido a mio figlio Cornèl!
La signora spiegò a mia mamma quello che era successo.
Alla fine del racconto mia mamma chiese a Cornèl se lui sapeva come mi chiamavo io.
Lui sorridendo rispose:
- Sì, signora, si chiama “Solido”!
- No, Cornèl, il mio ragazzo si chiama Gabriel!
In quel momento intervenne la madre di Cornèl:
- Signora, qual è il cognome della vostra famiglia?
- Il nostro cognome è scritto sull’elenco nell’ingresso, “Solido” è il soprannome di mio figlio! - poi, rivolgendosi a Cornèl - Per questo motivo lui ti ha tirato il berretto in faccia …
La mamma di Cornèl fu presa da una grande vergogna e non finiva più di scusarsi con noi per questa gaffe.
Quindi iniziò a prendere a schiaffi il figlio, che si mise a piangere, e piangeva così forte che si sentiva fino al quarto piano; poi se ne andarono, promettendomi che Cornèl non mi avrebbe mai più chiamato “Solido”.

Così diventai famoso per i pugni e i calci che davo a tutti.
Anche mio fratello, che è più grande di me, mi chiamava per “sistemare le cose” quando qualcuno lo infastidiva..
Finalmente per me divenne un piacere uscire a giocare!

Qualche tempo dopo mia mamma mi disse che era stanca di aprire e chiudere la porta per ascoltare le lamentele dei bambini picchiati da me.
Per non disturbare più i miei genitori risolsi il problema minacciando i ragazzi: “Se qualcuno oserà ancora andare a lamentarsi dai miei, riceverà di nuovo lo stesso trattamento di prima!”
Mia madre si rese conto che il campanello non suonava più e mi domandò che cosa era successo, forse ero diventato un bravo ragazzo?

Queste avventure terminarono quando cambiai città.






PLÂNGEAU A?A DE MULT C?…

de Gabriel D.
Cascina Macondo - Scritturalia, duminic? 13 iunie 2010

 
 
 
 
Îmi amintesc cu nostalgie de anii copil?riei, de întâmpl?rile care mi-au adus multe bucurii, dar  totodat? ?i lacrimi în ochi, durere, suferin??…
Ie?eam afar? pentru a m? juca cu copii de vârsta mea, dar de multe ori eram lovit ?i batjocorit de cei din jur pentru diverse motive. M? întorceam acas? plângând, spunând mamei ?i  tat?lui c? am fost  b?tut de un b?iat mai mic, ori mai mare decât mine. M? ascultau ?i îmi spuneau s? vorbesc, s? m? port frumos cu cei din jurul meu ?i voi vedea c? totul va fi bine. Îmi doream s? fie adev?rat, dar totul dura cât un vis, cât un balon de spum? am?gitor. Povestea s-a repetat de multe ori, pân? într-o zi, când tat?l meu nu a mai rezistat ?i mi-a spus:
“-Vii în cas? din sfert în sfert de or? ?i ne repe?i tot timpul aceast? poveste, c? te-a b?tut cineva!
“- Ie?i din nou afar? ?i joac?-te cu copii, dar dac? mai vii în cas? plângând ?i spui c? ai fost b?tut, vei avea parte de acela?i ,,tratament” pe care l-ai primit afar?!”
M-am întors din nou la joac?, dar nu dup? mult timp am fost lovit de un b?iat, de aceasta dat? lucrurile s-au schimbat, nu mult, nu pu?in, “TOTAL”. Imediat am r?spuns ?i eu cu aceea?i moned?, am lovit acel b?iat gândindu-m? la cuvintele tat?lui meu, el s-a ridicat de jos zicându-mi c? se duce acas? la p?rin?ii mei ?i le spune c? l-am b?tut, iar eu i-am spus c? poate s? mearg?. Ajuns la mine acas? vorbe?te cu tat?l meu ?i îi spune ce i-am f?cut, dar r?spunsul tat?lui meu a fost urm?torul:
“-Acum un sfert de or? a venit el ?i a spus c? tu l-ai lovit cu pumnii ?i picioarele, iar de aceasta dat? ai venit tu ?i îmi spui c? el te-a b?tut, du-te ?i te joac?, sper s? nu mai vii ?i alt? dat?!”
Cred c? dup? o jum?tate de or? au început s? se duc? ?i al?i copii la mine acas? spunându-le aceea?i poveste. Seara când am intrat în cas?, tat?l meu îmi spune:
“-Vezi, se poate s? stai ?i tu afar? s? te joci, f?r? s? vii mereu în cas? s? plângi ?i s? spui c? ai fost b?tut.
Din acel moment numele meu s-a schimbat, nu mai eram chemat Gabriel, to?i m? strigau “SOLIDU”.
Era iarna, într-o zi pe când m? întorceam de la ?coal? un b?iat mi s-a adresat:
“Ce faci, b?i SOLIDULE!”
Eu i-am luat c?ciula din cap, am b?gat-o în z?pad?, dup? care l-am lovit în fa??, el a început s? plâng? ?i mi-a spus c? va veni la mine cu unul din p?rin?ii lui. Ajuns acas? explic mamei toat? povestea, dup? aproximativ 10-15 minute, sun? la u?? el cu mama lui.
“-Bun? ziua doamna SOLIDU!”  (mama lui)
“-Bun? ziua doamn?, ce s-a întamplat? (r?spunde mama mea)
“-Uita-?i doamn? ce i-a f?cut SOLIDU, b?iatului meu, Cornel! În acest moment îi explic? mamei mele isprava pe care am f?cut-o, dup? care Cornel este întrebat de mama dac? ?tie cum m? cheam?,iar el cu zâmbetul pe buze r?spunde:
“-Da doamn?, îl cheam? SOLIDU!”
“-Nu Cornel, pe b?iatul meu îl cheam? Gabriel!”
Moment în care intervine mama lui.
“-Doamn? care este numele dumneavoastr? de familie?”
“-Numele nostru de familie este scris la intrare în scar?, la avizier, iar SOLIDU este porecla b?iatului. Pentru c? l-ai chemat a?a, el te-a plesnit cu c?ciula peste fa??!
În acel moment mama b?iatului a fost cuprins? de o mare ru?ine, ?i a început s? î?i cear? scuze pentru c? s-a adresat cu acel nume, dup? care a început s? î?i plesneasc? copilul, el a început s? plâng?, plângea a?a de tare, încât se auzea de la nivelul patru al blocului, promi?ându-mi c? nu îmi v-a mai spune niciodat? SOLIDU!
A?a am devenit faimos pentru pumnii ?i picioarele pe care le împ?r?eam celor din jur. Am fost chemat de multe ori ?i de fratele meu mai mare pentru a-i  “pune la respect” pe cei care îi f?ceau probleme. Acum pentru mine era o pl?cere s? ies afar? ?i s? m? joc. Dup? o anumit? perioad? mama îmi spune c? s-a s?turat ca toat? ziua s? deschid? u?a, s? asculte cum to?i se plâng c? au fost b?tu?i. Ce s? fac, acum nu era bine c? sunau prea mul?i copii la u??, trebuia s? g?sesc o solu?ie, care nu s-a las?t prea mult a?teptat?! Pentru a nu-mi mai deranja p?rin?ii, îi amenin?am:
“-Dac? se mai duce unul la u?? ?i sun? zicând c? a fost b?tut, când se întoarce v-a primi din nou acel tratament nepl?cut!”
Am fost întrebat de c?tre mama, de ce nu mai sun? nimeni la u??, ce s-a întâmplat, te-ai f?cut b?iat cuminte?

Aceste aventuri au luat sfâr?it când m-am mutat dintr-un ora? în altul!!  




 
 
 

 LA FORESTERIA "TIZIANO TERZANI" DI CASCINA MACONDO

IL SALONE "GIBRAN" DI CASCINA MACONDO

GLI SPAZI INTERNI DELLA CASCINA

GLI SPAZI ESTERNI DELLA CASCINA

 

 

Il nome "Macondo" che abbiamo dato alla nostra Cascina nel 1992
proviene dal libro "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez

" Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche.  Il mondo era così  recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito. Tutti gli anni verso il mese di marzo,  una famiglia di zingari cenciosi piantava la tenda vicino al villaggio, e con grande frastuono di zufoli e tamburi faceva conoscere le nuove invenzioni. Prima portarono la calamita. Uno zingaro corpulento, con barba arruffata e mani di passero, che si presentò col nome di Melquìades, diede una truculenta manifestazione pubblica di quella che egli stesso chiamava l'ottava meraviglia dei savi alchimisti della Macedonia.  Andò di casa in casa trascinando due lingotti metallici, e tutti sbigottirono vedendo che i paioli, le padelle, le molle del focolare e i treppiedi cadevano dal loro posto,   e i legni scricchiolavano per la disperazione dei chiodi e delle viti che cercavano di schiavarsi,  e perfino gli oggetti
perduti da molto tempo comparivano dove pur erano stati lungamente cercati,  e si trascinavano in turbolenta sbrancata dietro ai ferri magici di Melquìades…"

 

Si ringrazia Gabriel Garcia Marquez per aver scritto e regalato agli uomini un così grande libro. A lui la nostra gratitudine e il nostro affetto.
 
 
 
 
 
 
 
CLICCA PURE TRANQUILLAMENTE
SULLE PUBBLICITA' DI GOOGLE
CHE COMPAIONO NEL NOSTRO SITO E CHE TI INTERESSANO

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 01 Agosto 2011 10:10 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare