Home Chi siamo
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 15
ScarsoOttimo 

 

 pietro
  Pietro Tartamella

 

Nato il diciotto aprile 1948 a Camporeale in provincia di Palermo, ha trascorso l'infanzia a Ventimiglia. Dal 1970 vive a Torino dove ha frequentato il corso di Lingue e Letteratura Straniera alla facoltà di Lettere e Filosofia. Per protesta contro il mondo accademico e la concezione utilitaristica che la nostra società ha della cultura ha deliberatamente rinunciato al conseguimento della laurea a soli quattro esami dal suo raggiungimento. È stato autostoppista. Ha fatto una montagna. Di mestieri. Barista, manovale, correttore di bozze, restauratore di affreschi, soggettista e sceneggiatore di fumetti, traduttore, insegnante di dizione, scrittura creativa, lettura ad alta voce, edicolante. Fondatore negli anni '70 della rivista di poesia e letteratura "La Tenda". Poeta sperimentale, giornalista, scrittore, artista di strada, lettore professionista, ariete, promotore di iniziative culturali, voce narrante di molti audiovisivi e documentari a carattere storico-scientifico-culturale, ma soprattutto Raccontastorie. Lavora nelle strade, nelle scuole, nelle birrerie, nelle fiere, nei matrimoni, leggendo poesie e raccontando storie, ed è certamente teatro quello che propone. I testi poetici che sceglie, gli oggetti simbolici che usa, gli accompagnamenti musicali, i ritmi appassionati della sua voce, la sua originale figura, fanno divenire teatro "tout court" la lettura di poesie. Apparentemente fuori da un contesto, quello della piazza e della confusione, Tartamella sa ribaltare la situazione affascinando e conquistando il pubblico con la voce e le parole. Una vecchia macchina da scrivere nelle sue mani diventa un curioso e affascinante strumento musicale con cui omporre poesie estemporanee ad offerta libera battendo i tasti a tempo di blues. Fondatore nel 1990 con Anna Maria Verrastro, Beppe Finello, Massimo Lupotti, Marcella Pischedda di "Cascina Macondo Musicarteatro Culture Associate". È stato ospite del "Maurizio Costanzo Show", di "Posto Pubblico nel Verde". Hanno parlato di lui riviste e quotidiani nazionali. Tra i suoi libri:

 

I Poeti de La Tenda
Stalattiti di speranze
Questo mestiere di giornalaio
Il Poeta sull'albero
Il padre ed il paese
La Cattedrale di Mastro Cheli
La Signora delle Ferrovie
L'Africa in giardino
Chi sterminerà i poeti?
Il paese di Whoon
Herbert e la bottiglia
Poesie di un edicolante
Il circo e la strada


Dal 1994, dopo aver lasciato il mestiere di edicolante, Tartamella viaggia per l'Italia con un grande Tepee Indiano, la tipica casa a forma di cono degl’Indiani d'America, ospitando gruppi di bambini e adulti a cui racconta magnifiche storie della tradizione popolare indiana. Per una nota biografica approfondita si rimanda al libretto "Briografia di un Poeta".

 

Curriculum Professionale

  • Ha collaborato con Soconas Incomindios, rivista di solidarietà con gli Indiani d'America, diretta da Naila Clerici
  • Docente di Lettura Creativa, Dizione, Scrittura Creativa in corsi per scuole elementari, medie, licei, e in corsi di aggiornamento per insegnanti, biblioteche, gruppi, circoli, associazioni, enti, privati
  • Alla fine degli anni ' 60 partecipa come educatore al progetto di rieducazione di ragazzi a rischio in colonie montane estive promosse da Monsignor Boero del comune di Ventimiglia
  • Ha partecipato a molte rassegne internazionali di Artisti di Strada: Certaldo, Pelago, Viarigi, Ferrara, Castelvetro, Giulianova…
  • Ospite del Maurizio Costanzo Show come fondatore e presidente dell'ARISC (Associazione per la Riappropriazione della Sovranità del Cittadino)
  • Fondatore nel 1990 dell'associazione "Cascina Macondo Musicarteatro Culture Associate"
  • Diploma "Scuola di Giornalismo e Pubbliche Relazioni" di Torino, diretta da Piero Rossi
  • Diploma di "Geometra" , Istituto Tecnico "G. Ruffini" di Imperia
  • Fondatore negli anni settanta della rivista mensile di poesia e letteratura "La Tenda"
  • Ha frequentato a Torino la Scuola di Teatro diretta da Carla Pescarmona
  • Allievo della Scuola di Mimo di Franco Cardellino
  • Allievo della Scuola di Doppiaggio di Torino condotta da Mario Brusa
  • Negli anni ottanta soggettista e sceneggiatore di fumetti per la Casa Editrice Universo – Milano
  • Ideatore degli spettacoli itineranti "L'Eneide" e "Fiabe Ritmi Danze Africane" in collaborazione con il gruppo di percussionisti plurietnico i "Tribà"
  • Ideatore dello spettacolo itinerante "Historia de lo Cavaliere Calvo", favola medievale in costume, in collaborazione con gli Attanti
  • Ha collaborato in una tournée estiva come Raccontastorie nel Circo Bidone (piccolo circo francese a conduzione familiare che viaggia con carrozze trainati da cavalli) e con il Cirque Hulon di Jacque, Sophy, Antoine
  • Dal 1996 docente di Scrittura Creativa per conto del Comune di Torino (Progetto Caleidoscopio) presso le scuole Elementari e Medie della città di Torino
  • Dal 1996, in collaborazione con la ceramista Anna Maria Verrastro, lavora in percorsi di affabulazione, musica, manipolazione, rivolti alle scuole materne per conto del Progetto Cultura della città di Torino
  • Dal 1996 collabora in progetti continuativi rivolti ai portatori di Handicap per conto del CST di Torino (Via Bologna) e del CST di Chieri e altri comuni. Percorsi di affabulazione, musica, creazione di storie, animazione, integrati da momenti di manipolazione condotti da Anna Maria Verrastro
  • Fondatore nell'anno 2000 del "Cèntro Nazionale pér la Promozióne délla Lettura Creativa ad Alta Vóce" di Cascina Macondo
  • Nell'anno 2001 partecipa al progetto Mus-E intervenendo con percorsi artistici e didattici nelle scuole materne ed elementari della città di Torino
  • Dal 1994 in collaborazione con la ceramista Anna Maria Verrastro gira le piazze d'Italia portando la cultura degli Indiani d'America con un vero tepee indiano alto sei metri all'interno del quale racconta fiabe e leggende dei pellerossa
  • Percorsi di Intercultura continuativi che prevedono l'animazione con la Tenda Indiana, l'affabulazione e la manipolazione, sono attuati nelle scuole e nelle Biblioteche di tutta Italia. Dal 2001 collabora con il Progetto Internazionale MUS-E con percorsi didattici sull’affabulazione, la lettura creativa, la scrittura, la poetica haiku.

 

Poetica Haiku

Appassionato di poesia haiku fin dagli anni ’70 da sempre coltiva la passione per l’essenzialità e l’immediatezza. Promotore del Concorso Internazionale di Poesia Haiku in Lingua Italiana ha stilato il “Manifesto della poesia Haiku in Lingua Italiana” di Cascina Macondo e il “Manifesto della sillabificazione delle parole italiane per la composizione di Haiku”. Ha ideato il Fuci, il Gianuhaiku, l’Ortohaiku, Shashaijin, Wasnahaijin Oicimani, il Corbello, il Misurale, la Poesia Nomognomica. Ha promosso molte iniziative per la diffusione della poetica haiku in Italia. Nelle scuole, ai bambini e agli adolescenti, insegna la composizione di haiku. Persegue una ricerca nella lettura ad alta voce degli haiku nel tentativo di definire lo stile di Cascina Macondo.

 

 

5x100

 

 

 

 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare