Home
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 0
ScarsoOttimo 

Mauro Gaggero

Sono genovese, la mia lingua madre è il genovese. Credo di essere arrivato alle medie ancora chiedendomi a cosa potesse servire l’italiano. Nel mio mondo si parlava solo genovese. Fresco di patente e una gran voglia di vedere il mondo, con Gino e la sua bella “500” abbiamo attraversato l’Europa, alla fine mi sono detto: il genovese e l’italiano non bastano… Eravamo alla fine degli anni sessanta. Ho passato gran parte della vita in giro per il mondo dell’industria, a occuparmi di problemi legati all’elettrotecnica, sono anche diventato membro del Comitato Elettrotecnico Italiano che per ovvie ragioni deve confrontarsi con gli altri comitati europei e internazionali. Ho usato in tutto questo tempo l’inglese, e un po’ il francese venuto con la dote di una bella ragazza che mi ha sposato. Questa mia vita da zingaro, insieme a tante testimonianze di tante persone di nazioni diverse, mi ha convinto che la comunicazione internazionale dovrebbe basarsi su una lingua neutrale, come il latino per esempio o l’esperanto (a tutti quelli che incontro suggerisco di studiarlo, è bellissimo) per garantire ad ogni uomo pari dignità. In Inghilterra ho scoperto come si fa una coda. Il modo di comportarsi della gente davanti ad una coda esprime, per me ancora oggi, il livello di civiltà del paese dove si svolge. Ritengo che la comunicazione tra popoli e nazioni di lingue diverse è garanzia di ricchezza, di influenze reciproche e di reciproco arricchimento culturale, ma dovrebbe essere condotta nella neutralità che solo una lingua neutrale può garantire.
 
 
 
 
5x100

 

 

 
CASCINA MACONDO
Centro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e POETICA HAIKU
Borgata Madonna della Rovere, 4 
10020 Riva Presso Chieri - Torino - Italy
tel. 011-9468397 - cell. 328 42 62 517
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.    -   www.cascinamacondo.com


 

Time Zone Clock

Sondaggio

quale di questi libri scritti da donne è stato per te particolarmente significativo?