Home Chi siamo
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 0
ScarsoOttimo 

 

 

 logo macondo  logo federazione teatro amatoriale  UBI soleri bertoni MINISTERO ITALIA

progetto di scrittura creativa e Haibun di Cascina Macondo - anno 2019
"SULLE ORME DI BASHO - LE DECLINAZIONI DEL VIAGGIO"
casa di reclusione "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
docente Pietro Tartamella

 

LO SGABELLO

haibun di Emilio Toscani



Ciao. Sono uno sgabello. Di legno. Come quello che ogni detenuto ha in dotazione nelle carceri. Adesso sono un pezzo di legno morto, ma una volta facevo parte di un bellissimo larice. Ero il terzo ramo a destra, partendo dal basso. Poi, all’improvviso, un fulmine ha bruciato il mio larice e lo scheletro annerito è stato portato in segheria.
Così sono diventato sgabello. Sapeste quanti dei miei compagni si sono seduti su di me. Ho visto gente ridere, piangere, vivere, sopra di me. Tutti i sentimenti e i pensieri possibili e immaginabili dell’umanità si sono seduti sopra di me.
Ne avrei cose da raccontare. Sono stato coinvolto anche in un paio di risse, usato come arma, riportando anche lievi ferite.
Se sapeste, di quanti segreti, frammenti di vita, confessioni, gioie e dolori, sono stato testimone.
Poi, a febbraio, a Civitavecchia, il dramma.
Ero in una cella appartenuta a un povero vecchio finito in galera per resistenza a pubblico ufficiale, avendo un pochino alzato il gomito per dimenticare i suoi dolori.
Un giorno gli portarono in cella un indiano, mezzo matto.
Il vecchio avvertì le guardie che era pericoloso stare con un matto, ma non ottenne alcuna reazione.
Di notte, senza motivo, l’indiano mi brandì, mi fece volteggiare nell’aria e mi calò sull’inerme testa del vecchio. Non solo una volta, ma insistette, a più riprese. Poco dopo il vecchio era morto e io ero aperto in due, in frammenti inservibili.
Adesso sono nella raccolta differenziata e verrò presto bruciato.
Certo che ero proprio un bel larice.



figlio di un larice

ho dato solo riposi -

ora un tizzone


 
 
 
 
 
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare