Home Archivio News-Eventi RCT - RESOCONTO PREMIAZIONE HAIKU 16° EDIZIONE 2018
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
RCT - RESOCONTO PREMIAZIONE HAIKU 16° EDIZIONE 2018 PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 0
ScarsoOttimo 
News - News
Scritto da Tartamella   
Sabato 08 Dicembre 2018 17:18

 

haiga su youtube- premiazione haiku 2018 a Cascina Macondo

 

MANIFESTO DELLA POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA

ULTIMO AGGIORNAMENTO NOVEMBRE 2018

lèggi e sottoscrivi se lo condividi

 

lettura haiku di Pietro Tartamella in stile Zikan
Cattedrale di Vilnius - Lituania 2009

 

 POETICA HAIKU

PRIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE SOCI HAICOM

problemàtiche - confronto - manifèsto haikù

 

L'APOSTROFO - MODIFICA
al "Manifesto della poesia haiku
in lingua italiana di Cascina Macondo"

deliberata all'unanimità dalla
Prima Conferenza Internazionale Haiku Soci Haicom
il 17 novembre 2018

 

 

CERIMONIA DI PREMIAZIONE 2018

PUBBLICO

 

RCT – RESOCONTO

Cerimonia di Premiazione

Concorso Internazionale Haiku Cascina Macondo

Anno 2018 - 16a edizione

 

resoconto di Antonella Filippi

resoconto di Giusi e Isa (gruppo Verbavox)

foto di Domenico Benedetto

 

 


LIBRO E CIOTOLADomenica 18 novembre, accompagnata da una piacevole giornata di sole, ha avuto luogo la premiazione del sedicesimo Concorso Internazionale di Poesia Haiku in lingua Italiana promosso da Cascina Macondo.
Quest’anno si è scelto di conferire un premio anche ai quarti classificati.

Questa edizione ha visto anche il Primo Convegno Internazionale di Poesia Haiku dei Soci Haicom di Cascina Macondo, che si è tenuto il sabato 17 novembre.

Alle 14.30 gli intervenuti prendono posto nel salone “Gibran” di Cascina Macondo: sono presenti Roberto Fontana (Mozzo - BG), primo premio sezione individuale, Severa Disingrini (CR), secondo premio e Serafino Piermanni (BO), terzo premio; è invece assente Maria Grazia Dessi (Dolianova - CA), quarto premio. Presente anche Mario Secco (CN) e alcuni altri autori
della sezione individuale i cui haiku sono stati pubblicati nell’antologia.
DONGU
Per la sezione collettiva (scuole, area disabilità) sono presenti Mila G. (Gruppo Viaggi Fuori dai Paraggi - TO), primo premio; Matteo Catarci, di Roma, secondo premio, con i genitori e il fratellino, che rappresentano anche Tito Barilli Bonacelli, quinto premio pari merito; assenti invece Enrico (Associazione Vivere - Santena TO), terzo premio e Barbara, quarto premio, della stessa Associazione.
Fra i segnalati al quinto posto pari merito sono presenti Daniele, Antonio, Fabrizio, Linda (Gruppo Viaggi Fuori dai Paraggi – TO).
Presenti, come ogni anno, Giusy, Isa, Roberta, Erika, del gruppo VerbaVox, che hanno l’onere e l’onore di leggere gli haiku selezionati. Dello stesso gruppo  presenti anche Rosa e Silvia.

Tra i giurati a presenziare la cerimonia la professoressa Fabia Binci di Genova, la traduttrice Annette Seimer, il fotografo-pittore di sumi-e Domenico Benedetto, gli haijin Fanny Casali, Oscar Luparia e Antonella Filippi che hanno consegnato i premi messi a disposizione dal Villaggio La Francesca nel Parco delle Cinque Terre (SP), dal Villaggio Tonga Soa Beach Resort-Nosy Baraha di Sainte Marie (Madagascar), dal Ristorante Panda della cittadina di Gent in Belgio e dall’Agriturismo Piancasale di Sorano (GR).
PUBBLICO E CAMINOAssenti giustificati la prof.sa Arianna Sacerdoti di Napoli, la prof.sa Alessandra Gallo, attualmente residente in Texas, il professor Fabrizio Virgili e Terry Olivi di Roma.

Pietro Tartamella (direttore artistico di Cascina Macondo, insegnante e haijin) dà il benvenuto e, dopo aver esposto alcune indicazioni logistiche, accenna alle molteplici attività di Cascina Macondo, giunta nel 2018 al venticinquesimo anno di vita e di lavoro nel campo della poesia e letteratura, del lavoro sulla voce, del teatro e delle attività legate alla disabilità e al disagio.

Riprendendo a parlare del concorso di poesia haiku Pietro mostra il libro “Il tram numero 4”, edito da La Ruota Edizioni-Cascina Macondo, che raccoglie i 114 haiku del concorso 2018  scelti tra i 496 pervenuti quest’anno (130 per la sezione individuale e 366 per la sezione collettiva, inviati da circa 250 partecipanti).
Rispetto alle precedenti edizioni, quest’anno la partecipazione è stata decisamente in tono minore, imputabile al fatto che
GRUPPO MILAper questa edizione è stato necessario introdurre una quota di iscrizione di euro 15 che permette non solo di partecipare al Concorso di Poesia Haiku, ma anche di ricevere la particolare newsletter FreccioleNews in formato .pdf, di fruire del 10% di sconto sull’utilizzo della Foresteria “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo, sui libri di Cascina Macondo acquistati in sede, sull’affitto della struttura Macondo nel caso un Socio Haicom volesse proporre corsi e stage, sui corsi e i laboratori di Cascina Macondo, sui manufatti in ceramica raku e l’oggettistica esposta nello spazio "Sharazade", e di partecipare ai convegni, conferenze, incontri, dibattiti, aggiornamenti sulla poetica ANNA CIOTOLAhaiku organizzati da Cascina Macondo.
A differenza degli anni scorsi, quest’anno, per mantenere ugualmente 114 haiku nella pubblicazione, molti autori compaiono con più haiku. Negli anni passati di ogni autore selezionato veniva pubblicato un solo haiku.
L’antologia di quest’anno è dedicata all’haijin olandese Max Verhart, morto il 17 aprile 2018, caro amico di Cascina Macondo e membro per tanti anni della Giuria onoraria del concorso.
Caratteristica dell’antologia è quella di essere scritta con accentazione ortoèpica lineare, una scelta editoriale di Cascina Macondo che mira a mettere in risalto la nostra lingua e a facilitarne la lettura, soprattutto a bambini e stranieri.

Annamaria Verrastro (presidente di Cascina Macondo, insegnante, ceramista) mostra la ciotola raku destinata al primo premio della sezione individuale, pronta per essere messa nello speciale forno all’aperto e spiega cosa significa “raku” e in cosa consiste, aggiungendo che rakuhaiku è il nome dato da Cascina Macondo ai manufatti raku che interpretano e plasmano nell’argilla una poesia haiku.

Il suono della campana tibetana scandisce l’inizio della performance di lettura rituale in stile Zikan dei 20 haiku finalisti, raggruppati per stagioni. La lettura è stata eseguita dai Narratori di Macondo (Annette, Luana) insieme al gruppo VerbaVox (Giusy, Isa, Roberta, Erika) e a Pietro Tartamella. All’inizio della lettura, spente le luci, Pietro mette alcuni rami di alloro nel fuoco del camino, invitando gli intervenuti ad ascoltare, nel silenzio e nell’oscurità, il crepitio crescente delle foglie e dei rami, mentre le fiamme che si sprigionano illuminano per un momento i visi e gli occhi attenti degli astanti.

PIETRO
Aspettando che Annamaria avverta di essere prossima all’estrazione dal forno della ciotola rakuhaiku destinata al primo premio sezione individuale, Pietro Tartamella spiega i programmi e i progetti dell’Associazione e presenta anche il libro “Un giorno e una notte – 157 favole di comunità”, Edizioni La Ruota/Cascina Macondo, una raccolta di favole esopiche scritte da bambini, da ragazzi dell’area disabilità e detenuti nell’ambito del progetto Omnia Fabula.

I partecipanti alla premiazione escono nel cortile “Alce Nero” per una breve pausa con una tisana calda e una fetta di torta, mentre una parte visita lo spazio Shahrazade
per ammirare i manufatti di ceramica prodotti a Cascina Macondo o per prendere visione dei molti libri di haiku e sull’haiku della biblioteca di Cascina Macondo esposti per l’occasione su due tavoli di legno sotto la tettoia recentemente ristrutturata, o per osservare la mostra di disegni ad acquerello realizzati da Mila G. esposti sulla grande vetrata del nuovo  spazio Dylan recentemente ristrutturato.

Appena Annamaria è pronta, il pubblico si assiepa nella zona attorno al forno, delimitata da fettucce per protezione degli astanti.
La ciotola rakuhaiku viene estratta incandescente dal fuoco, messa nella segatura per la riduzione dell’ossigeno, immersa quindi nell’acqua per il repentino raffreddamento che ha prodotto il suggestivo “canto dell’argilla”, il suono che identifica il formarsi del “craquelé”, la screpolatura dello smalto, che rende unico ogni pezzo di ceramica raku.

ALBERO SOLEAppena si rientra nel salone, avviene la consegna dei premi agli autori presenti della sezione collettiva, che sarà seguita dalla sezione individuale. I premiati ricevono l’attestato in carta di elefante, l’antologia dei 114 haiku selezionati e il manufatto in ceramica rakuhaiku che, per quanto riguarda la sezione collettiva, resterà alla scuola.
I premiati della sezione individuale riceveranno l’attestato in carta di elefante, l’antologia dei 114 haiku, la ciotola rakuhaiku e il premio messo a disposizione dagli enti sostenitori del concorso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SEZIONE COLLETTIVA

 


fiori e piantePrimo premio

silenzio a tavola
un secchiello di fiori
tra me e te


Gruppo Viaggi Fuori dai Paraggi, da un’idea di Mila G.

Una scena di intimità domestica: silenzio (sabi) a tavola. È il silenzio che segue una lite o è un silenzio buono che permette di riconoscere la distensione serena e la gioia di ritrovarsi insieme a condividere il cibo? In ogni caso i fiori (kigo) nel secchiello sanno
PIETRO-MILA-ANNAparlare, sono un segno di pace, un ponte che profuma di bellezza. Chi ha disposto i fiori sulla tavola? È una gentile consuetudine o sono stati messi per sottolineare un momento speciale? È un haiku di grande effetto visivo e delicata atmosfera (wabi-sabi), con un alone di mistero (yugen) e sfumature di luce. 

 

 



piante crescere

Secondo premio

guardo le piante
crescere a vista d’occhio
come un fratello


Matteo Catarci
, I.C. Padre Semeria, Roma

Una pianta (kigo) che cresce è una piccola meraviglia da guardare e osservare con stupore. Seguirne lo sviluppo permette di evolvere insieme a essa, aiuta a coltivare pazienza, gentilezza, rispetto per la natura di cui siamo parte. Diventa quasi un fratello, di cui si seguono i ritmi di crescita, con amore e un pizzico di fierezza. Le piante crescono silenziosamente (wabi-sabi), a vista d’occhio.
BAMBINO Il tempo passa in fretta, ma questo è nell’ordine naturale delle cose. Importante intanto è assaporare ogni momento, non perdersi neppure una fase del ciclo stagionale. Scena ricca di suggestione e grazia (karumi), che invita a una serena riflessione. 

 

 



uva e vino

Terzo premio

uva e vino
in saccoccia castagne
e le canzoni


Enrico, Associazione Vivere, Santena (TO)

Uva e vino ed è sùbito autunno (kigo). Stagione del gusto, delle sagre, delle gite in allegra compagnia. E delle castagne profumate in saccoccia…Intensa suggestione (wabi-sabi), coinvolgimento emotivo che risveglia ricordi a catena e un po’ di malinconia per il tempo che passa (aware). I primi versi profumano dei doni dell’autunno, il terzo esplode in sonorità per allontanare la malinconia… Cantare insieme, a squarciagola: un rito comune, genera gusto per la vita, palpita di energia e gioiosa leggerezza (yugen).



Quarto premio

oggi al mercato
la mia amica Loretta -
inverno sparito


Barbara, Associazione Vivere, Santena (TO)

LUANAHaiku di sfolgorante verità per consacrare il profondo valore dell’amicizia, sentimento così intenso che ha il potere di far sparire l’inverno reale o simbolico (kigo).
La parola inverno è uno scrigno che contiene a tutto tondo emozioni mentre disegna una scena: tristezza, sole pallido, aria pungente e fredda, rami stecchiti verso il cielo grigio…Tutto svanisce appena tra i banchi del mercato appare l’amica… Attesa o del tutto inaspettata? Tenerezza e stupore in chi osserva la scena e intuisce la gioia dell’incontro (wabi-sabi). Mille risonanze metaforiche (yugen). L’inverno non è soltanto una stagione dell’anno.


Segue la premiazione degli haijin che hanno partecipato singolarmente, che ricevono la ciotola rakuhaiku, l’attestato, l’antologia e, rispettivamente, il soggiorno di una settimana per 2 persone in una villetta del Villaggio La Francesca nel Parco delle Cinque Terre (La Spezia), quello di una settimana per 2 persone nel Villaggio Tonga Soa Beach Resort-Nosy Baraha di Sainte Marie (Madagascar) e quello di tre giorni per 2 persone all’Agriturismo Piancasale di Sorano (GR).

 


NEGOZIO
 

 

SEZIONE INDIVIDUALE

 


chicchi di risoPrimo premio

chicchi di riso
si andava al mulino
oggi ti sposi


Roberto Fontana (Mozzo - BG)

Le pesanti ruote di pietra del mulino antico e la leggerezza dell’àbito da sposa: due immagini contrapposte nella filigrana di questo haiku, in cui i chicchi di riso madreperlati e il bianco del velo sono tocchi di purezza assoluta. Bianco su bianco, di un candore che abbaglia. Un
ROBERTO E ANTONELLAvelo di malinconia in chi osserva, probabilmente un genitore o un parente anziano, o forse un corteggiatore dell’adolescenza… (wabi-sabi). Lanciare il riso sugli sposi è simbolo di benessere e prosperità, accettare che il tempo passi e tutto muti, in un fluire continuo, è saggezza e serena consapevolezza (aware). Ogni momento va accettato nella pienezza del suo essere e assaporato nei momenti di grazia che sa regalare.



orecchiniSecondo premio

ultima neve -
lei indossa gli orecchini
di sua madre


Severa Disingrini (CR)

L’haiku si apre con un guizzo di freschezza e sorridente grazia (karumi): il candore della neve (kigo) e la luce di un paio di orecchini,
DISINGRINI E OSCARperfetto scenario in cui si muove una giovane donna. La neve è l’ultima dell’anno e gli orecchini sono della madre: le stagioni si inseguono, le generazioni si succedono e si uniscono simbolicamente nella trasmissione di valori e di oggetti cari (aware). L’attenzione si risveglia (wabi), si mette in movimento il pensiero di chi osserva, in un silenzio incantato (sabi). Lei chi è? Chi osserva la scena? Un corteggiatore? Della madre o della figlia? Grazia e bellezza da cogliere al volo, infiniti richiami metaforici nel sospiro dell’attimo (yugen).



rughe

Terzo premio

notte d’inverno
in una mano tesa
soltanto rughe


Serafino Piermanni
(BO)

Il primo verso fa sùbito scattare una duplice suggestione. Notte, inverno (kigo): topoi letterari significativi, parole di per sé poetiche, direbbe Leopardi. Mistero, aria fredda, silenzio intorno (sabi)… Dal buio emerge una mano tesa, solcata da rughe profonde, vuota
SERAFINO(wabi). S’attarda nella notte un vecchio mendicante che i passanti non vedono neppure… La visione rattrista, il pensiero si mette in movimento (aware), ci si pone infinite domande. Perché questa indifferenza che uccide più del gelo? Le sensazioni vibrano nel silenzio della notte (sabi) e continuano a far riflettere.



Quarto premio


dopo la grandine
foglie sopra il campo
come soldati


Mariagrazia Dessi
(Dolianova - CA)

Una violenta grandinata ha devastato il campo. Come in guerra le granate e i proiettili così i grossi chicchi di ghiaccio (kigo) deflagrano, oscurano il cielo, piombano a terra con pesantezza e recano distruzione. Le foglie abbattute (wabi) rimandano per vie sottili alle vite spezzate sui campi di battaglia di ieri e di oggi. La scena immensamente triste apre a mille riflessioni, in un silenzio fuori dal tempo (sabi). L’haiku esprime con forza il sentimento della caducità delle cose (aware) e lascia intravedere l’alone misterioso sotteso a ogni realtà (yugen).

CIOTOLA FUOCOCome da tradizione, nel giorno della premiazione viene data la parola, per un massimo di 3 minuti, ai vincitori della sezione individuale e collettiva e a un membro della giuria tra i più anziani e prestigiosi. Si alternano così sul palco Serafino Piermanni e Mila G. che leggono infine i lori haiku nello stile Zikan, e Fabia Binci di Arenzano che fa un intervento sull’importanza di avvicinare i bambini alla poetica haiku.
Mila, in rappresentanza di tutto il gruppo Viaggi Fuori dai Paraggi, dice alcune parole sulla loro esperienza teatrale in Belgio ospiti dell’amico Ip Man.


Infine i partecipanti assistono alla proiezione dell’haiga (letteralmente “disegno di haiku”, una serie di diapositive riportanti i
CAMINO20 haiku selezionati come vincitori e pari merito nelle sezioni individuale e collettiva e le fotografie, nonché la musica, scelte da Antonella Filippi e Domenico Benedetto per illustrarli).

Verso le 18,00 Pietro Tartamella ferma l’uscita dei partecipanti manifestando l’intenzione di procedere, come ogni anno, alla chiusura rituale della giornata suonando
l’apposita campanella.

ANTONELLA LIBRIArrivederci alla prossima edizione del Concorso Internazionale di Poesia Haiku!

Antonella Filippi

 

 

 

 

 

 

 

Relazione di Giusi C.

Premiazione Concorso Internazionale Haiku 2018


GIUSIDomenica 18 novembre 2018 c’è stata la premiazione internazionale delle poesie haiku di Cascina Macondo dalle ore 14.30 alle 18.00. Arrivate lì, dopo aver salutato tutti e visto il nuovo emporio dove Anna prima faceva la cottura raku, siamo entrate nel salone Gibran e ci siamo sedute nei posti davanti riservati ai lettori. Pietro ha detto alcune raccomandazioni, le solite raccomandazioni che dice tutti gli anni, presentando la giuria del concorso e ha fatto ascoltare la ciotola tibetana che ogni volta che l’ho ascoltata stando in silenzio mi fa pensare ai momenti di pace e serenità.
Dopo aver ascoltato la ciotola tibetana viene il momento della lettura. Incomincia Pietro con il suo stile da narratore e legge un haiku con le tre modalità Zikan. Quando Pietro ha terminato e si è seduto sulla sedia mi sono alzata io a leggere un haiku, e poi tutti gli altri lettori. Mancavano solo Silvio che era malato e Fiorenza.
Il momento più emozionante è stato lo scoppiettìo dell’alloro nel camino a luci spente, come se sentissi la pioggia cadere nelle notti d’inverno. E il suono del flauto di Annette che segnava il passaggio alla primavera. Annette lo suona tutti gli anni il flauto alla premiazione e mi fa pensare ai paesi d’oriente e alle incantatrici di serpenti.
Finita la lettura Pietro ha presentato al pubblico i lettori. Tutti fanno applausi e ci hanno fatto i complimenti. Nel frattempo aspettiamo Anna che deve avvisarci che la cottura raku del primo premio è pronta.
Pietro ha presentato il libro di favole “Un giorno e una notte” e ha letto una favola, e mi ha invitato a leggere una favola che ho
MERENDAscritto io “la principessa e la coccinella”.
Anna ci ha chiamato, ché la ciotola raku del primo premio era pronta, e siamo andati a vedere l’estrazione dal forno. Le abbiamo fatto un grande applauso.
Poi ce ne siamo andate per motivi familiari, ma è stata una bellissima giornata.

 

 

 

 

 

Relazione di Isa A.

Premiazione Concorso Internazionale Haiku 2018

 

ISACome ogni anno abbiamo fatto la lettura internazionale a Cascina Macondo in occasione della premiazione del concorso haiku, ma il più bravo rimane il nostro professore che guardavo mentre parlava ed era come le prime lezioni al circolo dei lettori che il suo modo di parlare attira le persone che stanno attente alle parole ed è come se fosse un pescatore e le persone fossero non so che cosa e abbiamo visto che nessuno ha dormito guardandolo come noi e ci faceva piacere sentire qualche intervento mirato tranne il fidanzato di Silvia zittito da me da Giusi e dalle altre compagne verbavox che ci sembrava di essere a lezione e la cascina era diversa e mancava qualcosa ma guardando meglio c’era un posto nuovo e strano ma caldo e accogliente con tutte le cose buone e anche la cucina insomma un gran bel posto dove accogliere le persone e vedere i vetri con i disegni dei bómboli un modo diverso di arredare una doppia casa i palloncini e le poesie appese a quegli alberi come tanti sonaglini mossi dal vento ed è bello anche il negozietto messo lì anche se stasera era pieno come un uovo pur non essendoci stata tutta l’affluenza dell’anno ERIKAscorso e mancavano i bambini ma è stato bello lo stesso pochi ma buoni insomma anche questa volta ce l’abbiamo fatta e credo che più niente può spaventarci e sarebbe bello provare a fare un tur nelle scuole e asili sento che possiamo farcela se abbiamo letto persino il boccaccio e perfino zanna bianca e possiamo provarci con le favole per restare un po’ bambini come i cartoni animati e dare un po’ di sollievo a ciò che viviamo ogni giorno e le favole trasformerebbero un po’ questo mondo così cattivo e ci vorrebbe un po’ di leggerezza come appunto leggere le favole variopinte con i colori del natale lasciando fuori l’oscurità.

 

 

 

PUBBLICO E CORTILE
  

 

DISEGNI DI MILA
   

 

ANNETTE FLAUTO
 

 

SI RINGRAZIANO

THANKS TO

 

 

1° PREMIO SEZIONE INDIVIDUALE

VILLAGGIO LA FRANCESCA

Bonassola (La Spezia)

soggiorno di una settimana per due persone

www.villaggilafrancesca.it  

  

TERRAZZAIl Resort, situato nella Liguria di Levante, occupa un'area protetta (15 ettari di pini e macchia mediterranea,  800 mq a persona) con un fronte mare di 1 km circa. Data la sua particolare ubicazione - è esposto a mezzogiorno - gode di un microclima invidiabile (la temperatura media nei mesi più freddi scende raramente sotto i 10°); secco e soleggiato per buona parte dell'anno, è ventilato d'estate. Nel suo splendido isolamento, La Francesca è un piccolo borgo autosufficiente, in cui trascorrere piacevolmente il tempo senza obblighi e senza fretta. La nuova sensibilità del turista, alla ricerca di paesaggi, odori e sapori naturali, trova qui il luogo ideale per un soggiorno in ogni stagione dell'anno.  

CUCINA

The resort, located in the Riviera Ligure di Levante, in a protected area (15 hectares of pine forest and Mediterranean bush, 800 square meters per person) with a waterfront of about 1 km. Given its unique location - it is facing south -, it enjoys an enviable microclimate (the average temperature in the coldest months seldom falls below 10°C); it is dry and sunny for most of the year, and airy during summer. In its splendid isolation, La Francesca is a small, self-sufficient, village where you can spend your time without obligations and haste. The new tourist's awareness, looking for landscapes, scents and natural tastes, here finds the ideal place for a holiday all year round.

 

GOLFO ONDE     PISCINA

TENNIS     VILLINO

 

 

2° PREMIO SEZIONE INDIVIDUALE

RESIDENZA PIANCASALE

Sorano (GR)

soggiorno di tre giorni per due persone.

www.piancasale.com 


casa giallaAl centro di un’area di grande interesse artistico e paesaggistico, la Residenza Piancasale, vecchio casale dell’800, offre ai suoi ospiti appartamenti e camere nel silenzio della natura. La residenza si trova all’interno della nostra azienda agricola biologica dove produciamo latte con le nostre pecore, cereali per il fabbisogno aziendale, coltiviamo ulivi ed una piccola vigna. La sua collocazione tra Sovana, Sorano e Pitigliano permette di partecipare alle interessanti manifestazioni ed iniziative che si svolgono in questi centri nel corso dell’anno. L’area storicamente e archeologicamente ricchissima, con le suggestive necropoli etrusche e le antiche “vie cave” scavate nel tufo, offre la possibilità a chi ama l’arte, la storia e la natura di effettuare bellissime escursioni a piedi, in bicicletta o a cavallo. Il relax e la tranquillità sono garantiti dalla ricettività selezionata e dalla piscina immersa nel verde e circondata dal silenzio della campagna dell’estesa proprietà che circonda il casale.

CANTINA VINO

In an area of great artistic and landscape interest, the Residenza Piancasale, a farm-house of the nineteenth century, offers to guests apartments and rooms in the silence of nature. The residence is located within our organic farm where we produce milk with our sheep, cereals for the farm’s own requirements, and where we grow olive trees and a small vineyard. Its location between Sovana, Sorano and Pitigliano allows to participate in interesting events and initiatives taking place in these centers during the year. The historically and archaeologically rich area, with attractive Etruscan necropolis and the ancient "vie cave" carved into the tuff, offers the opportunity to enjoy hiking, biking or horseback-riding to those who love art, history and nature. Relaxation and tranquility are guaranteed by the selected accommodation and the swimming pool immersed in the green countryside and in the silence of the extensive property that surrounds the rural house.

interno tavolo   miniappartamento

 piscina   sediesdraio

 

 

3° PREMIO SEZIONE INDIVIDUALE

 P A N D A

delizioso ristorante vegetariano nel cuore di Gent (Belgio)


una cena per 4 persone

e un giro naturalistico

con la barca a remo di Ip Man nei canali di Gent

http://www.viadagio.be/  

 

commensali   Oudburg 38
   9000 Gent - Belgio
   +32 9 225 07 86


   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
   http://www.viadagio.be/        


  Panda è un negozio di prodotti ecologici, verdure e frutta biologiche. Un'offerta vegetariana fresca. Sul retro del negozio c'è il più antico ristorante vegetariano di Gent che si affaccia su un canale in Oudburg, dove vengono serviti piatti vegetariani e vegani con un tocco cinese. Durante la settimana ogni giorno solo un menù speciale. Un menu particolare il sabato.

 

logo panda


Categorie volwassen, 3de prijs

PANDA

heerlijk vegetarisch restaurant

in het hartje van Gent

een maaltijd voor vier personen bij Panda

gecombineerd met een ecologische boottocht

met Ip Man in Gent


Panda is een dieet- en natuurwinkel met ecologische producten, biologische groenten en fruit en een vers vegetarisch aanbod. Achteraan de winkel is een tavola apparecchiatavegetarisch restaurant, waar men vegetarische en veganistische maaltijden serveert met een sterke Chinese toets. Tijdens de week enkel een dagschotel, uitgebreide kaart op  zaterdag.

 

3rd prize for individual section

PANDA

delicious vegetarian restaurant in the heart of Gent

a dinner for 4 people and a naturalistic tour

on Ip Man's rowing boat on Gent's canals


Panda is a shop selling ecological products, organic vegetables and fruits. A fresh vegetarian offer. In the back of the shop there is Gent's oldest vegetarian restaurant overlooking a canal in Oudburg, where vegetarian and vegan dishes with a hint of Chinese cuisine are served. During the week every day only a special menu. A special menu on Saturdays.

barca e tavolo  canale gent

  canale di gent  barca e castello

 

 

4° PREMIO SEZIONE INDIVIDUALE

TONGA SOA BEACH RESORT

Isola Sainte Marie - Madagascar

soggiorno di una settimana per due persone

http://www.tongasoabeach.com/Article-Tonga-Soa-Beach-Resort-2,2853.html

 

palme

 

In un bungalow modernamente attrezzato, con il mare di fronte, scoprire il fascino di Sainte Marie e i suoi molteplici piaceri. Sainte Marie si trova nel Nord-Est del Madagascar. Un piccolo paradiso di 60 km di lunghezza e 5 km di larghezza ancora preservato dal turismo di massa. E con un giro in barca, ecco all’improvviso le balene!

barca

 

 

 In a bungalow facing the sea and equipped with modern facilities, to discover the charm of Sainte Marie and its many pleasures. Sainte Marie is located in the northeast of Madagascar. A small paradise of about 60 km in length and 5 km in width, still preserved from mass tourism. And with a boat ride, all of a sudden here are the whales!

 

animale   bungalow

spiaggia notte   terrazza

 

 

 

La Ruota Edizioni - Roma

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  www.laruotaedizioni.it

tel.  06 83544664  - dal lunedì al venerdì, ore 15-19

lo la ruota edizioni

 

La Ruota Edizioni nasce nel Settembre 2015 dall'idea di Maristella Occhionero, una giovane scrittrice molisana trapiantata a Roma, e da quella di Antonio Contoli, poeta e scrittore romano. La casa editrice nasce con lo scopo di trovare e promuovere nuovi talenti. La selezione dei romanzi avviene grazie all'aiuto di un gruppo di lettori volontari che costituiscono il Comitato di valutazione opere e che, attraverso un'attenta e seria selezione, si occupa di scovare testi dalla trama avvincente e ben scritti.

 

 
le collane di La Ruota Edizioni

Nuvole
nuvoleUna collana dedicata ai romanzi. Storie di vita, d'amore, di avventure passate o solamente sognate. Questa collana sarà ricca di libri pronti a far piovere emozioni su chi li leggerà proprio come nuvole cariche di pioggia.

Altri mondi
altri mondi
Una collana dedicata ai romanzi fantasy e da qui il nome "Altri mondi" perché i libri qui raccolti ci porteranno in mondi diversi dal nostro e in universi paralleli nei quali immergerci.

Ombre
ombreQuesta collana raccoglierà i titoli più oscuri de La Ruota Edizioni. Romanzi noir, gialli, horror e ricchi di suspense per i lettori appassionati del genere.


Perle
perle
Una collana dedicata alle raccolte di racconti che, come un filo di perle, accompagneranno i lettori in brevi, ma intense, narrazioni.


Petali
petaliLa collana è dedicata alle raccolte di poesie. Versi vellutati come petali che compongono un fiore delicato e che con la loro rara bellezza regalano emozioni sempre nuove.

Mirtilli
mirtilliUna collana dedicata ai testi per bambini e ragazzi. Racconti colorati, arricchiti da illustrazioni, per sviluppare creatività e immaginazione nelle giovani menti. Piccole storie, come mirtilli, per futuri uomini e donne.


Collana Cascina Macondo  -  dirètta da Piètro Tartamèlla
logo cascina macondocollana molto particolare che pùbblica con accentazione ortoèpica lineare. Libri di racconti, poesìe, saggi, haikù (raccòlte Tawani, Nakanisoto, Hanasanasi), misurali, corbèlli, ritratti anagrammàtici, romanzi, resoconti di viaggi, e altri scritti usciti dalla penna degli autori che ruòtano intorno a Cascina Macondo e che con essa attivamente collàborano.
Non siamo una casa editrice, ma un'associazione culturale di promozione sociale.

 

 

FUOCOFISSO  -  Lungo Dora Firenze, 151 - Torino

011.071.70.12   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.     http://www.fuocofisso.it

 

FUOCOFISSO

 

 

G.R.A SRL GESTIONI RETI AZIENDALI

NUOVA CART 2000

dal 1985

supporto tecnico e commerciale per Aziende e Privati

Via Roma 25 – 14019 Villanova d’Asti (AT)

tel. 0141-94 83 19  -  fax: 0141-94 66 38

www.gra-srl.com  -  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


GRA-VILLANOVA
ASSISTENZA TECNICA
Se il tuo P.C. incomincia a dare problemi, chiama il numero 0141-948319, ascolta le prime indicazioni e scegli il tipo di assistenza.

ASSISTENZA TECNICA IN SEDE
Puoi lasciare il tuo P.C. presso il nostro laboratorio. Dopo un accurato controllo i nostri tecnici ti esporranno il preventivo di spesa; se accettato, la riparazione sarà effettuata in breve tempo.

ASSISTENZA TECNICA A DOMICILIO
Se possibile il tecnico provvederà a risolvere subito il difetto del P.C. presso il cliente. Con una piccola differenza di prezzo si potrà subito riutilizzare il proprio computer.


CONSEGNA ED INSTALLAZIONE

Niente più sorprese tornando a casa, perché il P.C. lo consegnamo e lo installiamo noi con tutte le configurazioni supplementari: stampanti, scanner, modem etc.

 

 

CASCINA MACONDO

Riva Presso Chieri (Torino)

realizzazione dei manufatti raku

per i tre vincitori della sezione individuale

e i tre vincitori della sezione collettiva

+ organizzazione e promozione del concorso

www.cascinamacondo.com


casaAssociazione di Promozione Sociale, Centro Nazionale per la Promozione della Lettura Creativa ad Alta Voce e Poetica Haiku, già Associazione Culturale fondata nel 1993 da un gruppo di artisti, Cascina Macondo, antico convento del ‘500 e poi vecchia cascina ristrutturata, sorge tra campi di grano e mais lungo la strada comunale che da Riva presso Chieri conduce a Poirino. Con gli anni è andata specializzandosi nell’arte dell’insegnamento e della formazione. Con molti progetti sperimentati e sperimentali, con la lettura ad alta voce, la scrittura creativa, la manipolazione dell’argilla, la poetica Haiku, la danza, il teatro, le buone contaminazioni culturali, la sperimentazione, la ricerca,  Cascina Macondo vuole creare momenti di benessere e socializzazione, stimolare  l’incontro, la creatività, la crescita personale, la comunicazione, il confronto, il fermento delle idee,  la consapevolezza dei luoghi comuni.  Bambini, ragazzi, uomini, donne, disabili, anziani, stranieri, in un clima di naturalezza si incontrano e lavorano. E d’inverno, intorno al fuoco del camino, ancora si raccontano storie.

camera

Association for the Promotion of Social Action, National Center to promote Creative Reading Aloud and Haiku Poetry, former Cultural Association founded in 1993 by a group of artists, Cascina Macondo, an ancient sixteenth century convent and then completely renovated farmhouse, is situated among fields of wheat and corn along the road that leads from Riva presso Chieri to Poirino. Over the years it specialized in the art of teaching and training. With many experimented and experimental projects, with reading aloud, creative writing, clay manipulation, Haiku poetry, dance, theatre, good cultural contaminations, experimentation, research, Cascina Macondo wants to create moments of wellness and socialization, stimulate interaction, creativity, personal growth, communication, comparison, the upheaval of ideas, the awareness of stereotypes. Children, teens, men, women, disabled, elderly, foreigners, in an atmosphere of simplicity meet and work. And, in winter, around the fireplace, still many stories are told and heard.

ingresso   negozio

salone   ceramica



CHI DESÌDERA SOSTENERE

LA PRÒSSIMA 17° EDIZIONE - ANNO 2019

DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESÌA HAIKÙ

IN LINGUA ITALIANA ÈDITO DA CASCINA MACONDO

RICHIÈDA INFORMAZIONI ALL'INDIRIZZO: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

THOSE WHO WOULD LIKE TO SUSTAIN

THE UPCOMING 17TH EDITION - YEAR 2019

OF THE INTERNATIONAL HAIKU CONTEST IN ITALIAN

ORGANISED BY CASCINA MACONDO

CAN ASK FOR INFORMATION AT: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

CASCINA MACONDO - ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE
Centro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e POETICA HAIKU
Borgata Madonna della Rovere, 4  - 10020 Riva Presso Chieri - Torino - Italy
tel. 011-9468397 - cell. 328 42 62 517

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.    -   www.cascinamacondo.com
 
 
 cascina macondo è iscritta alla FITA (Federazione Italiana Teatro Amatori)
 
fita
 
dal 2002 collabora con il Progetto Mus-e (L'Arte per l'integrazione a scuola)
muse
 
 
 

MANIFESTO DELLA POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA

ULTIMO AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2012

lèggi e sottoscrivi se lo condividi

 

 UN GIORNO E UNA NOTTE

- 157 fàvole di comunità -

di Piètro Tartamèlla
La Ruòta Edizioni - collana Cascina Macondo



HAIGA (ABBINAMENTO DI HAIKU E IMMAGINE)
DEI BAMBINI DELLE SCUOLE

 

 I LIBRI DI CASCINA MACONDO

 

                                5x100

dona il 5 x 1000 della tùa dichiarazione dei rèdditi, non còsta nulla,
e il velièro di Macondo avanza nel mare di un altro miglio
- una pàgina per vela e vìa col vènto -

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Martedì 11 Dicembre 2018 08:08 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare