Home Archivio News-Eventi ARTURO PERPLESSO DAVANTI ALLA CASA ABBANDONATA SUL MARE, di Stefano Benni
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
ARTURO PERPLESSO DAVANTI ALLA CASA ABBANDONATA SUL MARE, di Stefano Benni PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 0
ScarsoOttimo 
cassetto degli articoli - armadio degli articoli
Scritto da Tartamella   
Domenica 22 Luglio 2018 16:04

 

 

 ARTURO PERPLESSO DAVANTI
ALLA CASA ABBANDONATA SUL MARE

di Stefano Benni

da "Il Bar sotto il mare"

 


Le persone non muoiono,                                                       
restano incantate.

(Joao Guimaraes Rosa)


 
         Il bambino col costume blu aveva camminato per almeno un chilometro di spiaggia. Adesso era fermo davanti a quella casa con tutte le porte e finestre chiuse. Non c'erano i giocattoli di Maria in giardino. Non c'era più l'amaca tra i due alberi. Il bambino si girò allora verso il mare, che era calmo e viola, e si mise a sedere. Disegnava con un bastoncino nella sabbia, per non pensare.
La bambina sbucò all'improvviso da dietro una cabina. Lanciò un urlo che nelle sue intenzioni era terrificante.
- Preso!
- Scema - disse il bambino, contento.
Lei prese la rincorsa, saltò e atterrò con una scivolata sui talloni, riempiendolo di sabbia.
- Fatto paura, eh, generale Arturo?-
- Ti avevo visto...
- Ma che visto! Ti guardavi intorno che sembravi uno scemo. Facevi così, guarda...
E Maria mimò Arturo Perplesso Davanti alla Casa Abbandonata sul Mare.
- Per forza, ho visto tutto chiuso.
- Stiamo partendo - disse Maria facendo volare la sabbia col piede.
- Il nonno non ce la fa... insomma non gli fa bene stare qui, il dottore ha detto che è meglio riportarlo a casa.
- E quando partite?
- Stasera. Non vedi? È tutto chiuso ormai. Già fatte le valigie.
- E i gatti?
- Oh, quelli ritorneranno nel giardino della vicina. Sono furbi.
Il bambino si alzò in piedi anche lui, ci pensò un po' su e si mise con la testa puntata nella sabbia per fare la verticale.
Poi ci rinunciò.
- Cosa fai, generale Arturo?
- Siete sicuri che dovete proprio partire? - disse il bambino. Con la testa piena di sabbia sembrava un manichino di negozio.
- Certo che dobbiamo.
- Ma l'estate non è ancora finita. C'è ancora sei giorni di agosto, tutto settembre e ottobre.
- Ottobre non è più estate. E poi è per il nonno. Ha detto che vuol morire nel suo letto.
- Anche qua c'è il suo letto - disse il bambino.
- Nel suo di città. È molto stanco. Ieri notte è stato male e ho dovuto tenergli su la testa mentre la mamma gli dava le gocce. È magro, non pesa niente. Era come tener su la testa di un gatto.
Il bambino sembrò sovrapensiero. Si scrollò un po' di sabbia dai capelli e guardò verso il mare.
- Allora partite per tuo nonno.
- Sì
- E se tuo nonno guarisce, resterete?
- Credo di sì.
Il bambino sorrise.
- Io posso non far morire tuo nonno.
- Bum!
- Ti giuro. L'ho già fatto con mio nonno l'anno scorso. Gli era venuta la febbre altissima. Il dottore scuoteva la testa. Allora il nonno ha voluto vedermi. Mi teneva la mano nella sua. Poi mentre stavo per andar via, mi ha chiesto un bicchier d'acqua. Io non sono stato attento e gliel'ho versato quasi tutto addosso. Lui ha riso e dopo è guarito.
- Chi l'ha detto?

- Te lo dico io. Il giorno dopo stava già meglio. Una sttimana dopo lo abbiamo portato in montagna e voleva farsi una passeggiata appena sceso dalla macchina. Ha mangiato un gran piatto di ciliegie già la prima sera. E ha detto alla mamma: vedi, è stato Arturo col suo bicchiere d'acqua che mi ha guarito.
- Tu sei tutto matto.
- Proviamo - disse il bambino - lasciami provare...
La bambina guardò la casa. Non vide la macchina dei genitori sul lato del garage. Prese per mano Arturo.
- Andiamo - disse.
         La casa era buia, tutte le persiane erano chiuse, c'era odore di lenzuola e carta di armadi. Dovettero camminare piano fino alla camera del vecchio, l'unica dove c'era ancora una finestra semiaperta. La camera era piena di valigie, c'era anche l'amaca arrotolata e in un angolo i giochi di Maria dentro un cesto. Il vecchio era a letto, con tanti cuscini che stava quasi seduto. Respirava regolarmente, con una specie di schiocco della gola. Dormiva. Solo, come si è soltanto nei sogni, dove ciò che fai non cambia il mondo.
- Non mi sembra che stia morendo - disse il bambino.
- Non senti che respiro lento?
Ascoltarono. Il respiro del vecchio andava a tempo col rumore del mare. Poi improvvisamente si impennò e il vecchio tossì forte molte volte. Aprì gli occhi e vide nella penombra la maglietta bianca del bambino e il vestito azzurro della bambina.
- Generale Arturo - disse il vecchio con un filo di voce - sei venuto a salutare l'ammiraglio?
- Signorsì - disse il bambino. Si avvicinò al letto e mise una mano sulla coperta. Il vecchio faceva odore di panni bagnati. Sudava e aveva una crosticina all'angolo della bocca.
- Per quest'anno le esercitazioni sono sospese. Ma mi raccomando... tieni il battello in buone condizioni.
- Signorsì.
Maria girò dall'altra parte del letto e appoggiò una mano sul braccio del vecchio. La pelle era lucida di sudore e il sole, entrando dalle persiane, la faceva risplendere.
- Nonno, hai un braccio d'oro - disse Maria.
- Sì. Sono tutto d'oro, sudato d'oro zecchino - disse il vecchio.
- Diglielo - disse il bambino.
- Cosa? - chiese il vecchio.
La bambina prese da parte il bambino e lo portò nell'angolo più lontano della camera. Il vecchio li vide sparire nell'ombra.
- Perché devo dirglielo? Fallo e basta...
- Non posso versargli un bicchier d'acqua così addosso senza dirgli niente... magari muore dallo spavento.
- Non so come dirglielo.
- Diglielo.
             
           La bambina tornò vicino al vecchio. Si sedette in fondo al letto, le gambe toccavano appena terra.
- Dov'è finito il generale Arturo? - chiese il vecchio.
- È andato ... a prenderti un bicchier d'acqua.
- È gentile ... ma non l'avevo chiesto.
- Sai com'è testone il generale.
Il bambino riapparve. Reggeva in mano un boccale da birra pieno di acqua frizzante.
- Sei matto, generale - disse la bambina - quella è l'acqua che dovevamo bere in viaggio.
- Dal rubinetto non ne viene.
- L'acqua è già chiusa - disse il vecchio - ma perché quel bicchiere enorme?
- Diglielo - disse il bambino.
- Non sono capace - disse la bambina - diglielo tu.
- Oh insomma - disse il vecchio fingendo di essere spazientíto - si può sapere cosa state tramando alle mie spalle?

La bambina incrociò le braccia e restò in equilibrio sul tallone di un piede e la punta dell'altro.
- Arturo... voleva mostrarti i suoi poteri magici... Ecco lui vorrebbe ... aiutarti...
- Io vorrei provare a non farla morire, ammiraglio - disse il bambino - naturalmente se lei è d'accordo.

Il vecchio restò un attimo in silenzio. Cercò di vedere l'espressione dei due bambini nella penombra.
- E ... come farai?
- Oh, è semplice - disse il bambino, avvicinandosi piano piano - l'anno scorso io ho tirato... cioè, senza farlo apposta, ho versato un bicchier d'acqua addosso a mio nonno.
- Ed è guarito - disse la bambina - cioè non è sicuro che sia stato Arturo con i suoi poteri, però è stato così.
Il vecchio si morse le labbra. Una mosca volava sulle lenzuola. Chiuse gli occhi e non era poi tanto sicuro che ci fossero davvero i due bambini nella stanza. Faceva fatica a respirare.
Riaprì gli occhi.
- E l'hai guarito con un bicchiere così?
- No, era meno pieno, ma per stare sul sicuro... - dissse il bambino.
- Arturo non fare lo scemo - disse la bambina - devi fare esattamente come con tuo nonno... gli hai versato addosso un boccale da birra così?
- Era così.
- Bene, bene - disse il vecchio - e... come eri vestito?     Che formule magiche hai pronunciato?
- Avevo una camicia gialla - disse il bambino.
- Vedi che c'era qualcosa che mancava? - disse la bambina. Guardò le valigie e poi ne apri una e tirò fuori una camicetta gialla.
- Ma è da donna - protestò il bambino.
- Per il rito è il colore che conta - disse il vecchio tossendo - e poi cosa hai fatto? Che parole hai detto?
- Ricordati tutto per bene, generale Arturo - disse la bambina - non fare il tonto come al solito.
- Reggimi il bicchiere - disse il bambino. La camici gli arrivava fino alle ginocchia. Con gli indici si strinse le tempie.
- Allora, sono salito sul letto col bicchiere... poi ho detto bevila tutta...
- Sicuro?
- Sicuro.
- Da che parte sei salito? - disse la bambina - è importante.
- Da questa - indicò il bambino - perché dall'altra c'era il muro.
- Non possiamo spostare il letto contro il muro - si lamentò la bambina.
- Io credo che l'importante - disse il vecchio - siano i gesti, la formula "bevila tutta" e soprattutto l'acqua minerale.
- Era minerale? Minerale frizzante? - chiese la bambina, puntando il dito sul petto di Arturo.
- Sicuro.
- Allora vai.
Il bambino prese il boccale con grande attenzione. Girò intorno al letto tenendo una mano sul controschienale. Poi cautamente ci salì sopra. Il vecchio tossì e il bambino riuscì a fare in modo che il sobbalzo non facesse cadere neanche una goccia. Incontrò lo sguardo di approvazione della bambina. Poi alzò il bicchiere vicino al viso del vecchio e disse:
- Bevila tutta.
Il vecchio fece un cenno di ringraziamento col capo.
Il bambino versò poco alla volta il bicchier d'acqua sul petto del vecchio e si mise a ridere. Stava finendo di bagnarlo quando entrarono i genitori della bambina. Spalancarono la finestra e la luce illuminò la scena.
- Siete impazziti? Cosa state facendo? - disse il padre.
Il vecchio cercò di dire qualcosa, ma la tosse glielo impedì.
Il generale Arturo, serissimo, posò il bicchiere sul comodino proprio come ricordava di averlo messo allora, vicino al bordo.
La bambina corse dalla madre e la tirò per la manica:
- Forse il nonno non muore - disse sottovoce.

 

 

 

 

cascna macondo

“Lèggere è bèllo come scrìvere, viaggiare, fare l’amore”  (Pietro Tartamella)

 

partita iva e còdice fiscale per donare il 5 x 1000:  06598300017
codice IBAN: IT13C0335901600100000013268
per donazioni liberali e contributi sostenitori

 

dona il 5 x 1000 della tùa dichiarazione dei rèdditi, non còsta nulla,
e il velièro di Macondo avanza nel mare di un altro miglio...

 

Cascina Macondo
Cèntro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e Poètica Haikù
B.ta Madònna della Róvere, 4
10020 Riva Prèsso Chièri (TO)

 

 

RACCONTI ALTRI

lettere e parole SUL & DAL  carcere

 I RACCONTI DI SCRITTURALIA

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 27 Luglio 2018 03:18 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare