Come Navigare

Frécciolenews

Calendario Eventi

<<  Aprile 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Utenti online

 179 visitatori online

Creative Commons License
All the content and downloads are published under Creative Commons license
Home Archivio News-Eventi ACCENTAZIONE ORTOÈPICA LINEARE, scelta editoriale controcorrènte
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
ACCENTAZIONE ORTOÈPICA LINEARE, scelta editoriale controcorrènte PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 0
ScarsoOttimo 
News - News
Scritto da Tartamella   
Martedì 14 Gennaio 2020 14:57

 

 

accentazione

 

ACCENTAZIONE ORTOÈPICA LINEARE

scelta editoriale controcorrènte di Cascina Macondo

di Piètro Tartamèlla

 

Milioni di persone di ogni livèllo culturale spesso si imbàttono in paròle italiane che non sanno come pronunciare esattamente, spècie se si tratta di paròle pòco usate. Il risparmio di tèmpo, inchiòstro, professionalità, perseguìto dai quotidiani e dai rotocalchi che stàmpano ogni giorno milioni di paròle in lingua italiana, non è motivazione sufficiènte a giustificare l’abbandono della precisione della nòstra lingua. Tròppo spesso gli adulti diménticano di vìvere circondati da una mirìade di bambini in fase evolutiva che stanno imparando la loro lingua madre. Diménticano altresì che òggi siamo circondati sèmpre più da migliàia di bambini stranièri. La precisione non può che aiutarli ad acquisire mèglio e più profondamente la lingua che parleranno, evitando loro incertezze e confusioni. La scelta di Cascina Macondo di stampare libri con scrittura ortoèpica lineare vuòle èssere pràtica applicazione di uno dei principi della recublènza. Per l’adulto molte còse pòssono èssere òvvie e scontate, ma non per il bambino. La scrittura ortoèpica, resistèndo alle tentazioni dell’ovvietà, realizza un sòrta di “patto di solidarietà” con il mondo infantile, ricordàndoci ogni momento che quel mondo, di cùi ogni adulto è responsàbile, vive e cresce sèmpre parallèlo al nòstro fianco. Ogni tipo di lettore può ricavare beneficio dalla scrittura ortoèpica: adulti alfabetizzati, laureati, bambini, insegnanti, studènti, stranièri, dislèssici, casalinghe, attori, anziani, giornalisti, polìtici. Rèndere un buòn servizio alla nòstra lingua italiana, con l’augurio che pòssa diventare davvero patrimònio di una collettività sèmpre più ampia e più consapévole, ci sembra insomma una còsa buòna.



ÒTTO RÈGOLE ORTOÈPICHE


1)  si accèntano sèmpre le paròle che nella sìllaba tònica hanno una “è” o una “ò” con suòno apèrto:  (portière, ruòta, accondiscendènza, intempèrie, bèllico, còsa, mòlle…)

2)  si accèntano sèmpre le paròle tronche, sdrùcciole, bisdrùcciole:
      (canterò, perché, àlbero, convénnero, càpitano)

3)  ci sono paròle che pòssono avere dùe accènti ortoèpici, (quando la prima parte della paròla contiène un suòno apèrto): i numerali  (cèntovénti, trecèntonòve) - le paròle composte  (pòrtaombrèllo, fèrrovìa) - gli avvèrbi di mòdo che finìscono in “ménte”  (lièveménte, orrèndaménte, sòlitaménte, mòlleménte)

4)  si accèntano i mònosìllabi e gli omògrafi il cùi significato cambia a seconda del loro accènto ortoèpico. Es.  da (preposizione) - (vèrbo); se (congiunzione) - (pronome)

5)  si consiglia di accentare lo iato, per ricordare al lettore che le vocali coinvòlte costituìscono appunto sìllabe separate. A vòlte  è consigliabile accentare anche la vocale tònica del dittòngo, dello iato, del trittòngo quando, ponèndoci nei panni di uno stranièro o di un bambino, abbiamo il ragionévole dubbio che pòssa lèggere la paròla in mòdo errato, e anche se la paròla è piana: in-tùi-to, in-tu-ìt-o, co-stru-ì-to.
Si accènta il dittòngo in fine di paròla, in quanto la paròla è tronca:
por-tài, con-si-de-rài, per-met-téi…

6)  è consigliàbile porre l’accènto ortoèpico sùi nomi pròpri di persona. Sùi cognomi è mèglio di nò (a meno che non si è sicuri dell’esatta pronuncia) in quanto essi pòssono discostarsi molto dalle règole ortoèpiche comuni. Nel dubbio si preferisca lasciare il cognome come se fosse una paròla piana.

7)  tutte le vocali  a, i, u  contenute nelle paròle italiane hanno suòno apèrto (à, ì, ù)

8)  la maggioranza delle paròle italiane sono piane (accènto tònico sulla penùltima sìllaba) e normalmente non si accèntano, a meno che la penùltima sìllaba non contènga una “è”, o una “ò” con suòno apèrto.



SUÒNO APÈRTO (accènto grave)     -     SUÒNO CHIUSO (accènto acuto)

è   =  suòno apèrto (con accènto grave) come nelle paròle:
         bène, insième, Irène, sciènza


é
   =  suòno chiuso (con accènto acuto) come nelle paròle:
         méla, séra, perché, potére, volévo


ò   =  suòno apèrto (con accènto grave) come nelle paròle:
         buòno, ruòta, paròla, cuòre


ó   =  suòno chiuso (con accènto acuto) come nelle paròle:
         dizióne, canzóne, attóre, corróso




DITTÒNGO – IATO – TRITTÒNGO



FÓRMANO DITTÒNGO (è l’incontro di dùe vocali che fórmano una sola sìllaba)

MM  l’unione di dùe vocali mòlli àtone (i-u):  
       Lui-sèl-la,  Giu-sèp-pe, giu-rà-to, giu-ràs-si-co, frui-tó-re, à-qui-la

MM  l’unione di due vocali molli (i-u) se  la seconda è accentata: 
       guì-da,  più-ma, dol-ciù-me, fiù-to, fiù-me, mar-ciù-me, schiù-ma  

Forma invece iato se la vocale mòlle àtona (i-u) viène pronunciata con un suòno allungato, sufficiènteménte autònomo, leggèrménte separato dal suòno della vocale mòlle tònica che la segue: su-ì-no, re-dar-gu-ì-re, li-ù-to, in-tu-ì-to, li-ù-to, i-stru-ì-to

MM  l’unione di due vocali molli (i-u) se  la prima è accentata: for-tùi-to, flùi-do
Forma invece iato se la prima vocale accentata viène pronunciata con un suòno allungato, sufficiènteménte autònomo, leggèrménte separato dal suòno della vocale mòlle àtona che la segue: lù-i, sù-i, bù-io

DM  forma dittòngo l’unione di una vocale dura (a-e-o) con una vocale molle (i-u), entrambe àtone: au-rò-ra,  dei-tà, au-stè-ro

MD  l’unione di una vocale molle (i-u) con una vocale dura (a-e-o) se sono entrambe àtone: pio-và-no, gua-dà-gno

DM - MD  l’unione di una vocale dura (a-e-o) con una mòlle (i-u), se la vocale dura è accentata: àu-ra,  lài-co, fià-to, co-rèu-ti-ca, ma-iò-li-ca, plèu-ra, piàt-to (agg. superficie piatta), piòg-gia
Forma invece iato se la vocale mòlle àtona viène pronunciata con un suòno allungato, sufficiènteménte autònomo: pi-àt-to (oggètto dove si mangia), pi-ò-lo, flu-èn-te, cru-èn-to, co-sti-tu-èn-te



FÓRMANO IATO (è l’incontro di dùe vocali che fórmano sìllabe separate)

MM   l’incontro di dùe vocali mòlli (i-u) quando la prima è tònica e viène pronunciata con un suòno allungato, sufficiènteménte autònomo, leggèrménte separato dal suòno della vocale mòlle àtona che la segue: Lù-i,  sù-i,  bù-io.  

MM   fórma iato l’incontro di dùe vocali mòlli (i-u), quando la seconda è tònica, ma la prima vocale àtona viène pronunciata con un suòno allungato, sufficiènteménte autònomo, leggèrménte separato dal suòno della vocale mòlle tònica che la segue: su-ì-no, re-dar-gu-ì-re, li-ù-to, in-tu-ì-to, i-stru-ì-to, re-sti-tu-ì-to

MD   l’incontro di una vocale mòlle (i-u) e una dura (a-e-o) quando la prima vocale mòlle è tònica: mì-o, tù-o, sù-o, trì-o, mia-go-lì-o, mì-o-pe

DM   l’incontro di una vocale dura (a-e-o) àtona con una vocale mòlle (i-u) tònica: ba-ù-le,  pa-ù-ra  

DD (DD, DD) forma sèmpre iato l’incontro di dùe vocali dure (a-e-o), indipendènteménte da dove cade l’accènto tònico: be-à-to, a-è-re-o, be-a-tri-ce, pa-é-se, ca-ò-ti-co, pa-le-o-lì-ti-co



FÓRMANO TRITTÒNGO (è l’incontro di tre vocali che fórmano una sola sillaba)

-  il trittòngo scaturisce solo dall’incontro di dùe vocali mòlli (i, u)  e una vocale dura (a, e, o). La vocale dura dève avere però l’accènto tònico: a-iuò-la, tuòi, mièi, fi-gliuò-lo, cro-giuò-lo


per ascoltare i suòni apèrti e i suòni chiusi delle vocali  (è / é) – (ò / ó)    http://www.youtube.com/watch?v=10eMTwhdrOY

 

ESEMPIO DI BRANO CON I TRE TIPI DI ACCENTAZIONE

 

 1°

ACCENTAZIONE NORMALE

 

 

ACCENTAZIONE BINARIA

 

 3°

ACCENTAZIONE LINEARE

 

 

 brani vari con accentazione ortoèpica lineare

 

 

in memoria di Alessandro Leogrande

la legalità un'arma a doppio taglio

treccioline sulle spalle e in mano un giornaletto

teoria nomognòmica

i sistemi di votazione - l'ipotesi di scissione

chi sterminerà i poeti?

la distanza? Parliamone...

l'uramatògrafo reading scope

l'accentazione ortoèpica lineare

 

Cascina Macondo – Associazione di Promozione Sociale
Cèntro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e POÈTICA HAIKÙ
Borgata Madònna della Róvere, 4  -  10020 Riva Prèsso Chièri - Torino - Italy
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   -  www.cascinamacondo.com

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 15 Gennaio 2020 22:04 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare