Come Navigare

Frécciolenews

Calendario Eventi

<<  Novembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Utenti online

 117 visitatori online

Creative Commons License
All the content and downloads are published under Creative Commons license
Home Archivio News-Eventi RCT - RISULTATI CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU 2012 - 10 EDIZIONE
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
RCT - RISULTATI CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU 2012 - 10 EDIZIONE PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 47
ScarsoOttimo 
News - News
Scritto da Super Amministratore   
Mercoledì 12 Settembre 2012 17:06

 

 

Cascina Macondo - Associazione di Promozione Sociale
Centro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e Poetica Haiku
Borgata Madonna della Rovere, 4  -  10020 Riva Presso Chieri - Torino - Italy
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. www.cascinamacondo.com
 
 


CASCINA MACONDO

RISULTATI CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU
IN LINGUA ITALIANA - 10° EDIZIONE 2012



MANIFESTO DELLA POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA

ULTIMO AGGIORNAMENTO SETTEMBRE 2011

lèggi e sottoscrivi se lo condividi

 
 
La 10° edizione 2012 del Concorso Internazionale di Poesìa Haikù in Lingua Italiana bandito da Cascina Macondo ha visto la partecipazione di circa 650 autori, adulti e studènti, proveniènti da ogni parte del mondo (Italia soprattutto, Inghiltèrra, Olanda, Lituania, Svèzia, Bèlgio, Francia, Spagna, Romanìa, Croazia, Bulgarìa, Sèrbia, Repubblica Cèca, Polònia, Giappone, Australia, Argentina, Cile, Brasile, Filippine), con 1248 haikù pervenuti.
Esprimiamo il nòstro ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possìbile il succèsso di questa 10° Edizione: gli autori, il pùbblico che ha votato, la stampa, le radio, i siti wèb, le riviste di poesìa e letteratura, le bibliotèche, le scuòle, gli insegnanti, i prèsidi, i direttori didàttici, le pro-lòco, i locali pùbblici, i teatri, le associazioni, i cìrcoli culturali di italiani all’èstero, gli amici che hanno trovato anche il tèmpo di appèndere locandine in luòghi lontani.  
Come ogni anno la Giurìa ha lètto scrupolosamente tutti gli haikù pervenuti, confrontàndosi accaloratamente sino alla non fàcile scelta di selezionare i 114 haikù per la pubblicazione e, tra questi, decretare i vincitori. C’è sèmpre qualcuno che rèsta deluso in un concorso, pensando che sarèbbe stato mèglio premiare altri haikù. Cèrto, anche altri haikù meritàvano di èssere premiati, lo sappiamo anche noi. Ma abbiamo fatto la nòstra scelta. Ci teniamo a ricordare che il Concorso Internazionale Haikù di Cascina Macondo, pur essèndo un concorso con prèmi, non vuòle èssere una “competizione”. Esso è piuttòsto, come ribadito più vòlte, e come la scelta della partecipazione palese suggerisce, un’annuale occasione di incontro e confronto fra gli appassionati di poesìa haikù di tutto il mondo.
Per tògliere inoltre ogni dubbio sulla conformità sillàbica o sulla presènza del Kigo, Kigo Tèmporis o Kigo Misuralis che alcuni haikù selezionati potrèbbero a prima vista insinuare nel lettore, ricordiamo vivamente di lèggere il nòstro “Manifèsto della poesìa Haikù in Lingua Italiana”.
Un arrivederci all’anno pròssimo.

 
At the 10th Edition 2012 of the International Contest of Haiku Poetry in Italian, promoted by Cascina Macondo, took part about 650 authors, adults and students, coming from all over the world (above all Italy, United Kingdom, The Netherlands, Lithuania, Sweden, Belgium, France, Spain, Romania, Croatia, Bulgaria, Serbia, Czech Republic, Poland, Japan, Australia, Argentina, Chile, Brazil, Philippines) with 1248 haikus. We thank all those who made possible the success of this 10th Edition: the authors, the voting public, the press, the radios, the websites, the poetry and literature magazines, the libraries, the schools, the teachers, the headmasters, the didactic directors, the municipal tourist boards, the theatres, the associations, the Italian cultural clubs abroad, the friends that found the time to hang a leaflet in far places. As every year the Jury read scrupulously all the 1200 haikus, discussing animatedly until the not easy choice to select the 114 haikus for publication and, among these ones, to choose the winners. There is always someone disappointed in a contest, thinking that it would have been better to award other haikus. We know for sure that also other haikus deserved to be awarded, but we took our choice. We want to remind that the Cascina Macondo’s International Haiku Contest, even if it is a prize contest, does not want to be a “competition”. It is rather, as repeated more than once and as the choice of the manifest participation suggests, a yearly occasion to meet and to confront among people passionate about haiku poetry all over the world. Besides, to remove every doubt about the syllabic conformity or the presence of Kigo, Kigo Temporis or Kigo Misuralis that some selected haiku could insinuate in the reader, we strongly suggest to read Cascina Macondo’s “Manifesto della poesìa Haiku in lingua italiana”. Goodbye till next year.

Piètro Tartamèlla e la Giurìa



ringraziamenti alla giurìa

Alessandra Gallo, Annètte Seimer, Antonèlla Filippi, Arianna Sacerdòti,
Doménico Benedetto, Fabia Binci, Fabrizio Virgili, Floriana Pòrta,
Òscar Luparia, Piètro Tartamèlla, Tèrry Olivi


ringraziamenti alla giurìa onoraria
Ban’ya Natsuishi (Giappone), Danilo Manèra (Italia),
David Còbb (Inghiltèrra), Jim Kacian (USA), Max Verhart (Olanda),
Visnja Mcmaster (Croazia), Zinovy Vayman (Russia)


ringraziamenti agli spònsor e ai patrocini

Regione Piemonte   www.regione.piemonte.it
Fondazione Italia-Giappone   www.italiagiappone.it
Villaggio La Francesca   www.villaggilafrancesca.it  
Edizioni Àngolo Manzoni   www.angolo-manzoni.it   
011Torino il Computer a 360°   www.011Torino.com
Pavimenti in Rèsina Torino   www.pavimentiinresinatorino.com
Cìrcolo dei Lettori   www.circololettori.it
Associazione “Zio John” Prati del Vallone   www.ziojohn.com
Marco Del Bucchia Editore  www.delbucchia.it


 
LA PREMIAZIONE È FISSATA PER DOMÉNICA 25 NOVÈMBRE 2012
a Cascina Macondo - Borgata Madònna della Róvere, 4
10020 Riva Prèsso Chièri - Torino - Italia

 
Presènti i Giurati, la Redazione di Cascina Macondo,
gli Spònsor, gli Autori premiati, la Stampa, il pùbblico interessato

La manifestazione è apèrta al pùbblico, prèvia indispensàbile prenotazione a causa dei posti limitati. Per lo stesso motivo si invita ogni bambino ad èssere accompagnato al massimo da 4 adulti.

 
possibilità di pernottamento prèsso la Foresterìa “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo a còsti di Bed &  Breakfast


CERIMÒNIA DI PREMIAZIONE  -  PROGRAMMA
*  inizio 14,30 puntuali
*  lettura ad alta voce intorno al fuòco degli Haikù classificati a cura del Gruppo I NARRATORI DI MACONDO e del gruppo VÈRBAVÒX
*  cottura Raku dal vivo delle ciòtole prèmio
*  consegna dei prèmi e dell’antologìa E I PIÈDI NELL’ACQUA
*  thè, caffè, spicchio di torta per un momento conviviale
*  tèrmine della manifestazione ore 18,30 circa


COMUNICARE CON UNA EMAIL DEDICATA
LA PRESÈNZA ALLA CERIMÒNIA DI PREMIAZIONE

 
 
PER NON SPRECARE RISORSE si invìtano gli interessati a
PRENOTARE IN TÈMPO IL LIBRO “E I PIÈDI NELL’ACQUA ”
(tiratura limitata - edizioni Marco del Bucchia Editore)
scritto con accentazione ortoèpica lineare
che raccòglie i 114 haikù classificati
al Concorso Internazionale Haikù Cascina Macondo edizione 2012


CÒSTO A CÒPIA ÈURO 13,00 + SPESE DI SPEDIZIONE


COMUNICARE CON UNA EMAIL DEDICATA
LA PRENOTAZIONE DELLE COPIE DEL LIBRO ENTRO IL 10 OTTOBRE!!!
INDICANDO GLI ESTREMI ESATTI DOVE FAR PERVENIRE IL PLICO


contributo per spese di spedizione
- èuro 5    per plico contenènte da  1 a 5 còpie, per l'Italia   -- èuro 11 per l'Èstero
- èuro 9    per plico contenènte da  6 a 10 còpie, per l'Italia  -- èuro 14 per l'Èstero
- èuro 15  per plico contenènte da  11 a 20 còpie, per l'Italia  -- èuro 18 per l'Èstero
- èuro 19  per plico contenènte oltre le  21 còpie, per l'Italia  -- euro 25 per l'Èstero
 
Preferiamo evitare il pagamento contrassegno, per gli eccessivi còsti, e per non rischiare
che il pacco torni in diètro non avèndo il postino trovato nessuno in casa.
Il pagamento va effettuato con Bonìfico Bancario.

Si prèga (se ancora non è stato fatto) di inviare l'indirizzo esatto dove far recapitare il plico

Si prèga di inviare una email non appena il bonìfico è stato eseguito

 
 
dati di Cascina Macondo per bonìfico bancario
conto corrènte N° 1000 / 13268 Istiuto Bancario  "BANCA PRÒSSIMA"
filiale 05000 di Milano, Via Manzoni ang. Via Verdi, còdice postale 20121
IBAN      IT13C0335901600100000013268   per versamenti italiani
BIC         BCITITMX    còdice per versamenti internazionali
 
intestazione del bonifico
Cascina Macondo - Borgata Madònna della Róvere, 4 - 10020 Riva Prèsso Chièri - Torino - Italy

causale del versamento
Prenotazione còpie "E I PIÈDI NELL’ACQUA"


 
L'ANTOLOGÌA SARA' DISPONÌBILE PER IL 25 NOVÈMBRE 2012
GIORNO DELLA CERIMÒNIA DI PREMIAZIONE A CASCINA MACONDO

 

!!!!! ATTENZIONE – IMPORTANTE !!!!!

I PRÈMI AI 10 CLASSIFICATI
DELLA SEZIONE INDIVIDUALE E DELLA SEZIONE COLLETTIVA
VERRANNO CONSEGNATI SOLO AGLI AUTORI PRESÈNTI ALLA CERIMÒNIA,
O A LORO RAPPRESENTANTI MUNITI DI DÈLEGA

OGNI EVENTUALE SPEDIZIONE  È A CÀRICO DEGLI AUTORI



<><><>



I PRIMI DIÈCI CLASSIFICATI - SEZIONE INDIVIDUALE

traduzione in inglese di Antonèlla Filippi
stesura delle motivazioni della giurìa a cura di Fabia Binci e Arianna Sacerdòti



1° PRÈMIO  Vanden Broeck Guy - Bèlgio
2° PRÈMIO  Riccio Antònio - Italia - Casèrta
3° PRÈMIO  Bizzarro Sònia Marìa - Italia - Pogno (NO)


4° PRÈMIO PARI MÈRITO
Arancio Irène - Italia - Torino
D'Àngeli Anna Marìa - Italia - Roma
Orofino Marìa Carmèla - Italia - Pisa
Pericò Alessandro - Italia - Palèrmo
Perròtta Nina - Italia - Nàpoli
Santiago Ernèsto Pangilinan - Filippine
Simmonds Keith - Inghiltèrra


PRIMO CLASSIFICATO – PRÈMI:
- preziosa ciòtola in ceràmica Ràkuhaikù
- soggiorno di una settimana per dùe persone al Villaggio La Francesca (Cinque Tèrre)
- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA” con i 114 haikù selezionati al concorso
- attestato di mèrito


Salta la bimba -
saltellando la segue
un'ombra adulta.

The little girl jumps –
a jumping adult shadow
follows her


Vanden Broeck Guy - Bèlgio


MOTIVAZIONE DELLA GIURÌA
Haikù di rara armonìa e grazia (Karumi): una bimba salta come un grillo, all’alba o al tramonto (pì’ccolo Kigo), quando il sole radènte rènde le ombre più lunghe, la luce più mòrbida e diffusa. La stagione è primaverile o estiva (Kigo). La segue nel silènzio (Sabi) un’altra ombra e questa indicazione è alimento per la fantasìa e stìmolo per la ragione: è l’ombra della bimba? L’ombra dell’adulto che la segue e si lascia trascinare nel giòco? O l’ombra della bimba che sarà, che già è in lèi e dispièga la sùa fioritura àttimo dopo àttimo? Mistèro, fàscino dell’inesprèsso (Yugen). Lo stato di grazia illùmina e fa riconóscere nella sùa pienezza anche un evènto mìnimo, che si càrica così di significato universale. La figura etimològica (salta… saltellando) segna, con l’iterazione del movimento, un ritmo quasi cantilenante. Mentre la bimba è indicata con l’artìcolo determinativo, un’ombra adulta apre all’indeterminazione, all’indefinito, all’infinito.

A Haiku of rare harmony and grace (Karumi): a little child jumping like a cricket, at dawn or at sunset (small Kigo), when the sun makes the shadows longer, the light softer and more diffuse. It is Spring or Summer (Kigo). She is silently followed (Sabi) by another shadow and this indication is food for the fantasy and a spur to reason: is it her shadow? or is it an adult’s shadow, following her, getting himself/herself mixed up in the entertainment? Or is it the shadow of the little girl she will be, that is already in her and that reveals its flowering as time goes by? Mystery, charm of what is unexpressed (Yugen). The state of grace enlightens also the least event and makes it recognizable in its fullness, filling it of a universal meaning. The etymological figure (salta jumps saltellando jumping) marks, with the iteration of the movement, a nearly singsong rhythm. While the child is indicated by the definite article, un’ombra adulta “an adult shadow” opens to indetermination, to indefinite, to infinite.



SECONDO CLASSIFICATO – PRÈMI:
- preziosa ciòtola in ceràmica Ràkuhaikù
- soggiorno di una settimana per dùe persone al Rifugio Alpino “Zio John” (Piètrapòrzio)
- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA” con i 114 haikù selezionati al concorso
- attestato di mèrito

Rèsta l'odore
del cappèllo e del nònno
appeso al chiòdo.

The smell remains
of the hat and of grandad
hung on the nail

Odores manent
tegiminis et avi
ad clavum pendentes


Riccio Antònio - Casèrta


MOTIVAZIONE DELLA GIURÌA
L’odore è il più grande alleato dei ricòrdi, si muòve liberamente nel tèmpo e nello spazio, lascia riaffiorare nel silènzio (Sabi) àttimi di vita passata sepolti nel più profondo del nòstro èssere… È nòto a tutti, ma l’haikù aggiunge significato all’esperiènza comune. Qui è la vista del chiòdo appeso al muro a risvegliare l’odore del cappèllo che vi pèra stato appeso per tèmpi immemoràbili (Wabi). Diètro a quell’odore torna càrico di risonanze emotive il ricòrdo del nònno. Mistèro, nostalgìa (Yugen). I ricòrdi riaffiórano «in cordata» e tutto è di nuòvo presènte, infinitamente ìntimo e vitale, in grado di perdurare “come ànima sopra la rovina di tutto il rèsto”, per citare Proust e la sùa Ricèrca del tèmpo perduto. L’haikù è pervaso di fòrza e tenerezza, il legame intènso tra nònno e nipote è in grado di resìstere anche alla mòrte. Il nònno, che l’odore del sùo cappèllo èvoca, continua a vìvere nel nipote, ne illùmina il percorso, ne raffòrza le scelte. L’ipèrbato che distanzia i tèrmini odore e appeso, sintatticamente legati, divisi dalla proposizione bimèmbre del secondo vèrso  (del cappèllo / del nònno), amplìfica la suggestione di un haikù costruìto con sapiènza poètica. La traduzione latina si avvale di un’anasinalèfe (avi…ad) e del plurale al primo vèrso (odores manent) per rientrare perfèttaménte nello schèma mètrico 5-7-5.

Smell is the best ally of memories, it freely moves in time and space, it makes emerge in the silence (Sabi) moments of past life that are buried in the deepest parts of our being... This is well known to everybody, but the haiku adds meaning to the common experience. Here is the sight of the nail hung to the wall to wake up again the smell of the hat that has been hung there from time immemorial (Wabi). Behind that smell, full of emotional echoes, the memory of the grandfather returns. Mystery, nostalgia (Yugen). The memories emerge "roped together" and everything is present again, infinitely intimate and vital, able to persist "like souls amid the ruins of all the rest", to quote Proust and his In search of lost time. The haiku is pervaded by strength and tenderness, the intense bond between grandfather and grandchild is able to withstand also death. The grandfather, evoked by the smell of his hat, goes on living in his grandchild, he lights up his way and strengthens his choices. The hyperbaton that spaces out the terms smell and hung, syntactically tied up, divided by the double proposition of the second line (of the hat / of granddad), amplifies the splendour of a haiku constructed with poetic wisdom. The Latin translation uses an anasynaloepha (avi...ad) and the plural in the first line (odores manent) to perfectly comply with the metric scheme 5-7-5.



TÈRZO CLASSIFICATO - PRÈMI:
- preziosa ciòtola in ceràmica Ràkuhaikù
- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA” con i 114 haikù selezionati al concorso
- attestato di mèrito

Sotto il pòrtico
Ad allungare il giorno
L’anziana còppia

Under the porch
To lengthen the day
The old couple


Bizzarro Sònia Marìa - Pogno (NO)


MOTIVAZIONE DELLA GIURÌA
La vista di una còppia anziana, che sembra ancora unita da complicità e affètto, sùscita sèmpre tenerezza e stupore (Wabi). Il sole tramonta (pìccolo Kigo), tutto è immèrso nel silènzio (Sabi), ma sotto l’ombra dorata del pòrtico qualcuno passeggia ancora e prolunga il giorno. Sembra di vedere l’anziana còppia che cammina lèntaménte, l'uno accanto all'altra, forse i dùe si tèngono per mano, forse si appòggiano a un bastone, si sorrìdono, schérzano, si sussùrrano qualcòsa. Vìvono con pienezza la grazia dell’ora, ne avvèrtono l’ìntima bellezza e la fugacità del tèmpo che scorre inesoràbile, ma non ne sòffrono. Sono ormài conciliati con il pensièro della fine. Ed è infinita seduzione seguirli con lo sguardo, immaginare le loro paròle. Un sènso di sospensione e di mistèro (Yugen) avvòlge l’haikù. Si accèndono speranze. Allora è possìbile che un incontro duri nel tèmpo, è possìbile procèdere fino alla fine dei nòstri giorni in compagnìa, vincèndo l’angòscia del declino e della fine all’orizzonte, nell’armonìa universale del còsmo. L’accostamento dei lessèmi allungare e giorno, uniti in un sintagma inatteso, estènde le possibilità della lingua ed èvoca quasi le ombre lunghe del pòrtico, creando così un effètto quasi di sinestesìa.  

The sight of an old couple, that still seems united by complicity and affection, arouses always tenderness and amazement (Wabi). The sun sets (small Kigo), everything is plunged in silence (Sabi), but under the gilded shade of the porch someone still walks and lengthens the day. It seems to see the old couple walking slowly, the one close to the other, maybe hand in hand, they perhaps lean on a walking stick, they smile one another, they joke, they whisper each other something. They fully live the grace of the hour, they feel the intimate beauty and the transience of time that flows inexorable, but they don't suffer for it. They are reconciled to the thought of the end by now. And it is an endless seduction to follow them with our sight, to imagine their words.
A sense of suspense and mystery (Yugen) closes in upon the haiku. It kindles hopes. Then it is possible that a meeting lasts in time, it is possible to go on until the end of our days in good company, winning the anguish of the decline and of the end in prospect, in the universal harmony of the cosmos. The combination of the lexemes to lengthen and day, united in an unexpected syntagm, extends the possibilities of the language and it nearly evokes the long shades of the porch, thus creating almost an effect of synesthesia.




QUARTI CLASSIFICATI PARI MÈRITO – PRÈMI:

- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA” con i 114 haikù selezionati al concorso
- attestato di mèrito


pòrtano fiori
il tèmpo è finito
guance bagnate

they bring flowers
the time is over
wet cheeks


Arancio Irène  -  Torino




Rosse gerbère
sul marmo che lo còpre
Papà sorride


Red gerberas
on the marble covering him
daddy smiles


D'Àngeli Anna Marìa - Roma




Róndini in volo -
L'ùltima primavèra
in questa casa

Swallows on the wing
The last spring
in this house


Orofino Marìa Carmèla - Pisa




malinconìa
nel vaso metto fiori
di cartapesta

melancholy
in the vase I put
paper-pulp flowers


Pericò Alessandro - Palèrmo





Dentro le gròtte
un tèmpo i tedeschi
ora le viòle

Inside the caves
once the Germans
now the violets


Perròtta Nina - Nàpoli





il crepùscolo...
anche se hò bisogno
di maturare

twilight…
even if I need
to mature


Santiago Ernèsto Pangilinan – Filippine




stagno enorme...
la riflessione lunga
di un narciso

huge pond…
the long reflection
of a narcissus


Simmonds Keith - Inghiltèrra



I PRIMI DIÈCI CLASSIFICATI - SEZIONE COLLETTIVA
traduzione in inglese di Antonèlla Filippi
stesura delle motivazioni della giurìa a cura di Fabia Binci e Arianna Sacerdòti



1° PRÈMIO   Musso Francesco - Elem. “Convitto Nazionale Umbèrto I “ - Italia - Torino
2° PRÈMIO   Sole Isabèlla - Scuòla Mèdia “ G.Moscati” - Italia - Roma
3° PRÈMIO   Barbagelata Sara - Elementare “Solari” - Italia - Gènova


4° PRÈMIO PARI MÈRITO
Baldassari Andrèa - Elementare di Sala - Forlì
Baldi Nicolò - Elementare Magliano Romano - Roma
Barone Sara - Licèo Sannazzaro - Nàpoli
D'Alessandro Martina - Licèo Sannazzaro - Nàpoli
Ferina Stéfano - Elementare Convitto Nazionale Umbèrto I - Torino
Limone  Giulia - Elementare Abbadìa Di Stura - Torino
Riccobène Alice - Elementare Convitto Nazionale Umbèrto I - Torino




PRIMO CLASSIFICATO - PRÈMI:
- preziosa targa in ceràmica Ràkuhaikù alla Scuòla o Ènte di appartenènza
- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA”  con i 114 haikù selezionati, allo studènte e all’insegnante
- attestato di mèrito allo studènte

Cava di sabbia
il fiume più veloce
del mìo sguardo

Sand quarry –
the river faster
than my sight



Musso Francesco
Elementare “Convitto Nazionale Umbèrto I ” - Torino - ins. Danièla Callegari
         
MOTIVAZIONE DELLA GIURÌA
Una cava di sabbia a fianco di un fiume le cùi acque scórrono ràpide. Pòchi tratti che rièscono a delineare un paesaggio di grande fàscino, càrico di suggestione visionaria, con elementi primordiali come la ròccia e l’acqua. “Ràpido fiume che d’alpèstra vena / rodèndo intorno /…/ il tùo corso non frena né stanchezza né sonno” scriveva Petrarca. Lo sguardo non rièsce a seguirne il corso inarrestàbile. La fòrza delle acque che scórrono veloci come un fiume in pièna suggerisce un Kigo primaverile. Stupore (Wabi - Sabi). Mistèro, smarrimento (Yugen). La sabbia e lo sguardo si rincórrono, in allitterazione. Non rèsta che abbandonarsi alla visione la cùi grandezza ci sorpassa, confóndersi con il rumore del fiume, al di fuòri del tèmpo e dello spazio, annullarsi nella vertìgine delle sensazioni, sospèndere la corsa del tèmpo almeno. E continuare a stupirsi.

A sand quarry by the riverside, whose waters flow very fast. A few strokes sketching a very charming landscape, full of visionary awesomeness, with primeval elements such as rock and water. “Rapid river, flowing from the mountains,/ rushing on (...) neither sleep nor tiredness can restrain your course” wrote Petrarch. The sight cannot follow its unstoppable course. The force of rapidly flowing waters, as a river in spate, suggests a Spring Kigo. Astonishment (Wabi - Sabi). Mystery, dismay (Yugen). The sand and the sight chase one another, in alliteration. There is nothing else to do than to let ourselves go to a vision, whose grandeur surpasses us, to merge with the sound of the river, beyond time and space, to humble ourselves in the vertigo of sensations, to stop at least the race of time. And to keep on amazing ourselves.


SECONDO CLASSIFICATO – PRÈMI:
- preziosa targa in ceràmica Ràkuhaikù alla Scuòla o Ènte di appartenènza
- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA”  con i 114 haikù selezionati, allo studènte e all’insegnante
- attestato di mèrito allo studènte



piòve più fòrte
ma il rumore del gòng
lascia silènzio

it is raining harder
but the sound of the gong
leaves silence



Sole Isabèlla
Scuòla Mèdia “Giusèppe Moscati” - Roma - ins. Savèlli Loredana


MOTIVAZIONE DELLA GIURÌA
Piòve già da un pò’, piòve sèmpre più fòrte. Il suòno fragoroso e incessante crèa inquietùdine. Dove siamo? Perché suòna il gòng? Siamo a scuòla e il gòng segna la fine delle lezioni? O in palèstra e il suòno ìndica la fine di un round? O siamo nel pièno di un concèrto rock? Che sta succedèndo là fuòri? Si scatena il diluvio? È una piòggia torrenziale di primavèra o è una burrasca autunnale? Il Kigo è incèrto. Sospensione, attesa (Yugen). Arriva improvviso (Wabi) il suòno del gòng, lo strumento più risonante conosciuto, un trionfo di vitalità. Gli sciamani lo ùsano da migliaia di anni per il sùo potere straordinario di trasformazione. Chi lo ascolta viène abbracciato da un sòffice campo ricco di armòniche, ed entra in uno stato di sogno consapévole, alle sòglie dell’èstasi. Pòi rèsta il silènzio (Sabi). Haikù di rara armonìa, la cùi dimensione più profonda è il contrapporsi di rumore e silènzio, con le suggestioni intènse che sùscitano.

The rain began falling some time before and now it is raining harder and harder. Its rumbling and unending sound creates uneasiness. Where are we? Why does a gong resounds? Are we at school and the gong indicates the end of the lessons? Or in a gym and the sounds indicates the end of a round? Or are we in the middle of a rock concert? What is happening out there? Is it pouring down? Is it a Spring torrential rain or an Autumn storm? The Kigo is uncertain. Suspension, expectation (Yugen). The sound of the gong arrives all of a sudden (Wabi), the most resounding instrument we know, a triumph of vitality. Shamans use it since thousands of years for its extraordinary power of transformation. Those who listen to it are embraced by a soft sphere full of harmonics and enter in a state of conscious dream, on the threshold of ecstasy. Then only silence remains (Sabi). A Haiku of rare harmony, whose deeper dimension is the contrast between sound and silence, with the intense charm they stir up.



TÈRZO CLASSIFICATO - PRÈMI:
- preziosa targa in ceràmica Ràkuhaikù alla Scuòla o Ènte di appartenènza
- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA”  allo studènte e all’insegnante
- attestato di mèrito allo studènte


insième al nònno
le bolle di sapone
all'ospedale

with grandpa
soap bubbles
at the hospital



Barbagelata Sara
Elementare “Solari” - Gènova – ins. Paniè Brunèlla


MOTIVAZIONE DELLA GIURÌA
Che meraviglia le bolle di sapone! Nulla è forse più affascinante, màgico e allo stesso tèmpo fràgile (Yugen) di quelle pìccole sfère iridescènti di acqua saponata che si inséguono (Kigo misuralis). Chi da bambino non ne è stato attratto (Wabi)?  Il fàscino è pròprio nel loro èssere così fugaci… Sparìscono appena si cerca di afferrarle, pòi di nuòvo compàiono e si làsciano inseguire. Per i piccolìssimi la màgica bolla che scòppia è un primo dolore… ma si impara così a inseguire i pròpri sogni, a ricominciare sèmpre anche quando li si vede sfumare.  Se pòi si condivìdono con il nònno giòco e emozioni, all’intèrno di un ospedale (la bimba è ricoverata o in visita?) allora l’incanto divènta sublime. E le ombre dell’ospedale si accèndono di luci multicolori. Nel silènzio (Sabi), come sèmpre, nònno e nipote difèndono intese e complicità mentre si abbandónano alla dimensione più creativa della vita, lìbera dalle ombre del pregiudizio e del tornaconto, capace di trasformare in giòia anche il dolore. Dal punto di vista stilìstico, la ripetizione del fonèma s (insième… sapone… ospedale) crèa una trama fònica di rimandi, così come grammaticale e non casuale è la ripetizione della preposizione al (al nònno… all’ospedale), che sottintènde la familiarità quasi ìntima non solo con la persona cara, ma anche con il luògo fìsico dell’ospedale: si nòminano entrambi con una determinazione assoluta e non indefinita, una strada per affermare la pròpria identità in un momento rapito al tèmpo e fatto poesìa.

How wonderful are soap bubbles! Perhaps nothing is more fascinating, magic and in the same time fragile (Yugen) than those little iridescent spheres of soapy water, chasing one another (Kigo misuralis). Who has not been attracted by them, when a child (Wabi)?  Their charm is in their being so fleeting… They disappear as soon as one tries to catch them, then they appear again and let them be chased. For little children the magic ball bursting is a first sorrow…but in this way we learn to run after our own dreams, to start again even if we see them come to nothing. And if a child shares amusements and emotions with her grandfather, in a hospital (is the little girl a patient or is she visiting him?) then the enchantment becomes sublime. And the shadows of the hospital light up with multicoloured lights. In the silence (Sabi), as ever, grandfather and granddaughter defend mutual understanding and complicity, while they give themselves up to the most creative dimension of life, free from the shadows of prejudice and advantage, able to transform in joy also the grief. From a stylistic point of view, the repetition of the phoneme s (insieme together… sapone…soap ospedale hospital) creates a phonic weaving of cross-references; besides, it is not fortuitous but grammatical the repetition of the preposition “al” (al nonno with grandpa - all’ospedale at the hospital), implying an almost intimate familiarity not only with a dear person, but also with a physical place (the hospital): both are nominated with an absolute and not indefinite determination, a way to state one’s own identity in a moment snatched from time and made poetry.


QUARTI CLASSIFICATI PARI MÈRITO - PRÈMI:

- antologìa “E I PIÈDI NELL’ACQUA”  allo studènte e all’insegnante
- attestato di mèrito allo studènte


Ìo camminando
vedevo le róndini.
Ora è sera.

While I was walking
I saw the swallows –
now it’s evening


Baldassari Andrèa
Elementare di Sala - Forlì - ins. Pedrèlli Anna Ròsa



Sopra la sèdia
cappèllo impolverato
tutto racconta

On the chair
a dusty hat
it tells everything


Baldi Nicolò
Elementare Magliano Romano - Roma – ins. Costanzi Danièla



Amanti al sole
e sènto che mi manca
dannato amore

Lovers in the sun
and I feel that I miss it
damned love

Sub sole amantes
Afficior et mihi abest
Damnatus Amor


Barone Sara
Licèo Sannazzaro - Nàpoli - ins. Sacerdòti Arianna




Solo e pensoso
cerchi nel campo di calcio
- un brève abbraccio

Lonely and pensive
in the football field
you look for a brief embrace

Solus cogitans
in campo calcis quaeris
brevis amplexus


D'Alessandro Martina

Licèo Sannazzaro - Nàpoli - ins. Sacerdòti Arianna




il bianco fòglio
ricòrda còse giuste
a chi lo guarda

White sheet of paper
it reminds right things
to the looker



Ferina Stéfano
Elementare Convitto Nazionale Umbèrto I - Torino – ins. Ènza Paratore



cresce in fretta
il giardino fiorito
già si arràmpica

Blooming garden
it grows hastily
it already climbs


Limone  Giulia
Elementare Abbadìa Di Stura - Torino - ins. Gariffo Marìa – progètto MUS-E




I sassi lisci
e i pièdi nell’acqua
che viène, che va

Smooth stones
and the feet in the water
coming, going


Riccobène Alice
Elementare Convitto Nazionale Umbèrto I - Torino - ins. Danièla Callegari



ELÈNCO COMPLÈTO DEI 114 HAIJIN SELEZIONATI
PUBBLICATI  NELL’ANTOLOGÌA “E I PIÈDI NELL’ACQUA”


Arancio Irène - Torino - 4° PRÈMIO PARI MÈRITO Sezione Adulti
Asemòta Benedetta - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Baldassari Andrèa - Forlì - Sezione Scuòle
Baldi Nicolò - Roma - Sezione Scuòle
Balèstra Sèrgio – Trènto – Sezione Adulti
Barbagelata Sara - Gènova - Sezione Scuòle
Barone Sara - Nàpoli - Sezione Scuòle
Basti Danièla - Torino - Sezione Adulti
Belletti Andrèa - Gènova - Sezione Scuòle
Bertòglio Chiara - Torino - Sezione Adulti
Bisacchi Andrèa - Bologna - Sezione Scuòle
Bizzarro Sònia Marìa - Pogno (NO) - 3° PRÈMIO Sezione Adulti
Bòcic Yèrko  - Gènova - Sezione Adulti
Bonissone Clara  - Gènova - Sezione Adulti
Borcèa Aìda –Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Bordìn Giulia - Roma - Sezione Scuòle
Brodesco  Lorèntio - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Burigo Èrik  - Belluno - Sezione Adulti
Buzzacchi Lèlla  - Bèrgamo - Sezione Adulti
Cammarata Simone - Bologna - Sezione Scuòle
Carra Claudia - Italia - Sezione Adulti
Casali Fanny  - Gènova - Sezione Adulti
Catalano Piètro  - Roma - Sezione Adulti
Cesarìn Livia  - Pàdova - Sezione Adulti
Chèta Anna - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Ciobîc Cezar Florin - Romanìa - Sezione Adulti
Comèllo Milèna - Gènova - Sezione Scuòle
D'Alessandro Martina - Nàpoli - Sezione Scuòle
D'Àngeli Anna Marìa – Roma - 4° PRÈMIO PARI MÈRITO Sezione Adulti
Davidson Tracy - Inghiltèrra - Sezione Adulti
De Pòli Grazièlla - Gènova - Sezione Adulti
Di Nàpoli Antònio  - Roma - Sezione Adulti
Fagiòli Giorgia - Roma - Sezione Scuòle
Fantini Chiara - Torino - Sezione Adulti
Farina Alessandro - Torino - Sezione Scuòle
Farinetti Ambra - Gènova - Sezione Scuòle
Ferina Stéfano - Torino - Sezione Scuòle
Fiorini Andrèa - Bologna - Sezione Scuòle
Franciosi Giulia - Roma - Sezione Scuòle
Gahnertz Daniel - Svèzia - Sezione Adulti
Gariffo Marìa - Torino - Sezione Adulti
Garòglio Salvatore - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Gebbia Miranda - Torino - Sezione Scuòle
Gelain Glòria - Bèrgamo - Sezione Adulti
Gharbi Ibrahim  - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Giardina Giovanni - Torino - Sezione Scuòle
Giavazzi Pieràngela - Màntova - Sezione Adulti
Gjata Rafael - Ancona - Sezione Scuòle - Sezione Scuòle
Hrodgaer Friedrich - Repùbblica Cèca - Sezione Adulti
Imbalzano Gaia - Gènova - Sezione Scuòle
Italiano Alessandro - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Italiano Jennifer - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Liddell Tommaso - Palèrmo - Sezione Adulti
Limone  Giulia - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Lorenzini Luca  - Belluno - Sezione Adulti
Lovècchio Anamarìa - Argentina - Sezione Adulti
Lucchini Antonèlla - Màntova - Sezione Adulti
Maffèi Flavia - Nàpoli - Sezione Scuòle
Mahad Isse Muna - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Masolìn Marco - Roma - Sezione Adulti
Miclaus Silvèstru - Romanìa - Sezione Adulti
Mocanu Francesco - Roma - Sezione Scuòle
Mousa Kamel - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Mukhametzyanova Elina - Russia - Sezione Scuòle
Musneci Marzia - Roma - Sezione Adulti
Musso Francesco - Torino - Sezione Scuòle
Musso Manuèla - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Nazansky  Bòris - Croazia - Sezione Adulti
Nosari Marisa - Verona - Sezione Adulti
Nùzzolo Carla - Nàpoli - Sezione Scuòle
Orofino Marìa Carmèla - Italia - 4° PRÈMIO PARI MÈRITO Sezione Adulti
Pericò Alessandro - Palèrmo - 4° PRÈMIO PARI MÈRITO Sezione Adulti
Perini Ilènia - Ancona - Sezione Scuòle
Perròtta Nina - Nàpoli - 4° PRÈMIO PARI MÈRITO Sezione Adulti
Petrèlla  Antònio - Forlì - Sezione Scuòle
Pincèlli  Lorènzo - Gènova - Sezione Scuòle
Pragliòla Patrizia - Nàpoli - Sezione Scuòle
Predazzi Benedetto - Varese - Sezione Adulti
Riccio Antònio - Casèrta - 2° PRÈMIO Sezione Adulti
Riccobène Alice - Torino - Sezione Scuòle
Romèo Filippo - Torino - Sezione Scuòle
Romondia Riccardo - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Ròsa Antonèlla - Torino - Sezione Adulti
Sàbato Alèssia - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Saèki Junko - Giappone - Sezione Adulti
Santiago Ernèsto Pangilinan - Filippine - 4° PRÈMIO PARI MÈRITO Sezione Adulti
Scarparòlo Marìa Elsa Bartolomèi - Vicènza - Sezione Adulti
Scuòla Elementare San Benedetto - Chièti - Sezione Scuòle
Scuòla Elementare Solari - Gènova - Sezione Scuòle
Scuòla Elementare Solari - 4D - Gènova - Sezione Scuòle
Shtembari Alèssio - Roma - Sezione Scuòle
Šilanskas Arturas - Lituania - Sezione Adulti
Simmonds Keith - Inghiltèrra - 4° PRÈMIO PARI MÈRITO Sezione Adulti
Sole Isabèlla - Roma - Sezione Scuòle
Spèra Ròsa - Pistoia - Sezione Adulti
Stefoni Loretta - Macerata - Sezione Adulti
Stegani  Alessandro - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Stòica Marìa - Torino - progètto MUS-E - Sezione Scuòle
Tafuro Giusèppe - Roma - Sezione Scuòle
Tara Eduard - Romanìa - Sezione Adulti
Teneva Diana - Bulgarìa - Sezione Adulti
Terryn Frans - Bèlgio - Sezione Adulti
Timofeeva Marina - Russia - Sezione Scuòle
Torèlla Fiorènza - Gènova - Sezione Adulti
Tortorèlla  Nicolò - Forlì - Sezione Scuòle
Trendafilova Kalina - Bulgarìa - Sezione Adulti
Tricàrico Simone - Torino - Sezione Scuòle
Trivalle Andrèa - Roma - Sezione Adulti
Valènte Marìa Laura - Bologna - Sezione Adulti
Vanden Broeck Guy - Bèlgio - 1° PRÈMIO Sezione Adulti
Vigezzi Ambrogina  - Varese - Sezione Adulti
Vigilante Valèria - Nàpoli - Sezione Scuòle
Vordoni Mauro - Còmo - Sezione Adulti
Zambòn Lorènza - Asti - Sezione Adulti


Quale haikù degli autori selezionati è stato inserito nell’antologìa
 “E I PIÈDI NELL’ACQUA”?
Acquistare una còpia dell’antologìa per scoprirlo!!!


CHI DESÌDERA SPONSORIZZARE
LA PRÒSSIMA 11° EDIZIONE - ANNO 2013
DEL CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESÌA HAIKÙ IN LINGUA ITALIANA ÈDITO DA CASCINA MACONDO
RICHIÈDA INFORMAZIONI ALL'INDIRIZZO:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


MANIFÈSTO DELLA POESÌA HAIKÙ IN LINGUA ITALIANA

lèggi e sottoscrivi se lo condividi
 
 

5x100

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 23 Novembre 2012 21:28 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

quale di questi libri scritti da donne è stato per te particolarmente significativo?