Home Archivio News-Eventi FARE IL PANE IN CASA - domenica 20 maggio 2012 con Domenico Benedetto
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
FARE IL PANE IN CASA - domenica 20 maggio 2012 con Domenico Benedetto PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 4
ScarsoOttimo 
News - News
Scritto da Tartamella   
Venerdì 16 Marzo 2012 18:10

 

 

 pane

FARE IL PANE IN CASA

con Domenico Benedetto

 

Incontro a Cascina Macondo - domenica 20 maggio 2012

durata:
        intera giornata dalle ore 9.30 alle ore 18.00
occorrente:  blocchetto per appunti,  penna, grembiule,
                     sacchettino di carta per il pane.

-  per il pranzo ogni partecipante porta cibo e vino da condividere
-  CONTRIBUTO RICHIESTO 70 euro
   da versare sul conto corrente di Cascina Macondo
   entro
il 12 maggio


INIZIATIVA FINALIZZATA A SOSTEGNO
DEI PROGETTI ISTITUZIONALI DI CASCINA MACONDO


-  per chi viene da lontano possibilità di pernottamento
a costi di Bed & Breakfast presso la Foresteria di Cascina Macondo



che cosa facciamo

Impariamo a fare il pane in casa, con l’utilizzo del lievito di birra o la pasta madre, impariamo a riconoscere le varie farine, le tipologie di pane , capiamo le differenze tra un pane “industriale” ed un pane fatto in casa con ingredienti sani, affiniamo la cultura del forno imparando a gestire al meglio il calore e la tipologia del nostro forno (a legna, a gas, elettrico, solare), impariamo a “manipolare” l’impasto ed a “sentire” quando il pane è cotto. Produrremo quattro tipi di pane: il tipico "pane di una volta” quello che oggi nella nostra definizione è il casereccio o toscano; il pane azimo senza lievito; il tipico pane ferrarese pasta dura chiamata “coppia”; un panbrioches dolce per la domenica che non conterrà nessun tipo di grasso o proteina animale ( burro, uovo, latte) e neppure zucchero bianco: una leccornia gustosissima che potremo gustare tranquillamente senza pensare alla linea. L’incontro avrà una parte teorica ed una pratica nel senso che impasteremo fisicamente il pane per capire i movimenti, e al termine una degustazione dei tipi di pane che si sono presi in esame.

Tempi

ore 9,30                               ritrovo in Cascina e accoglienza
ore 10,00 (puntualissimi)    presentazioni, parte teorica, primo impasto
ore 12,30 – 14,00              consumiamo in compagnia quello che ognuno di noi
                                           ha portato per il pranzo
ore 14,00             si procede con la preparazione  del pane, reimpasto e cottura   
ore 17,00     degustazione del pane, chiarimenti e commenti, chiusura della giornata.
ore 18,00                             termine dell’incontro
 

vino

 

Prendi nota dei dati per il tuo bonifico bancario:
conto corrente N° 1000 / 13268
Istiuto Bancario  "BANCA PROSSIMA"
filiale 05000 di Milano,  - Via Manzoni ang. Via Verdi
codice postale 20121

IBAN      IT13 C033 5901 6001 0000 0013 268   per versamenti italiani
BIC         BCITITMX    codice per versamenti internazionali

intestazione del bonifico
Cascina Macondo
Borgata Madonna della Rovere, 4 - 10020 Riva Presso Chieri- Torino - Italy

indicare la causale del versamento

 

 

 

 

 


Domenico Benedetto

è nato a Torino nel ’52. Sin dall’adolescenza ha dimostrato di avere una forte attrazione per la cucina… sia la parte “costruttiva” che quella di “demolizione” con le gambe sotto al tavolo. Dagli anni 70 in poi si è interessato alla cucina “salutare” avvicinando esperienze varie che spaziano dalla ricerca delle ricette originali delle nostre terre mediterranee alla cucina orientale. Dal 94, dopo aver seguito un corso di 4 anni presso l’istituto Kuscy di Boston sede di Milano, organizza corsi di cucina finalizzati ad imparare a cucinare in modo sano contemplando anche il pane o i dolci che spesso vengono eliminati perché ritenuti deleteri per la salute e la linea. Domenico ha conosciuto la realtà di Cascinamacondo agli inizi degli anni 70 quando esistevano i Poeti della Tenda e durante un incontro a Torre Pellice (TO) dove partecipava come cuoco del gruppo. Nel corso di un’intervista, alla domanda “Tu come esprimi la tua poesia?” rispose che la esprimeva in cucina, trasferendo la propria gioia, creatività e amore nei piatti che preparava per la felicità di tutti i commensali.

 

5x100
 

 

LA FORESTERIA "TIZIANO TERZANI" DI CASCINA MACONDO

IL SALONE "GIBRAN" DI CASCINA MACONDO

GLI SPAZI INTERNI DELLA CASCINA

GLI SPAZI ESTERNI DELLA CASCINA

 

 

leggi      "Politiche Culturali di Cascina Macondo"

leggi      "una pagina per vela e via col vento
               programmazione Cascina Macondo 2011"

 


Il nome "Macondo" che abbiamo dato alla nostra Cascina nel 1992
proviene dal libro "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez

" Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche.  Il mondo era così  recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito. Tutti gli anni verso il mese di marzo,  una famiglia di zingari cenciosi piantava la tenda vicino al villaggio, e con grande frastuono di zufoli e tamburi faceva conoscere le nuove invenzioni. Prima portarono la calamita. Uno zingaro corpulento, con barba arruffata e mani di passero, che si presentò col nome di Melquìades, diede una truculenta manifestazione pubblica di quella che egli stesso chiamava l'ottava meraviglia dei savi alchimisti della Macedonia.  Andò di casa in casa trascinando due lingotti metallici, e tutti sbigottirono vedendo che i paioli, le padelle, le molle del focolare e i treppiedi cadevano dal loro posto,   e i legni scricchiolavano per la disperazione dei chiodi e delle viti che cercavano di schiavarsi,  e perfino gli oggetti
perduti da molto tempo comparivano dove pur erano stati lungamente cercati,  e si trascinavano in turbolenta sbrancata dietro ai ferri magici di Melquìades…"


Si ringrazia Gabriel Garcia Marquez per aver scritto e regalato agli uomini un così grande libro. A lui la nostra gratitudine e il nostro affetto.
 
 
 

CASCINA MACONDO - ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE
Centro Nazionale per la Promozione della
Lettura Creativa ad Alta Voce e POETICA HAIKU
Borgata Madonna della Rovere, 4 
10020 Riva Presso Chieri - Torino - Italy
tel. 011-9468397 - cell. 328 42 62 517
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.    -   www.cascinamacondo.com

 

 

Ultimo aggiornamento ( Domenica 19 Gennaio 2014 15:34 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare