Come Navigare

Frécciolenews

Calendario Eventi

<<  Marzo 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Utenti online

 194 visitatori online

Creative Commons License
All the content and downloads are published under Creative Commons license
Home Archivio News-Eventi PAROL DIARIO GIORNO PER GIORNO IL NOSTRO CAMMINO-ANNO 2013
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
PAROL DIARIO GIORNO PER GIORNO IL NOSTRO CAMMINO-ANNO 2013 PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 63
ScarsoOttimo 
News - News
Scritto da Tartamella   
Sabato 08 Novembre 2014 07:53

 

 

Parol! writing and art beyond walls, beyond borders

 

ADOTTA UN GRAPPOLO DI BOLLE DI SAPONE

I nomi di tutti coloro che adottano bolle di sapone sono pubblicati sul nostro sito.
Ci auguriamo che questo elenco possa contenere anche il tuo nome,
e che possa diventare lunghissimo, così lungo, e fitto, e straripante di nomi,
da essere percepito come una grande comunità

di cittadini  lungimiranti che condivide e sostiene Parol !
Considerando che ci sono ancora moltissimi amici di Cascina Macondo
che ancora non hanno adottato un grappolo di bolle di sapone,
possiamo sperare di farcela!
Spargi la voce, mobìlitati, adotta anche tu...

 

DIARIO

PAROL DIARIO

                            GIORNO PER GIORNO IL NOSTRO CAMMINO

Un diario appunto, giorno per giorno, per descrivere come procede Parol,
cosa succede, quali progressi, quali sconfitte,
quali entusiasmi, quali delusioni, quali alleanze...
Un diario che diventa anche una fotografia.
Una fotografia della nostra Italia..
.

 

 

carcerati Van Gogh
Vincent Van Gogh "la ronda dei carcerati" (1890)
 
 

 
 
 
 
 

 

2013 - 31 DICEMBRE – MARTEDI – NOTTE DI CAPODANNO
Quest’anno a Cascina Macondo il Capodanno è stato destinato alla raccolta fondi per il progetto Parol. Un capodanno solidale dunque, all’insegna della semplicità e della sobrietà. Hanno aderito venticinque persone che hanno trascorso la notte intorno al camino ad ascoltare storie, musica e canzoni, condividendo il buon cibo che ciascuno ha portato. È stato illustrato il progetto Parol e l’iniziativa “Adotta una bolla di sapone”; è stato proiettato il video girato nel carcere di Tilburg (Olanda) con i detenuti che hanno seguito il percorso di ceramica e raku condotto da Annamaria Verrastro. La mezzanotte è stata salutata non con gli scoppi dei botti e nemmeno con gli scoppi delle bottiglie di spumante stappate alla fine del conto alla rovescia, ma con l’ascolto, nel silenzio e nel buio, degli scoppiettii dei ramoscelli di alloro che bruciavano nel fuoco. I partecipanti sono stati poi invitati a incidere su alcune mattonelline di argilla i propri liberi segni e disegni. Le piccole mattonelle saranno poi assemblate e formeranno, alla fine, alcuni quadri in ceramica da inviare in dono ai detenuti delle prigioni di Tilburg, Dendermonde, Saluzzo, Torino. Il progetto Parol prevede lo scambio tra le prigioni e i detenuti di ArtBox (veri pacchi-dono contenenti  manufatti, disegni, poesie, haiku, foto e altri lavori prodotti dai detenuti). Abbiamo pensato che fosse una buona cosa inviare ai detenuti anche un manufatto che cittadini qualunque hanno realizzato per loro la notte di capodanno.
Tolte le spese vive per l’organizzazione della serata: riscaldamento, legna per il camino, elettricità, piccole luminarie e candele per rendere accogliente il cortile e il salone, le bolle di sapone effettivamente adottate sono state 84. Non è molto, considerando che si trattava di un capodanno solidale. Ma non ci arrendiamo. Non siamo delle rocce. Siamo piuttosto come l’acqua: goccia dopo goccia…

 

2013 - 23 DICEMBRE - LUNEDI
E' arrivata oggi la 2° Newsletter di Parol gestita da Carine De Wilde, Karel Verhoven, Diederik De Beir dell'associazione belga Creatief Schrijven capofila del progetto. La newsletter contiene informazioni relative alle attività degli altri paesi. La riportiamo per intero, in inglese: 

 

Dear partner, sympathizer

You are reading the second PAROL! newsletter. Welcome again on board of the European arts project connecting the arts, detention and society.
The graphic opener shows you a grid. It stands as a symbol of the layered structure we are shaping and the network we are weaving with inmates from fourteen prisons, writers, visual and performing artists from Belgium, Greece, Italy, Poland and Serbia. You will also have recognised the grid on the first postcard series presenting PAROL! and its five European partners. A new series of postcards illustrating some of the workshops' artistic results is in store for January 2014.

Throughout this newsletter you will find several links to lively recordings of PAROL! activities in 2013. Do not miss the PAROL! videos on vimeo. While the coordination team is developing the external communication plan, we offer you a PAROL! 2013 portfolio.
>>> Your feedback is most welcome.

The mobility and exchange of artwork is taking off in PAROL!
We are happy that the prison of Tilburg (BE) sent a first art box to Greece early December. The women of the prison of Thiva (EL) are preparing to send an art box to PSC Hoogstraten (BE). The team in PSC Hoogstraten engaged a new artist to make an art box with inmates in Febrary-March 2014. Poland and Italy are looking forward receiving it. The inmates from Dendermonde Prison (BE) made an ArtBookx that was handed over to Fundacja Slawek who visited Belgium in December. Mokotov Prison in Warsaw (PL) will receive it during their haiku workshops in January.
>>> Keep us posted with your plans.

PAROL! is becoming visible at different platforms. In the new publication EU Culture Programme 2007-2013, PAROL! was presented as an inspiring example among a selected number of projects. This publication was presented by the Creative Europe Desk Flanders (BE) in Brussels on 17th December.  Cascina Macondo (IT) published an advertisement of PAROL! in the Italian newspaper La Stampa of 22nd November. ApsArt (RS) is getting good news coverage in the Serbian media with the new theatre performance Banja Robija | Prison Resort played by ex-offenders. This is promising news but at the same time challenging for introducing the PAROL! project activities in 2014. Read more under Serbia.

Last but not least, we appreciate the increasing interest in PAROL! from the public and from donors. We thank you all for your sustained efforts. We will synergize to take up the new challenges.
Join us in 2014.
 
Contact: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


In Belgium
150 years - Prison Life Now and Past - Dendermonde Prison (1863-2013)
Haiku poets Hedwig Aerts (BE) and Diederik De Beir (BE) and illustrator Tine Van Lent (BE) started a series of creative activities combining haiku, senryu and haibun with images using collage techniques.
Artbookx were created, as a visual and textual personal diary, together with  a shared artbookx that was given as an artbox to Fundacja Slawek in Poland for Mokotov Prison in Warsaw. Postcards and posters will be made for local dissemination in the prison.
This project received special attention from the Mission of Japan to the EU as well as from Japan's national tv station NHK on the occasion of the visit of the President of Europe, Mr Herman Van Rompuy to Japan. The presence of the Haiku Post Box from Matsuyama in Dendermonde Prison with prisoners and the director contributing haiku for Japan was historical and unique.


In Belgium
Bit Crazy - Tilburg Prison
Together with inmates from the prison of Tilburg Daniel Billliet (BE) started working on limericks.
Darko Kokotovic, a prison facility staff member with Serbian roots, made some eye-opening cartoons. His active and artistic participation is a first and interesting experience. To be continued...


In Belgium

150 years - Prison Life Now and Past, storytelling - Dendermonde Prison
Sam Cannarozzi (FR) travelled to the prison of Dendermonde to introduce a group of inmates to the art of storytelling.
Fictional and factual stories were rearranged into some nice anecdotes. In a visual manner origami techniques were taught as well as a final story "The Key" was created.
In this video you can see what happened


In Belgium

Photographic Poem - Penitentiary Center of Hoogstraten
Lieven Nollet (BE) discovered together with a small group of inmates the prison of Hoogstraten through the lens of a photocamera. Inmates worked with a digital camera to record their local context. Lieven assisted them focussing on the artistic rather than the technical use of the camera.
Christopher Daley documented this project. You can watch a video here.


In Greece
STAGE A Mixed Media - Prison of Thiva
The PAROL! project has taken a good start. Every Thursday Dafni Kalafati works with about twenty women inmates on a mixed media installation. Ideas about personal versus public art forms were shared. First try-outs of some audiovisual techniques as well as photo therapy and sound experience were made.

Do you like to get the real taste of the work process? Keep reading what follows:
"We started with a group of 20 inmates which form a close group with similar convictions. At the beginning we introduced the project, talked about the process and its goals. There were mixed feelings about the therapeutic approach and the exposure of their work to the public. Some of them felt embarrassed, others puzzled and some enthusiastic about the whole project. However, most of the women were intrigued and eager to experience it.
In the first part of the project we began using phototherapy techniques to facilitate expression. They showed excitement by meeting everyday moments in pictures, smells and places they had once been to.  In this familiar way, images triggered various sentiments.  Some stared bewildered the moments of external reality and all of them were enchanted in a way by the power of the images. We then experimented with the sound as a medium for expression, but working abstractly with sound troubled most of them. They seemed to lack the capacity to symbolize. As we continued the women started working in small groups, developing their personal stories which were mostly related with negative emotions and sadness. As the weeks passed, the women felt more relaxed and free to express themselves verbally as well as physically. Overall the team is really vibrant and there is an atmosphere full of enthusiasm."


In Italy
Reading Aloud - Saluzzo prison
Cascina Macondo (IT) are currently running their reading aloud activities in the prison of Saluzzo.  On 23 January there will be a reading aloud performance open to the public in the prison theatre. Some quotes from the inmates from Saluzzo:  
•    "Thanks to prof. Pietro Tartamella we forget the “hell”. It helps us to be present in civil society. It gives a dignity we do not have in prison.”
•    “This experience has opened my creative horizons.”
•    “The reading aloud workshop takes away the boredom and ignorance that reigns here”.
The haiku poetry activities will be continued after the Christmas break with Good Morning Poezia.

From 23-24 November Cascina Macondo held a two days' training Art and Theatre for Prison in Riva Presso Chieri near Turin. The focus was on social theatre in prison and the target audience were trainers, social workers, teachers, authors etc. Saturday started with Diederik De Beir (BE) from Creatief Schrijven vzw as project initiator highlighting the mission, aims and activities of PAROL!. Alessandra Rossi Ghiglione (IT) from Turin University gave a lecture on the aspects of social theatre. Annamaria Verrastro (IT) and Pietro Tartamella (IT) from Cascina Macondo gave their testimonies of their clay, poetry and reading aloud activities in the prisons of Tilburg (The Netherlands) and Dendermonde (BE). Davide Sannazzaro (IT) from Saluzzo Prison presented the organisation of the prison as well as the rights and duties of the inmates. Valentina Guastella, judicial pedagogue, discussed the role of education in prison, relationships and dynamics for and against. On Sunday Grazia Isoardi (IT), from the association Voci Erranti, gave a workshop on the theory and practice of organising theatre in the prison. Grazia permanently works in the prison of Saluzzo as a performing arts workshop leader. A TV report was also shown on the prison of Saluzzo made by the Belgian television programme Canvas.


In Serbia

Trust Building
ApsArt have been actively involved in touring with the theatre performance Banja Robija | Prison Resort. It is a performance played by ex-offenders and based on prisoners' stories which shows the current prison life in Serbian prisons with all its problems. The performance is part of a larger human rights campaign and legislative theatre project From Law Breaking to Law Making which uses theatre as a methodology for expression and a tool for improvement of the living conditions of inmates in Serbian prisons. This performance has been blocked by the justice authorities to continue the prison tour. In this context, ApsArt is facing a real challenge in communication with the local administration and justice authorities to obtain a permission for the PAROL! project activities. While waiting for the permission to enter three prisons and start to work with inmates, ApsArt's artistic team made some art pieces based on stories and letters they received from prisoners.

As you know, the artbox is part of the exchange and mobility of artwork in PAROL!
As a result of a workshop with inmates in Tilburg, mixed media artist MarieAnge Demuysere created an artbox together with Amélie Thonet who took care of the translation for the intercultural group of participants in the workshop. The artbox was dispatched to Amaka in Greece the first week of December.
Greece will sent an artbox to PSC Hoogstraten. This artbox is the starting point of a new creative journey.
Dendermonde Prison created an ArtBookx that has been handed over personally to Marek Lagodzinski, representative of the Polish partner Fundacja Slawek, during his visit to Belgium in December.


EU news
PAROL! partners from Belgium (Diederik De Beir, Carine De Wilde), Italy (Nagi Tartamella) and associated partner AFAH from France (Meriem Fresson) joined the European Culture Forum 2013 which took place in Brussels at the BOZAR from 4th to 6th November 2013.
From 1 January 2014 on, the Culture Programme turns into the Creative Europe Programme (2014-2020), accessible to every cultural and/or creative organisation with transnational and transsectoral cooperation plans.

The European Culture Forum 2013 videos are available online http://ec.europa.eu/culture/events/forum2013/videos_en.htm

You may also join the debates inspired by the Forum on Twitter by using the following hash tags:
#EUcultureforum
#CreativeEurope   

Parol! on vimeo.
 
On this videochannel you can see some short overviews of activities.  

 

2013 – 21 DICEMBRE –  SABATO
Abbiamo inviato una prima e-mail a tutto l’indirizzario di Cascina Macondo con l’invito ad assistere al saggio finale di lettura ad alta voce degli allievi detenuti del carcere “Rodolfo Morandi” che hanno terminato il primo percorso del progetto Parol. Il saggio è programmato per giovedì 23 gennaio 2014 alle ore 17.30 presso il teatro del carcere. E’ un appuntamento che consigliamo. Occorre obbligatoriamente prenotarsi inviando una e-mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando per ciascuno: nome, cognome, luogo e data di nascita,  indirizzo di residenza.
Effettuata la prenotazione occorrerà presentarsi per le ore 17.00 all’ingresso con un documento di identità valido, senza cellulare, ed evitando di portare borse.
Indirizzo: Casa di Reclusione “Rodolfo Morandi”, Via Regione Bronda 19/bis – Saluzzo (CN).

 

2013 – 18 DICEMBRE –  MERCOLEDI
12° INCONTRO carcere “Rodolfo Morandi” – Saluzzo.
(2° INCONTRO LABORATORIO DI POETICA HAIKU
e SCRITTURA CREATIVA)

- docente Pietro Tartamella -
Prima di lavorare con i detenuti incontro negli Uffici Davide Sannazzaro che mi dà conferma del saggio di lettura aperto al pubblico. Ok, allora è confermato per giovedì 23 gennaio 2014, alle ore 17.00, nel teatro del carcere.
Ho portato sei libri di haiku ai detenuti, che poi resteranno in omaggio alla biblioteca del carcere:  OLTRE L’AUTUNNO  - autore P. Tartamella; A TIRAR SERA  - antologia haiku – AA.VV a cura di P. Tartamella; CON FILI INVISIBILI  – antologia haiku – AA.VV a cura di P. Tartamella; MA NON LA LUNA – antologia haiku – AA.VV a cura di P. Tartamella; QUESTO FILO DI VOCE – antologia haiku – AA.VV a cura di P. Tartamella; UN SASSO NELLA MANO – antologia haiku – AA.VV a cura di P. Tartamella.
Poiché salteremo due settimane per le feste avranno il tempo di leggerli e capire meglio l’haiku.
Ho anche portato le cartoline che mi sono arrivate ieri sera dal Belgio. Sei cartoline in tutto, una per ogni paese coinvolto nel progetto Parol, con una immagine e due righe di presentazione dell’associazione partner, e una dedicata a Parol.
Ritiro le ultime cinque relazioni sul laboratorio di lettura ad alta voce ancora mancanti.
Salvatore, entrato nel gruppo da solo due lezioni, scrive: “Ringrazio l’Amministrazione Penitenziaria per avermi dato la possibilità di frequentare il corso di lettura ad alta voce. Per me è una nuova esperienza. Un leggio, è importante quanto un libro o una penna. Capisco che il corso mi è molto utile. Certamente se avessi avuto più tempo, o fossi stato inserito prima, insieme agli altri compagni, oggi sarei a loro pari. Cercherò di impegnarmi per raggiungere la stessa loro posizione…”.
Preng, albanese, scrive: “… questo percorso per me è molto significativo, molto importante, più interessante, interessante dico, perché io non lo sapevo che potrei avere la capacità di cambiare la mia voce per entrare nel personaggio di una favola…” – “ Che per poi grazie al prof. Pietro Tartamella che è molto bravo e che per il tempo che ci troviamo con lui ci fa dimenticare l’”inferno” dove ci troviamo, e ci aiuta di essere presentati nella società civile. A noi ci dà una dignità che forse qua non ce l’abbiamo. Ancora una volta grazie”.
Paolo scrive: “Sto frequentando il corso di lettura creativa, a dire il vero mi sono iscritto pensando ad un corso un po’ noioso, forse perché sono preso da tante altre cose, in particolare la pittura olio su tela, cui dedico diverse ore al giorno, che oggi all’interno del carcere è il mio hobby preferito, domani fuori sperò sarà la mia vita, il mio futuro unitamente a tutto ciò che può rendermi sereno e vivere da persona onesta insieme alla mia famiglia che in tutti questi anni mi ha seguito con amore, costanza, senza mai privarmi del loro sostegno economico e soprattutto morale” - “… questa esperienza mi ha aperto un’ulteriore orizzonte creativo, dando valore e importanza alle parole, e come dice il prof. Tartamella, le parole sono perle. Adesso invece aspetto con piacere l’appuntamento del mercoledì…!”.
Matteo scrive: “Sono contento per questo corso di lettura con il professore Tartamella che si impegna tantissimo con noi detenuti. Perché per noi è molto importante il laboratorio di lettura ad alta voce che ci toglie dalla noia ma anche dall’ignoranza che qui regna “sovrana”- “E’ solo con lo studio che tanti di noi hanno una possibilità di riscatto con la società. Una cosa ho imparato, che il nostro nemico è l’ignoranza, e spero tanto che prima o poi finisca. Con persone di buona volontà e con il nostro impegno ci dobbiamo riuscire”.
E infine Ahmad scrive: “… Chi, per disgrazia, finisce in questo squallido ambiente, ha più che mai bisogno di crescere culturalmente e soprattutto eticamente. L’etica libera le sane passioni, libera la bellezza interiore che c’è in ogni essere umano. Lo studio dà la possibilità al detenuto di stare al passo col tempo, gli apre nuovi orizzonti e lo aiuta concretamente a pianificare il suo futuro che si auspica sia migliore…” – “forse è la cornice di umanità che il detenuto riceve in ambito scolastico che può porre le basi di una rinascita, di un risveglio, e di una ritrovata consapevolezza. Victor Hugo scrisse: “Aprire una scuola è chiudere una prigione”.
Bene, è ora di ritornare a lavorare con gli haiku. Tutti ne hanno scritti diversi, e siamo tutti curiosi di leggerli e di perfezionarli, disposti ad ascoltare i suggerimenti dei compagni. Eccone alcuni:

notte di freddo
noi un abbraccio forte
un gatto scappa


Massimiliano


semplici vite
ignoto il destino
raggio di sole


Antonio


Albero spoglio
un tappeto di foglie
sotti i miei piedi


Totò


fuoco improvviso
trascorre la mattina
neve d’inverno


Antonino


Si affaccia un agente sulla porta a ricordarci che il tempo è finito. Una stretta di mano, un augurio di Buon Natale, anche alle famiglie. Un arrivederci a gennaio.

 

2013 – 17 DICEMBRE –  MARTEDI
11° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(2° INCONTRO LABORATORIO DI POETICA HAIKU
e SCRITTURA CREATIVA)
- docente Pietro Tartamella -
Questa mattina alle ore 8.22 l’ingresso al carcere era vietato. Ci hanno detto di aspettare. C’era un gran movimento di automezzi e ambulanze. Solo dopo una ventina di minuti ci dicono che è possibile recarsi ai padiglioni a fare lezione. Avrei voluto prendere il solito caffè al Bar interno gestito da Liberamensa, ma non si può accedere al Bar. Scopriamo che è successa una disgrazia assurda: alle 8.10 l’assistente capo della polizia penitenziaria Giuseppe Capitano, 47 anni, è entrato nel bar e dopo un breve e fulmineo alterco con l’ispettore Giampaolo Melis, 52 anni, ha estratto la pistola e gli ha sparato tre colpi a bruciapelo, due colpi all’addome e un colpo al collo. Subito dopo ha appoggiato la canna della pistola sotto il mento e si è sparato un colpo suicidandosi. Tutto il carcere è sconvolto. Molti agenti hanno gli occhi arrossati e increduli, e che qualcuno ha pianto si vede.  Un gran silenzio ovunque. Costernazione. Nessuno si sarebbe aspettato una cosa simile!
E’ l’ennesima testimonianza delle condizioni delle nostre carceri italiane. Disagio, stress, orari straordinari, tensioni, silenzio, urla, sovraffollamento, condizioni igieniche e sanitarie inadeguate, spazi ristretti, stipendi inadeguati… Nei primi 6 mesi del 2013 nelle carceri italiane si contano 1880 colluttazioni, 468 ferimenti, 3287 casi di autolesionismo, 545 tentati suicidi, 18 suicidi fra i detenuti, 7 suicidi tra le guardie. L’OSAPP, uno dei sindacati più rappresentativi della polizia penitenziaria per voce del suo segretario generale Leo Beneduci afferma: “L’agente di polizia penitenziaria è un uomo solo. Non vali niente. Non sei niente. Non godi di alcuna considerazione. Purtroppo sei solo l’oggetto passivo di ordini che vengono dall’alto. Non vedi gli educatori, non vedi i direttori. Sei solo con i carcerati”. Donato Capece, segretario generale del sindacato SAPPE afferma: “Si trova il modo di punirti, quando si vuole e con grande discrezionalità. E’ un problema enorme sollevato più volte. Dobbiamo rivedere questo sistema sanzionatorio”.
Immancabile, parlando delle risorse che andrebbero destinate al carcere, il confronto tra lo stipendio di 1440 euro di un agente penitenziario e quello del capo del DAP (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) Giovanni Tamburrino, che è di 330 mila euro annui.
In questo clima di desolazione lascio all’educatrice Claudia i libri di haiku che ho portato per i detenuti. Ci penserà lei a farglieli avere, così potranno leggerli durante le feste. A lezione sono presenti soltanto Francesco, Roberto, Giorgio, Egidio, Said e Giuseppe C. Giuseppe mi racconta che la tesi in giurisprudenza del suo amico ergastolano è andata benissimo: 110 con lode. Dopo qualche minuto Giuseppe lascia la piccola aula dove facciamo lezione. Dice che ha un colloquio. L’aula è fredda. Solo un termosifone elettrico a riscaldare. Lo abbiamo acceso quando siamo entrati. La finestra ha una striscia di vetro di circa quindici centimetri rotta. Abbiamo messo un dipinto a bloccare il grosso spiffero.
Francesco ha scritto un haiku:

Minio il sole
gelida la pianura
bacio di donna


Francesco è un pittore. Non ha resistito a mettere la parola “minio” al posto della più semplice “rosso”. Anche Giorgio ha scritto il suo primo haiku. Dopo averlo analizzato e fatto osservazioni, la versione finale è la seguente:

in lontananza
le Alpi innevate in cella
che nostalgia.

Ci salutiamo facendoci gli auguri di Buon Natale. Interromperemo per due settimane gli incontri. Arrivederci a gennaio, subito dopo l'Epifania.

 

2013 – 15 DICEMBRE –  DOMENICA
Siamo stati alla festa del Motore di Ricerca della città di Torino “Una Mole di Eventi Christmas” in Via Montebello. Alle 9 del mattino abbiamo montato con Anna un banchetto di fronte al negozio Ingenio, con alcuni manufatti e bigiotteria di ceramica, con il libro “Quattro Tavoli a Testa” e il contenitore “Adotta un grappolo di bolle di sapone”. Abbiamo anche preparato uno striscione. Avevo previsto di fare piccoli interventi per presentare il libro e illustrare il progetto Parol. Purtroppo a fianco del nostro gazebo c’era quello del Karaoke che per tutto il giorno ha messo musica ad alto volume e non è stato possibile parlare con nessuno, tanto meno spiegare l’iniziativa delle adozioni delle bolle di sapone. Certo i ragazzi disabili che si sono alternati al microfono si sono divertiti, ma dalle 10 del mattino sino alle ore 18.30 quasi ininterrottamente  forse è un po’ esagerato! Il nostro gruppo di danzateatro “Viaggi Fuori dai Paraggi” ha presentato tre repliche di una nuova performance molto graziosa: “Una sedia per capello”. Sono stati bravissimi. La via si è animata pian piano con molte bancarelle, si è riempita di gente, molti ragazzi disabili con le famiglie, educatori, qualche turista. Adottate purtroppo solo 48 bolle di sapone e tanto freddo! Pensavo che sarebbe stata una buona occasione, visto il grande pubblico, e che avremmo potuto far adottare almeno 200/250 bolle di sapone. Bella giornata comunque. La sera alle ore 20.00 “Un Brindisi per Natale” all’interno della Mole Antonelliana nel grande salone Bar, con la musica dei bravi Liberidentro.

 

2013 – 13 DICEMBRE –  VENERDI
Cascina Macondo è stata invitata al convegno “Le mille e una abilità - famiglie e saperi in rete per la promozione dei diritti e delle diverse abilità” organizzato da Clara Bramardi dell’associazione “Piccoli e Grandi” nella Sala Conceria di Chieri. Partecipo con la presentazione del libro “Quattro tavolia testa” e con la presentazione del progetto Parol e l’iniziativa Adotta una bolla di sapone.
Ci sono i saluti del sindaco di Chieri, interventi di Sergio Cherubin (del gruppo Drum Theatre) che propone un laboratorio sul battito. Il Punto Rete Area Caselli propone il laboratorio "Scarto Matto". L’avvocato Massano, presenta “Progetto Porta....Colori”. L’avvocato Savatteri parla di “La scuola – opportunità e diritti”.  Alessandra Rubiolo illustra le attività dell’associazione “Gruppo Famiglie Respons-Abili”. L. Pautasso illustra le interessanti attività della Cascina del Mulino di Villastellone “una cascina sociale: tra prodotti e servizi”.  L. Salsano racconta del progetto “Nemo e Familiarizziamo”. M. Bertolina dell’associazione Vivere illustra “Sport e integrazione”. Tatiana Pivari presenta il libro con testi scritti da ragazzi ospiti della Casa Primavera. Alle ore 21.00 concerto di percussioni del gruppo integrato ormai famoso “Drum Theatre”.
Adottate 48 bolle di sapone.

 2013 – 12 DICEMBRE –  GIOVEDI
L'amica Luisa Mondo ha fatto un versamento di 14 euro e ha inviato un elenco di quattordici nomi a sostegno di Parol.
Sono le bolle di sapone che Irene, la sua intraprendente e fantastica figlia adolescente, che ha imparato a scrivere bellissimi haiku, ha raccolto presso i suoi compagni coetanei a cui ha parlato di Parol e del lavoro nelle carceri, un euro a testa, quattrodici nomi. Grazie Irene, ci hai commosso!

2013 – 11 DICEMBRE –  MERCOLEDI
11° INCONTRO carcere “Rodolfo Morandi” – Saluzzo.
(1° INCONTRO LABORATORIO DI POETICA HAIKU 
e SCRITTURA CREATIVA)

- docente Pietro Tartamella -
Il laboratorio di lettura ad alta voce è terminato. Raccolgo le relazioni degli allievi. Ne mancano quattro che mi consegneranno la settimana prossima. Salvatore e Matteo hanno scritto una bozza in “brutta” e me la sottopongono per sapere se va bene. Ok, va bene.
Consegno a Totò i nomi dei ragazzi disabili della compagnia Viaggi Fuori dai Paraggi per i quali vorrebbe fare un braccialettino. Non posso che ammirare la sua intenzione e soprattutto apprezzarlo per la sua generosità, quando dice ai suoi compagni: “glieli daremo a nome di tutto il nostro gruppo”. E’ lui che fa il braccialettini, ma sente che in questo piccolo dono è bello coinvolgere tutto il gruppo! Io non so se fuori dal carcere questo tipo di generosità sia tanto diffusa.
Iniziamo a parlare di haiku. Ancora una volta sono tutti attentissimi, ascoltano, prendono appunti, fanno domande a ripetizione. L’aria di questa angusta stanzetta dove siamo in tredici a lavorare, si carica ancora di energia, di entusiasmo, si carica di senso.
Antonio M. scrive nella sua relazione a conclusione del laboratorio di lettura ad alta voce: “Considero questa iniziativa interessante in quanto mi fa pensare a chi ha avuto da fuori il coraggio di portare “idee-cultura” in un luogo (aimé) dimenticato e guardato come il male della società….. Sono rimasto impressionato per come questo laboratorio di lettura di Pietro Tartamella mi ha coinvolto e migliorato, non pensavo che un leggio con sopra una favola potesse far uscire un lato di me che non conoscevo, inorgogliendomi, dando il massimo delle mie capacità…”.
Totò scrive: “Il destino siamo noi, possiamo accettare una situazione passivamente o agirla nel suo corso, solo in questo secondo caso si ha un destino, quando invece si è passivi, si soggiace al fato, non si è nessuno…. Il progetto europeo Parol che stiamo portando avanti con il docente Pietro Tartamella, noi tutti partecipanti stiamo avendo una funzione terapeutica e pedagogica, in quanto interviene sugli aspetti relazionali e la cura di sé, favorisce infatti le relazioni fra detenuti ed ha una valenza laboratoria, inoltre è veicolo verso l’esterno, è uno degli strumenti che permette alla società di conoscere la realtà del carcere, ti permette di imparare tecniche, e sperimentare toni e linguaggi mettendoti alla prova…..”.
Antonino scrive: “Sinceramente non pensavo che questo progetto di lettura ad alta voce poteva essere così interessante! Ma mi sbagliavo perché mi rendo conto che ne avevo bisogno. Ho capito che un “leggio” ti può cambiare la vita, mi spiego meglio, cioè il nostro gentilissimo professore Pietro Tartamella ci insegna principalmente che essere semplici e a volte essere umili come lo sono i bambini, ti porta ad essere attento in quello che circonda la nostra vita, in un libro, in un racconto ci sono messaggi che si tramandano di generazione in generazione, e il mio compito è quello di trasmettere dei principi che infine sono dei valori, ed oggi grazie al vostro “Progetto” sò come fare. Grazie!!!....Vedo che oggi respiro un’aria europeista che mi consola e vi invito ad incrementare il più possibile questi progetti nelle carceri italiane soprattutto a Sud…
Massimiliano: “Sinceramente quando ho accettato di prendere parte a questa nuova avventura il “Progetto Parol Scrittura e Arti nelle carceri” non immaginavo che ne sarei rimasto entusiasta. …. E’ stato per me una esperienza bellissima, peccato che è durata poco, mi auguro che questo tipo di iniziative nelle carceri continuino, si moltiplichino, e siano accessibili a tutti i detenuti, non solo ai pochi eletti dalla sorte”.
Francesco: “… la suggestione più imprimente è stata quella di rendermi conto della forza enorme che posseggono le parole, quando esse vengono espresse con il dovuto modo, con decisione e con il fine di trasmettere le proprie emozioni. L’esperienza è molto positiva e brillante, bisognerebbe dare la possibilità di apprendimento a quante più persone possibile, sia dentro le carceri che anche fuori….”.
Bruno: “Senza dubbio una esperienza fuori dalla norma per una struttura carceraria, molto positiva, che riesce a far cadere dei tabù che permangono tra detenuti. Un’apertura ad un modo di socializzare molto diverso, per certi versi curioso, per chi non è abituato a confrontarsi con gli altri, dove i sentimenti molto spesso sono repressi, dove non si riesce ad esprimere a pieno la propria personalità, questa occasione ci dà modo di essere svincolati dal rigido e finto modo di essere del recluso classico…”.
Riccardo: “Nella mia piccola esperienza carceraria, per giunta enormemente ingiusta, considero la situazione carcere alquanto penosa. Viviamo in un paese povero di iniziative, il potere è in mano a persone prive di occhi e di orecchie. La nostra convivenza in questo luogo angosciante è vuota di iniziative, un detenuto il giorno che mette piede fuori le sbarre, trova il deserto, un mondo di negazione e perseguitato a vita da una realtà di cui non possiamo più far parte….. Io non me la prendo con chi gestisce il carcere, ma con chi deve finanziare i progetti che servono al carcere. I politici devono rinunciare a una parte dei tanti privilegi e destinare i fondi per sviluppare questi progetti…. Per quanto riguarda il corso di lettura creativa che stiamo frequentando, lo considero un’ottima alternativa per rompere quel muro di cristallo che si è creato nella nostra anima. La lettura come la musica apre la mente, colora la nostra buia visione e ci fa scoprire un orizzonte per noi poco chiaro. Ringrazio il professore Tartamella Pietro per averci accompagnato in questo felice percorso, con la sua anima umile e nobile ci ha resi entusiasti di questa iniziativa che consiglio a tutti e che spero si sviluppi in tutti i circuiti…”.

 

2013 – 10 DICEMBRE –  MARTEDI
10° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Ero incerto stamani se scendere a Torino. Lo sciopero dei “forconi” con il blocco degli autotrasportatori forse avrebbe impedito l’accesso alle strade per il carcere. Come ieri pomeriggio, che ho dovuto saltare la lezione alla scuola elementare Gabelli. Ma è una bella giornata. Mi avvio dunque lo stesso, tutt’al più tornerò indietro. Non c’è molto traffico e riesco a raggiunere il carcere.
Illustro ai detenuti la poesia haiku. Ritiro i fogli con le loro relazioni sul laboratorio di lettura ad alta voce che ormai si è concluso. Franklin ha scritto in inglese. Tutti gli altri si sono ricordati di scrivere in modo leggibile. Alcuni consegneranno la loro relazione la prossima settimana.
Giorgio che frequenta il corso solo da due lezioni ha scritto: “… la lettura e l’uso della voce crea veramente delle sensazioni personali che vien voglia di regalarle anche agli altri quando è il proprio turno di lettura… Mi rammarica il non aver mai prima d’ora fatto un corso simile…. A me piace anche il gruppo che si sta creando…”.
Giuseppe, siciliano, ha scritto: “L’impressione per me è stata una cosa positiva interessante anche il professore che ti spiegava la tecnica per leggere un testo io che non avevo mai letto un testo con le pause gli accenti il guardare il pubblico i miei compagni di percorso…”.
Giovanni che anche lui, come Giorgio, frequenta da soli due incontri il laboratorio, nella sua relazione ringrazia l’educatrice Claudia Rucco che gli ha fatto conoscere il progetto Parol. E più avanti scrive: “… devo dire grazie anche a te Pietro, che mi hai fatto fare cose nuove che non credevo di saper fare, nonostante la mia intelligenza e capacità che le ho sempre messe al servizio dei crimini e per fare danno nei confronti delle persone. Sono stato contento quando mi hai fatto leggere davanti ai miei compagni e non credevo di saperlo fare, chissà se ci riuscirò davanti a molte persone, questione di buona volontà”. E poco più in là Giovanni scrive ancora: “… se posso fare una piccola osservazione, non smettere di credere in persone come noi, perché qualcosa di buono lo otterrai, come lo trovi in quei ragazzi disabili a cui tanto ci tieni, e chissà se anch’io potrò essere utile un giorno a persone con queste problematiche…”.
Piero scrive: “Le impressioni e suggestioni ognuno le interpretare in base alle percezioni sensoriali dagli impulsi che il nostro cervello ci dà, e poi chi vuole mettersi in gioco, ma bisogna sempre vedere l’umore dell’individuo che essendo ristretto in questo contesto malsano, a volte può essere distratto da altre problematiche…”.
Roberto, genovese e autore di canzoni bellissime, scrive: “Prima di iniziare il laboratorio di lettura ad alta voce, ero convinto di essere un buon lettore. Ma non era così, me ne sono reso immediatamente conto quando il docente ha letto un passaggio del Pinocchio di Collodi… In conclusione non posso fare altro che esprimere un giudizio estremamente positivo su questa prima parte del progetto Parol che non solo ha migliorato il mio modo di leggere, ma mi ha insegnato a farlo bene”.
Franklin in inglese scrive: “Infact the course is a dream come true, initial I was flabergasted what a change of voice, as was progressed it was impresive and encouraging… Today I can proudly come out in public and read, make a speech without shirving and shaking. … I will not fail to congratulate the organization of this fantastic course, I pray if they can kindly spread the course to other prison or if possible make the course a compulsory one in our school… Thanks”.
Francesco scrive: “Finalmente qualcosa di veramente significativo portato nelle carceri. Ottimo sotto il profilo del “bilanciamento” fra attività immateriale e pratica. La lettura ad alta voce è stata per me un’esperienza totalmente nuova. Gradita tantissimo, e sono fermamente convinto che all’interno del circuito penitenziario possa essere di estremo aiuto per qualsiasi persona e di arricchimento culturale…”. Poco più avanti Francesco segnala l’opportunità di avere delle dispense, che in effetti non ho programmato di dare agli allievi. E scrive ancora: “Sapendo che nello stesso istante in cui si sta leggendo o si è in fase di apprendimento, in altre carceri, sia in Italia che all’estero altre persone detenute portano avanti lo stesso progetto, dà una grande emozione…”.  E conclude con un giudizio molto lusinghiero per me: “…e per finire un plauso grandioso al docente Pietro per la sua smisurata umanità e capacità comunicativa. Da persona brillante cui è sprigiona luce… e la luce è intorno ad ogni cosa. Grazie”.

 
2013 – 06 DICEMBRE –  VENERDI
Ore 17.45 spettacolo di danzateatro LO STRILLONE della compagnia integrata Viaggi Fuori dai Paraggi condotta da Nagi Tartamella e Florian Lasne, ospiti della “Kermesse Internazionale Arte Plurale 2013” organizzata dal Comune di Torino negli spazi della Promotrice delle Belle Arti in zona Giardini del Valentino. Alla fine dello spettacolo presento il libro Quatrtro tavoli a testa e il progetto Parol. Adottate 58 bolle di sapone.

 
2013 – 05 DICEMBRE –  GIOVEDI
Anche il gruppo di scrittura creativa e lettura ad alta voce Verbavox di Via delle Querce è nel programma della “Kermesse Internazionale Arte Plurale 2013” organizzata dal Comune di Torino negli spazi della Promotrice delle Belle Arti in zona Giardini del Valentino. Il gruppo ha scritto poesie molto particolari con gruppi consonantici davvero ostici e si è allenato a leggere possibilmente senza impappinarsi e senza fare errori. Alla fine della performance presento il libro Quatrtro tavoli a testa e il progetto Parol. Adottate zero bolle di sapone.


2013 – 04 DICEMBRE –  MERCOLEDI
10° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

Facciamo una prova di lettura in teatro, controlliamo i tempi, gli spazi, la voce. Oggi c’è la presenza nuova di Salvatore A. Per essere la prima volta che legge ad alta voce se la cava discretamente. Totò mi ha portato il braccialettino col mio nome. Mi dice che se gli dò i nomi dei ragazzi disabili che faranno lo spettacolo farà anche a loro un braccialettino. È un bel pensiero che apprezzo. I ragazzi ne saranno felici e il gesto di Totò li aiuterà ad ammorbidire la loro mente ancora rigida nei confronti del mondo del carcere.  Distribuisco il foglio per la relazione dei detenuti sul percorso di lettura ad alta voce. Scrivete in cella con calma, e in modo leggibile mi raccomando. Me lo consegnerete la prossima volta.


2013 – 03 DICEMBRE –  MARTEDI
9° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Egidio e Roberto leggono ciascuno (e cantano) una poesia-canzone che hanno scritto loro. Giuseppe legge una pagina della tesi che il suo amico ergastolano ostativo prossimo a laurearsi sta preparando con il suo aiuto. Francesco legge un suo brano. Anche Giorgio. Giovanni non ha preparato nulla; gli passo una poesia di Bertolt Brecht che legge benissimo. Il laboratorio di lettura è finito. Consegno un foglio su cui i detenuti dovranno scrivere per la settimana prossima le loro opinioni, suggestioni, osservazioni. Cominceremo dal prossimo incontro il percorso sulla poesia haiku.
Finita la lezione vado a trovare l’educatrice Claudia nel suo ufficio. Dove sono i miei libri? Il bibliotecario non ne ha avuto ancora notizia. Hai risposto al detenuto di alta sicurezza che aveva indirizzato la sua lettera a Macondo chiedendo di frequentare il laboratorio Parol? È possibile per il gruppo utilizzare il computer? Accenno all’idea di fare una lettura ad alta voce aperta al pubblico esterno, possibilmente nella prima settimana di febbraio 2014. Claudia prende appunti. Cercherà per la settimana prossima di rispondere ai miei quesiti.


2013 – 02 DICEMBRE –  LUNEDI
Siamo nel programma della “Kermesse Internazionale Arte Plurale 2013” organizzata dal Comune di Torino, negli spazi della Promotrice delle Belle Arti in zona Giardini del Valentino. Tre autori presentano il loro libro: Alberto Reviglio e Reves Pagano, Consorzio Sociale R.I.SO: "Una repubblica piena di fiori. Atlante atipico dell’Italia unita". Petra Probst: "In viaggio con il Maestrale. Il colore delle emozioni". Pietro Tartamella e Viaggi Fuori dai Paraggi, Cascina Macondo: "Quattro tàvoli a tèsta, Haibùn del primo viaggio a Parigi". Conduce  Maresa Pagura, Servizio Passepartout. Adottate 29 bolle di sapone.



2013 – 01 DICEMBRE –  DOMENICA
A Cascina Macondo c’è la giornata di Danzinfavola (normalità & disabilità). Dopo le danze popolari condotte da Maria Baffert intrattengo i ragazzi con un lavoro di scrittura creativa. Li invito a comporre una poesia di ringraziamento da dedicare a tutti coloro che hanno adottato bolle di sapone. Fra i ragazzi c’è qualcuno che fa parte della compagnia di danzateatro Viaggi Fuori dai Paraggi, coinvolta nel progetto Parol con uno spettacolo che rappresenteranno nel carcere di Torino e Saluzzo. Ecco la poesia di ringraziamento che hanno composto:


GRAZIE BOLLE DI SAPONE


Saponi volanti,
sugli amici che sono distanti un sogno arriva,
un desiderio grande, una gioia,
tutti insieme dolce speranza
che si balla nella stanza.

Un ringraziamento a voi,
a voi delle bolle di sapone vola una musica
di colori e luci
con l’augurio di stare sempre bene
su una strada piena di fiori
con api e uccelli e farfalle che passano
come bolle di sapone.

Vi ringrazio perché siete tutti strani
e avete fatto una pazzia, e questo mi piace.

Scrivere naturale? È una bella domanda!

Soffiato mi piace, io ho visto te.
Mi piace la poesia,
emozione conservata nella pioggia,
e la danza del sole, e la gente che si diverte,
finché sono giovani, la gente che si illumina
e ascolta una melodia musicale
che fa parte della festa e fa riflettere
quanto la mente circonda
il loro divertimento e la loro serenità.

Per me entrare in carcere è come se fossi
un detenuto, però non lo sono.

Ringrazio questa poesia,
ringrazio chi c’è sulla terra, e chi non c’è più,
ringrazio chi ci vuole bene.

Chi ci vuole male prende un’altra strada
come l’operazione ai polmoni
di mio fratello che ho visto con i miei occhi.

Continuate ad essere buoni:
 è una cosa bella da fare.

Uno scambio è regalo, sorriso, incontro, dolcezza,
è un pensiero, un’opera, un riflettere.

Le mie parole vanno in città, fanno il giro,
sono belle, accessibili, confortevoli.

Gesto rotondo le mie mani,
un saluto, uno sguardo verso l’alto,
e la maglietta tirata giù con le dita.



Angelo, Anna, Annette, Antonellina, Antonio, Beatrice, Clelia, Daniela, Daniele, Davide, Debora, Fabrizio, Gabriella, Grazia, Lorenzo, Luana, Luca, Lucy, Maria, Marusca, Matteo, Mila, Pasqualina, Silvia, Simona, Tommy, Wilma, Pietro e Anna, Nagi e Florian

 

  simona  milahaidiluca  daniele  beatrice  anna  pietro
   Simona     Mila, Ajdi, Luca      Daniele       Beatrice      Anna        Pietro
 
 
tommy  antonio  davide  fabrizio  simona  grazia
Tommy   
   Antonio         Davide         Fabrizio        Simona         
Grazia
 
luca  marusca  nagi  florian    
  Luca          Marusca          Nagi            Florian         
 
 
 
 
2013 – 29 NOVEMBRE –  VENERDI
Chiara Gorzegno e Maria Baffert dell’associazione Baldanza ci hanno invitato a presentare il libro Quattro Tavoli a testa e il progetto Parol in Via San Marino a Torino in una serata di danze popolari. C’è molta gente, anche molti ragazzi disabili. Ci offrono quindici minuti per la presentazione. Adottate 157 bolle di sapone.
 
2013 – 27 NOVEMBRE –  MERCOLEDI
9° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
I detenuti hanno proposto altri testi da leggere. C’è il rischio che non si decidano a sceglierne uno per il saggio finale. Li invito a concentrarsi su un testo e a prepararlo al meglio. Fra quelli che hanno proposto c’è una buona diversità di contenuti e di autori, ce ne sono di seri e poetici, ma anche di divertenti. È l’ideale per una bella serata di letture. Totò che costruisci braccialettini con fili ricamati dove incide anche il nome mi chiede se ho piacere di averne uno. Senz’altro, sarà un piacere. 
 
 2013 – 26 NOVEMBRE – MARTEDI
8° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Ci alleniamo sulla tecnica di lettura epica alla maniera dei pupari siciliani. Giorgio e Giovanni, malgrado abbiano appena iniziato ora il percorso, si sentono a loro agio, e si stanno mettendo in fretta al passo con gli altri. Vogliono leggere i miei libri, quelli che ho donato alla biblioteca e su cui ho scritto una dedica. Ma non sanno in quale biblioteca sono finiti! A fine lezione passo dalla biblioteca del nostro settore e chiedo a Pietro, il bibliotecario, se ne ha notizia. No, non sa nulla. Si prende un appunto per indagare e capire se può rintracciarli. Chiedo alle educatrici di informarsi anche loro per scoprire dove sono finiti i libri, e per sollecitare l’autorizzazione a far loro usare il computer per battere i testi da leggere ad alta voce.
 
2013 – 23 e 24 NOVEMBRE – SABATO E DOMENICA
Si è svolta la “FORMAZIONE PAROL – ARTE E TEATRO NELLE CARCERI” con interventi di Diederik De Beir (Belgio), ideatore del progetto Parol (Presentazione del progetto europeo Parol:  mission, obiettivi, attività) - Alessandra Rossi Ghiglione, docente di Teatro Sociale e di Comunità presso le Università di Torino, Milano, Brescia; ideatrice con Alessandro Pontremoli del “Master di Teatro Sociale” presso l’Università di Torino attivo dal 2001 (Storia, tecniche, dinamiche, stili e prospettive del Teatro Sociale e di Comunità) - Testimonianze a cura di Annamaria Verrastro presidente dell’APS Cascina Macondo, e Pietro Tartamella direttore artistico (Argilla e Poesia - esperienze didattiche nel carcere di Tilburg (Olanda) e nel carcere di  Dendermonde (Belgio)) -  Davide Sannazzaro, responsabile dell’Area Educativa della Casa di Reclusione “Rodolfo Morandi” di Saluzzo (Organizzazione del carcere, diritti e doveri dei detenuti) -  Valentina Guastella funzionario giuridico pedagogico nel carcere Lorusso-Cutugno di Torino (Il ruolo dell’educatore in carcere - relazioni e dinamiche “con” e “tra” i detenuti) - Grazia Isoardi formatrice, autrice, regista teatrale, ha dato vita all’Associazione Voci Erranti. Dirige il Centro di Formazione Teatrale “Milanollo” di Savigliano e il laboratorio teatrale permanente per i detenuti nel carcere di Saluzzo (corpo recluso, corpo errante - seminario teorico pratico sul fare teatro in carcere).
 
2013 - 23 NOVEMBRE - SABATO
Riceviamo una e-mail di Diederik, dal Belgio, che ci informa che la televisione giapponese ha fatto un servizio sul percorso haiku che Diederik sta conducendo nel carcere di Dendermonde.

Dear Parol! friends,
Below you will find a link in blue to the haiku tv report (in Japanese)  that was broadcast in Japan yesterday evening. by the national broadcasting corporation NHK.
http://www3.nhk.or.jp/news/html/20131116/k10013105541000.html
(il link purtroppo non è più attivo, in quanto il filmato è rimasto solo per un tempo limitato).
You will see in the report after the Belgian professor of Japanese Willy Vandewalle talking:
- a haiku meeting by Hedwig Aerts (with whom I did a haiku workshop for Parol! together with Tine for visual arts - collage) with her members in Ghent
- a meeting with a few prisoners from our haiku and visual arts workshop activity in the (library) prison of Dendermonde (you will recognise me and Hedwig).
You will also see the Haiku Post Box from Matsuyama city in which haiku are being posted in Ghent and Dendermonde. Perhaps this report will awaken your interest in haiku, the shortest poem in world literature (with Belgium, Poland and Italy having haiku in their Parol! Work Programme). This is literally art and writing beyond walls, beyond borders taking us to  the Land of the Rising Sun:Japan! Kind regards  from Belgium here and keep up the Parol! spirit!

Diederik
 
2013 – 22 NOVEMBRE – VENERDI
È uscito sul Torino Sette, inserto de la Stampa, un nostro esauriente articolo redazionale a pagamento (la Stampa non ha ancora dato spazio al progetto Parol!). Nell’articolo viene illustrato il progetto europeo Parol e vengono menzionate le iniziative “Adotta una bolla di sapone”, e la “Formazione Parol – Arte e Teatro nelle carceri” che si terrà sabato 23 e domenica 24 novembre.
 
2013 – 20 NOVEMBRE - MERCOLEDI
Piero Figus, titolare dell’azienda di noleggio pullman Linea Azzurra di Moncalieri, mi ha invitato ad una cena con alcuni soci del LIONS CLUB DI MONCALIERI presso il ristorante il Fiordo. Ho una mezz'oretta di tempo per illustrare le attività di Cascina Macondo, il libro Quattro tavoli a testa e il progetto Parol. Piero sta perorando presso il Lions Club di Moncalieri la nostra causa e vorrebbe che un loro contributo fosse elargito a Cascina Macondo.  I commensali sono per lo più donne.  Sono presenti Piero Figus e sua moglie, Davide Vittone presidente e Raffaella Zanchi sua moglie. Illustro i progetti di Cascina Macondo e, a mio parere, sono stato convincente. Ma c’è da attendere che il consiglio si riunisca per sapere se un loro contributo verrà dato a Cascina Macondo. Durante la serata sono comunque state adottate 53 bolle di sapone.
 
2013 – 20 NOVEMBRE - MERCOLEDI
8° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
I detenuti sono sempre presenti e puntuali. Sono impegnati a scegliere e a provare i testi da leggere ad alta voce il giorno del loro saggio aperto al pubblico. Sebastiano, in quanto declassificato, non ha più frequentato il laboratorio. Anche Francesco, in quanto trasferito, non ha più frequentato. Ma forse ritornerà. Chiedo all’educatrice Giovanna Barale di poter incontrare per un breve colloquio gli altri detenuti che avevano espresso il desiderio di iscriversi. Alla fine della lezione incontro Giorgio, Salvatore L., Walter, Carmine, Salvatore A. Inoltro le mie osservazioni agli educatori che le confronteranno con altre informazioni in loro possesso e si potrà selezionare un nome da ammettere al laboratorio.  Verrà scelto Salvatore A.
 
2013 – 19 NOVEMBRE - MARTEDI
Nel pomeriggio, alle ore 17.00, dopo l’uscita da scuola, avrei dovuto avere un incontro con la giornalista Roberta Arias della provincia di Asti che scrive su alcuni giornali locali e su alcuni blogg. Avrei dovuto illustrare il progetto Parol e le bolle di sapone. Ma questa mattina (a volte succede) ho dimenticato per la fretta il mio cellulare a casa, e così, pur essendo vicini entrambi al luogo dell’appuntamento, non ci siamo incontrati! Combineremo un altro incontro prossimamente.
 
2013 – 19 NOVEMBRE - MARTEDI
7° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
È piovuto tutta la notte e piove ancora al mattino. Anche oggi tra i detenuti c’è distrazione. Incombono la immagini catastrofiche delle inondazioni in Sardegna. Giorgio e Giovanni i due nuovi iscritti sono presenti. Faccio compilare anche a loro il modulo per l’autorizzazione all’utilizzo del nome. Leggono al leggio le storie che hanno preparato. Fabio è assente. Sarà assente per un paio di mesi, distaccato per un lavoro di sistemazione dell’area esterna al carcere. Said mi lascia su un foglio una sua poesia da leggere, perché non può fermarsi a lezione a causa di un colloquio. Si intitola “Tempo di riflessione”:

Rifletti uomo, rifletti,
ad ogni singolo evento,
ad ogni gesto,
ad ogni parola, rifletti,
su ogni cosa
piccola o grande che sia,
su ogni attimo.
Datti tempo e rifletti.
Ma prima di tutto
azione
o posizione
rifletti su te stesso.


Giuseppe, 79 anni, che sta aiutando un ergastolano a scrivere una tesi di laurea sul mondo del carcere e della detenzione, ha avuto notizia che sua moglie è stata scippata della borsa. Dopo aver espresso il suo disappunto per l’accaduto, mi lascia un foglietto con una sua riflessione sui libri:

I libri che leggo mi servono per segare le sbarre della mia finestra. Quello che scrivo per scavalcare il muro di cinta. Leggo molto, perché i libri servono per imparare ad amare anche i cattivi, perché alcuni spiegano perché le persone sbagliano. Leggo per far continuare a battere il mio cuore…

 
2013 – 17 NOVEMBRE - DOMENICA
Si è svolta la cerimonia di premiazione dell’undicesima edizione del nostro Concorso Internazionale Haiku in Lingua Italiana. Presenti un centinaio di persone. I Lettori di Macondo e il gruppo Verbavox hanno letto in modalità Zikan i venti haiku vincitori. Domenico Benedetto e Antonella Filippi hanno trasformato in Haiga i venti haiku. Abbiamo ascoltato le suggestioni delle percussioni Taiko di un gruppo genovese. Abbiamo assistito alla cottura Raku della ciotola da consegnare al primo premio Marzia Musneci presente alla premiazione. Abbiamo presentato il libro Quattro tavoli e testa e il progetto Parol. Sono state adottate 286 bolle di sapone.
 
2013 – 15 NOVEMBRE - VENERDI
Presentazione del libro “Quattro tavoli a testa” e del “Progetto Parol” a Santena presso la Caffetteria Mami, in Piazza Tana n° 1, organizzato grazie all’intermediazione dell’amica Anna Masoero titolare della Farmacia Nazionale. Il bisettimanale Corriere di Chieri ha dato ampio risalto all’appuntamento. Sono presenti, tra gli altri, il sindaco di Santena Ugo Baldi e l’assessore alle Politiche giovanili, culturali, sportive e di innovazione tecnologica Paolo Romano. Adottate  78 bolle di sapone.

 
2013 – 13 NOVEMBRE – MERCOLEDI
7° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
Il direttore Giorgio Leggieri e Davide Sannazzaro, responsabile dell’Area Educativa, mi danno conferma che i detenuti potranno fare il loro saggio alla fine del percorso di Lettura ad Alta Voce giovedì 12 dicembre alle ore 17.30. Chiedo tutte le informazioni logistiche per preparare il comunicato e gli  inviti. Abbiamo chiesto il giovedì, perché vogliamo portare alcuni ragazzi disabili della compagnia Viaggi Fuori dai Paraggi a sentire le letture dei detenuti. Ma tornando a casa e parlando con Anna ci accorgiamo che dobbiamo rimandare il saggio, perché i ragazzi sono impegnatissimi con Arte Plurale e con il Motore di Ricerca della città di Torino e sarebbe per loro uno stress. Chiediamo di spostare la data a gennaio del 2014. 
 
2013 – 12 NOVEMBRE – MARTEDI
6° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Oggi a Torino il laboratorio di lettura ad alta voce è molto disturbato. Un detenuto si è impiccato in cella con un lenzuolo il giorno prima. Said lo conosceva. Si respira un’aria greve e triste. Provano i testi che hanno scelto.  Francesco propone alcune riflessioni filosofiche di Sinpe su Diogene. Egidio legge una sua poesia “Colloquio”. Franklin legge un suo testo sulla guerra e la pace. Abdelgan un brano di  Pinocchio. Giuseppe alcune sue riflessioni sul carcere. Roberto legge (lo sa a memoria) molti versi del primo canto dell’Inferno di Dante Alighieri.
L’educatrice Claudia mi suggerisce di fare un breve colloquio con due nuovi possibili iscritti, in sostituzione di Giuseppe, Ciprian, Francesco, che non sono più venuti a lezione. Alla fine della lezione incontro Giovanni e Giorgio e dopo un breve colloquio ritengo opportuno inserirli nel gruppo a cominciare subito dalla settimana prossima.
 
2013 – 11 NOVEMBRE – LUNEDI
Sara Lanfranco un’amica che ha frequentato in passato i “Racconti d’Inverno” si è resa disponibile per una intervista in una radio torinese. Può offrirci uno spazio per parlare di Parol e dell’iniziativa “ADOTTA UN GRAPPOLO DI BOLLE DI SAPONE”. Non sono ancora riuscito a chiamarla per combinare un appuntamento. Penso di farlo dopo il 15 dicembre, quando avremo terminato gli impegni con il Circolo dei Lettori e la Kermesse Arte Plurale con i diversi interventi della compagnia integratra Viaggi Fuori dai Paraggi e del gruppo di lettori Verbavox. 
 
2013 – 11 NOVEMBRE – LUNEDI
Finalmente riesco a continuare l’aggiornamento di questo Diario dopo giorni di impegno costante nell’organizzazione della Cerimonia di Premiazione del nostro Concorso Internazionale Haiku, della Formazione Parol, della presentazione del libro “Quattro Tavoli a Testa” in diverse situazioni, dopo il cambio delle ruote da neve alle auto, dopo l’avvolgimento dei tubi perché non gelino, e dopo mille altre cose pratiche che incombono sempre.
Wanda, un’amica che risale al tempo dell’Arte di Strada, fondatrice con Marco Schiavina in San Giovanni in Persiceto dell’associazione di promozione sociale “Wanda Circus, P-Artigiani del Sorriso” (http://www.wandacircus.com) ha adottato 50 bolle di sapone, e all’interno del suo circo diffonde il il progetto Parol di Cascina Macondo.
 

quattro tavoli a testa 2013 – 09 NOVEMBRE – SABATO
Questa mattina mi ha telefonato l’amica Anna Masoero, farmacista in Santena. Ha combinato con Mariella, proprietaria della CAFFETTERIA MAMI, la presentazione del libro “Quattro Tavoli a Testa” per venerdì 15 novembre alle ore 20.00. Le dò conferma della mia disponibilità e prendo accordi logistici con Mariella. Preparo una pagina sul sito di Cascina Macondo per pubblicizzare l’evento a cui ho dato un titolo: QUATTRO TAVOLI A TESTA, IL DETENUTO E LA BOLLA DI SAPONE. Vuol dire che presenterò il mio libro scritto con i ragazzi disabili della compagnia Viaggi Fuori dai Paraggi, e poiché la compagnia è coinvolta nel progetto Parol con un suo spettacolo di danzateatro nel carcere di Torino e Saluzzo, l’aggancio è consequenziale per illustrare il progetto Parol e l’iniziativa ADOTTA UNA BOLLA DI SAPONE. Farò una presentazione performativa. Il titolo, che mi sembra buono, può restare lo stesso per altre eventuali presentazioni in librerie, biblioteche, teatri e case private.
Ho aggiunto le seguenti righe per dare qualche informazione in più sul contenuto del libro:

Una compagnìa di danza-teatro di Torino formata da ragazzi disàbili e nòrmodotàti è invitata a partecipare a Handi-Scène, una rassegna di teatro che si svòlge ogni anno, nel mese di giugno, in una cittadina del nòrd della Francia, nei pressi di Parigi.  Gli attori, 21 persone in tutto, affìttano un pullman,
e i personaggi sàltano fuòri…”
.

E ho aggiunto le suguenti righe per spiegare l’importanza del libro, la sua utilità, e perché consigliamo di acquistarlo:

“Un libro affascinante e divertente, che consigliamo agli educatori, ai genitori, agli operatori del settore, alle istituzioni, ai viaggiatori, agli haijin e, naturalmente, ai ragazzi disàbili che sanno lèggere, affinché pòssano ritrovarsi e ricavarne coraggio. Soprattutto lo consigliamo a coloro che mai hanno avuto mòdo di conóscere e frequentare la disabilità. Potrèbbe èssere per loro una sorpresa la scopèrta di un lèmbo di mondo che non supponévano…”.

 
2013 – 08 NOVEMBRE – VENERDI  - PAROL E FRECCIOLENEWS
In queste ultime settimane, da quando abbiamo iniziato a parlare di Parol e di detenuti, e a inviare comunicati sulle diverse iniziative inerenti Parol, abbiamo notato che un certo numero di utenti iscritti alla nostra newsletter Frecciolenews, ha disdetto la propria iscrizione, manifestando il desiderio di non ricevere più i nostri comunicati. Ogni volta che inviamo un comunicato ci sono sempre uno o due utenti che si cancellano dalla newsletter. Questo rientra nella normalità. Ultimamente le disdette sono state più consistenti e concentrate. Non ci sfugge la relazione tra cancellazione/detenuti/prigione. Normalmente sono utenti che si occupano di poesia. Nell’universo dei poeti si usano spesso frasi del tipo “la vera Poesia…” ,  “la Poesia con la P maiuscola…”. Parlando di detenuti e riscontrando una cancellazione dei poeti mi viene la seguente riflessione: “Ci sono Poeti con la “P” maiuscola, dunque significa che ci sono anche poeti con la “p” minuscola. Ci sono poeti che non appartengono a queste due categorie? Di che natura può essere la “p” di questi  ?oeti che si cancellano dalla newsletter perché ci occupiamo di carceri?".
Dobbiamo dire che anche negli anni passati, quando attivamente abbiamo cominciato ad occuparci della disabilità, altri “poeti” si erano cancellati dalla nostra newsletter.
Parlo di queste cose, non per amarezza, né tanto meno per rimproverare o giudicare, ma solo perché nella premessa a questa pagina di PAROL DIARIO – GIORNO PER GIORNO IL NOSTRO CAMMINO, abbiamo scritto che il diario è anche una fotografia della nostra Italia.

2013 – 07 NOVEMBRE – GIOVEDI  
PAROL – IL PASSAPAROLA NELLE CASE!

L’idea è di Fiorenza Alineri, collaboratrice di Cascina Macondo, che si occupa della newsletter sull’accentazione ortoèpica lineare. “Per quanto riguarda le adozioni delle bolle di sapone e per far conoscere il progetto Parol, a seguito di questa mobilitazione generale che abbiamo attivato – dice Fiorenza – stavo pensando che potrei invitare a casa mia i miei amici, offrire loro un caffè, un thè, un aperitivo, insomma radunare la cerchia dei miei amici e invitarli ad una serata che potrebbe avere come titolo “Quattro tavoli a testa, il detenuto e la bolla di sapone”. A questo incontro tu, Pietro, potresti venire a illustrare il progetto Parol”.  
È una buona idea, anzi, UN’OTTIMA IDEA! La sposiamo al volo.
Chiunque volesse dunque organizzare un incontro a casa sua invitando la cerchia dei propri amici a una serata di “QUATTRO TAVOLI A TESTA, IL DETENUTO E LA BOLLA DI SAPONE” non deve far altro che comunicarci la propria disponibilità, e organizzaremo l’incontro. È una buona idea il cui filo conduttore è il passaparola intessuto di una bella parola: “fiducia”.
Grazie Fiorenza, a presto dunque a casa tua!


2013 – 06 NOVEMBRE – MERCOLEDI
6° INCONTRO
carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
Il gruppo è sempre attivo e pieno di entusiasmo. Per oggi ciascuno doveva scegliere un testo da leggere ad alta voce al leggio, mettendo in pratica le tecniche di lettura che hanno appreso. Sono tutti desiderosi di cimentarsi. Inizia Matteo, che sempre si propone come volontario, con una sua poesia “La Speranza”. Amedeo L’Arabo propone un suo testo, una serie di riflessioni dopo aver assistito ad una discussione tempo fa tra un professore e un detenuto: “La Controversia”. Riccardo legge “Il Bruco e la Lumaca” una favola di un anonimo che ha riscritto egli stesso. Francesco propone anche lui un suo testo “Speranza” che pur trattando lo stesso argomento di Matteo nel titolo manca l’articolo. Totò legge un aggiustamento del racconto “La Città Solare” di Tiziana Viganò, tratto dal libro “La Rondine sul Filo” che avevo lasciato in dono alla biblioteca. Antonio legge un brano tratto dalla prefazione di Agrippino Musso al mio libro “I Poeti de La Tenda”. Massimiliano legge una sua bellissima poesia “Primavera” che firma con lo pseudonimo “Prospero”. Antonio 2 legge un brano da “I Poeti de La Tenda”. Bruno legge “Non sparate sulla Croce Rossa”, un suo testo scritto su una immagine in occasione di una manifestazione di foto e testi realizzata in carcere in collaborazione con un gruppo di studenti. Preng ci sorprende con la favola del Topo e del Leone tanta è la vividezza con cui ci fa vedere, attraverso la voce, i personaggi. Io ho letto la storia del mendicante cieco tratta dalle Mille e Una Notte. Due ore sono volate. Una bella carrellata di voci, di personalità, di interpretazioni. E mi accorgo che stanno leggendo con interesse i libri che ho donato alla biblioteca. Un detenuto non viene più, perché è stato trasferito. Il gruppo, sapendo che si è liberato un posto, chiede che possa essere occupato da un altro detenuto interessato al laboratorio. Diversi sono rimasti fuori dalla possibilità di frequentarlo in quanto il numero massimo è stato già raggiunto. Il gruppo esprime il pensiero di non privare di questa opportunità un loro compagno.


2013 – 05 NOVEMBRE – MARTEDI
Riceviamo a Cascina Macondo la lettera manoscritta su un foglio protocollo a righe di N.C. un detenuto del carcere Lorusso-Cutugno. È indirizzata all’educatrice Rucco:
 “Gent.ma  Edu.ce Rucco,
mi chiamo ….. (N. C.) sono un detenuto della casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino. Mi consenta di farle pervenire questo scritto, in quanto da un vostro comunicato vengo a conoscenza dell’associazione Cascina Macondo e delle sue iniziative, che proponete all’interno dei carceri. Sig.ra Rucco, desidero comunicarle il mio interesse di poter partecipare alle vostre proposte (esempio: Progetto Parol). Fiducioso nella sua attenta valutazione alla mia richiesta, rimango in attesa di una sua risposta, ringraziando anticipatamente le porgo i miei saluti. N.C.”.

Ho informato le educatrici Rucco e Vezzari. Da parte mia nessun problema ad ammettere un nuovo iscritto, visto che un paio si sono già persi per strada. Ma le educatrici, contente anche loro di dare spazio ad un altro detenuto che mostra interesse per il laboratorio, si rammaricano quando verificano che il detenuto è del padiglione “alta sicurezza” a cui non è consentito frequentare i detenuti comuni. Ne deduco che non potrà partecipare al laboratorio.


2013 – 05 NOVEMBRE – MARTEDI
5° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Il laboratorio a Torino procede bene, anche se è molto “disturbato” da andirivieni e assenze temporanee e a volte improvvise. C’è sempre qualcuno che ha visita parenti, o ha l’incontro con l’avvocato, o ha la febbre, o deve fare qualche altra cosa. Il clima che si crea in questo modo è quello della “instabilità”, anche se il laboratorio procede. Il clima è importante. Sembra però che in tutte le carceri il clima dell’instabilità sia la norma. Non posso non osservare che questa incertezza, aleatorietà, questo stato di continua “sospensione” è contrario al principio della rieducazione. E’ come se l’istituzione carceraria non desse importanza ai laboratori e alle possibilità che essi, tutti i laboratori, portano con sé intrinsecamente. I valori della puntualità, della precisione, della costanza, dell’assiduità, della profondità, della responsabilità, dell’impegno, al di là dei contenuti formativi di ogni laboratorio, è come se non fossero tenuti in debito conto. Con questo tipo di organizzazione l’istituzione carceraria rischia di vanificare o di ridurre drasticamente le potenzialità educative e formative dei laboratori.


2013 – 02 NOVEMBRE - CASCINA MACONDO COMPIE 20 ANNI
Si sono svolti in serata i festeggiamenti per i 20 anni di attività di Cascina Macondo. Atmosfera semplice, ma suggestiva, come al solito. Il camino acceso nel salone Gibran. Due fuochi nelle stufe del cortile all’aperto. Una fila di lumini lungo il sentiero, le piccole luminarie sui muri. Una atmosfera pre-natalizia. Il gruppo di musica folk del sud Italia CHECCIAPPIZZICA venuti a farci un regalo di pizziche e tarantelle dalla Lucania. (Raffaele Luongo (tammorra e percussioni), Catia Punella (cantante), Carmen Telesca e Alessandra Cavaletto (danzatrici), Lorenzo Vignola, Salvatore Pace, Giuliano Santangelo (musicisti organetti e chitarre). Dall’Olanda sono venuti a portarci il loro dono di musica occitana Marcella Pischedda e Hans Elzinga. Dal Belgio Luuk Humblet e Mia Stockman. Presenti tutti i fondatori di Cascina Macondo (Annamaria Verrastro, Pietro Tartamella, Marcella Pischedda, Massimo Lupotti, e Beppe Finello che abbiamo ricordato mostrando un suo video in cui suona in strada un suo brano per chitarra). È stato presentato il libro QUATTRO TAVOLI A TESTA, il progetto PAROL SCRITTURA E ARTI NELLE CARCERI, OLTRE I CONFINI, OLTRE LE MURA, e l’iniziativa di raccolta fondi ADOTTA UNA BOLLA DI SAPONE. Sono state adottate 185 bolle di sapone.


2013 – 01 NOVEMBRE – VENERDI
FIRMA PER L’ABOLIZIONE DELL’ERGASTOLO -  Proposta di iniziativa popolare

Ho ricevuto un comunicato dalla redazione di RISTRETTI ORIZZONTI che invita a firmare una petizione per l’abolizione della pena dell’ergastolo. Ho firmato.
L'impegno dell'Unione Camere Penali Italiane – dice Ristretti Orizzonti - in occasione del convegno milanese sulla detenzione e sui diritti umani, si concentra su tre argomenti specifici ed urgenti: la possibile incostituzionalità dell'ergastolo ostativo, la necessità del reato di tortura e l'abolizione del regime imposto dall'articolo 41-bis. La soluzione condivisa di tali argomenti significa maggiore sicurezza per i cittadini ed effettivo rispetto del detenuto in quanto essere umano”.
 
Carmelo Musumeci, ergastolano, promotore di una legge di iniziativa popolare per l'abolizione dell'ergastolo di cui Margherita Hack è prima firmataria, scrive: "La Redazione di Ristretti Orizzonti ha chiesto per me la declassificazione, ma non ho nessuna fiducia negli uomini dal cuore nero di Roma che mal governano gli “Assassini dei Sogni” di tutta Italia.(…) ".

È questo che chiediamo per Carmelo Musumeci – continua Ristretti Orizzonti - la declassificazione, finalmente, da un regime di Alta Sicurezza a una sezione di media sicurezza, il riconoscimento che l’uomo della pena non è più quello del reato. E noi una domanda forte e chiara la facciamo: che cosa ci fa in Alta Sicurezza un detenuto che, entrando in carcere con la quinta elementare, si è laureato in Scienze Giuridiche prima, in Giurisprudenza dopo, ha pubblicato quattro libri, da tanti anni si impegna con tutte le sue energie per l’abolizione dell’ergastolo, in particolare quello ostativo, quello che lui chiama “La Pena di Morte Viva”, facendosi in qualche modo carico del destino di tanti, e non solo del suo? Che da anni su questi temi collabora con la Comunità Papa Giovani XXIII, che insieme a noi chiede con testarda convinzione la sua declassificazione? Che cosa ci fa in Alta Sicurezza un detenuto che da un anno ormai fa parte della Redazione di Ristretti Orizzonti, e interviene attivamente nel progetto di confronto fra le Scuole e il Carcere, incontrando i ragazzi delle scuole non per dire quanto male si sta in carcere, ma per riflettere anche su di sé, sul percorso che lo ha portato a scegliere l’illegalità, sulla necessità di assumersene ora tutte le responsabilità? (…)
La nostra Costituzione stabilisce:  

Articolo 27- Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.
Articolo 50 - Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alla Camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità.
L’ergastolo è più atroce che qualsiasi altra pena perché ti ammazza lasciandoti vivo ed è una pena molto più lunga, dolorosa e disumana, della normale pena di morte. Spesso un ergastolano, un uomo ombra, pensa di essere morto pur essendo vivo, perché vive una vita senza vita. Nessun essere umano dovrebbe tenere un altro uomo chiuso in una gabbia per tutta la vita. Ad una persona puoi levare la libertà, ma non lo puoi fare per sempre, per questo l’ergastolo, “La Pena di Morte Viva”, è più atroce e inumana di tutte le altri morti.
E ci vuole tanta disumanità e cattiveria per far marcire una persona in cella per sempre, perché quando non si ha nessuna speranza è come non avere più vita. Continuare a tenere dentro una persona quando non è più necessario è un crimine contro l’umanità. Ogni persona dovrebbe avere diritto ad una speranza e per tutti ce n’è una, ma non per gli uomini ombra.
Se tu sei d’accordo che un ergastolano debba uscire perché lo merita e non perché usa la legge per uscire dal carcere e che una pena senza fine è una vera e propria tortura che umilia la giustizia, la vita e Dio…
se tu pensi che un uomo non possa essere considerato cattivo e colpevole per sempre e che una pena per essere giusta debba avere un inizio e una fine, perché una condanna che non finisce mai non potrà mai rieducare nessuno…”


tra i firmatari: - Margherita Hack - Umberto Veronesi (Milano) - Bianca Berlinguer (Giornalista, Direttore TG3) - Gino Strada (Fondatore di Emergency) - Giovanni Paolo Ramonda (Resp.Generale Comunità Papa Giovanni XXIII) - Maria Agnese Moro (Roma) - Don Luigi Ciotti (Pres. Gruppo Abele, Pres. Associazione Libera) (Torino) - Stefano Rodotà (Giurista) (Roma) - Ferdinando Imposimato (Pres. Onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione) - Giuliano Amato (Professore) - Franca Rame - Rocco Buttiglione (Deputato SCpI, Pres. naz Unione Democratici Cristiani) (Roma) - Fausto Bertinotti (Politico, già Segr. Partito Rif. Comunista, già Pres. Camera Deputati) - Massimo D' Alema (Deputato PD, già Pres. Consiglio dei Ministri) - Mario Arpaia (Pres. Memoria Condivisa Ass. Familiari Vittime) (Foggia) - Gaetano Bonomi (Procuratore gen. onorario aggiunto Corte Cassazione) (Potenza) - Vauro Senesi (Roma) - Rita Bernardini (Partito Radicale) (Roma) - Adriano Prosperi (Storico e Giornalista) (Pisa) - Mario Capanna (Politico e Scrittore) (Roma) - Andrea Camilleri (Scrittore) (Roma) - Susanna Tamaro (Scrittrice) (Roma) - Erri De Luca (Scrittore) (Roma) - Vittorino Andreoli (Psichiatra e scrittore) (Verona) - Eugenio Borgna (Psichiatra) (Novara) - Paolo Crepet (Medico, Psichiatra e Scrittore) (Roma) - Roberto Vecchioni (Cantautore, paroliere e scrittore) (Milano) - Daria Colombo (Giornalista e scrittrice) (Milano) - Ivano Fossati (Cantautore e compositore) (Genova) - PFM-Premiata Forneria Marconi (Gruppo musicale) - Francesco Baccini (Cantautore) - Barbara Alberti (Scrittrice e giornalista) (Roma) - Vittorio Sgarbi (Critico d'arte, politico, saggista) (Roma) - Alessandro Bergonzoni (Comico, scrittore, autore e attore di teatro) (Bologna) - Ascanio Celestini (Attore teatrale, regista cinematografico, scrittore e drammaturgo)- Dario Vergassola (Comico e Cantautore) (La Spezia) - Benedetta Tobagi (Scrittrice e membro del Cda Rai) (Milano) - Haidi Gaggio Giuliani (Comitato Piazza Carlo Giuliani) (Genova) - Don Andrea Gallo (Genova) - Don Antonio Mazzi (Sacerdote, Fondatore e Presidente di Exodus) (Milano) - Enzo Bianchi (Fond. e Priore Comunità monastica di Bose) (Magnano - BI) - Alessandro Sallusti (Giornalista, Direttore de - Luigi Manconi (Senatore PD) - Mauro Palma (Presid. Commissione carcere e Presid. Comitato Europea prevenz. tortura) - Marco Boato (Ex Parlamentare) (Trento) - Ivan Scalfarotto (Parlamentare e Vicepresidente del PD) (Milano) - Francesco Ferrante (già Senatore PD) (Roma) - Sergio Cofferati (Sindacalista, Europarlamentare PD) (Genova) - Marisa Nicchi (Deputata Sinistra ecologia e libertà) (Firenze) - Nerina Dirindin (Senatrice) (Torino) - Andrea Olivero (Senatore Scelta Civica) (Cuneo) - Mariapia Garavaglia (già Senatrice PD) (Roma) - Sandro Gozi (Parlamentare PD) - Luigi Compagna (Senatore PdL) (Roma) - Alessandro Di Battista (Parlamentare M5S) (Roma) - Ornella Favero (Ristretti Orizzonti) (Padova) - Patrizio Gonnella (Presidente Associazione Antigone) (Roma) - Stefano Anastasia (Università di Perugia e Assoc. Antigone) (Roma) - Paolo Corsini (Senatore PD) (Brescia) - Carlo Fiorio (Prof. Diritto Processuale Penale Univ. di Perugia) – e Pietro Tartamella (Scrittore-Insegnante) (Torino) che si è aggiunto oggi.
LINK PER FIRMARE LA PETIZIONE PER L’ABOLIZIONE DELL’ERGASTOLO:
http://www.carmelomusumeci.com

 

2013 - 01 NOVEMBRE - VENERDI - COMUNICAZIONE DI DIEDERIK DE BEIR
Diederik De Beir mi invia il comunicato che il direttore del Carcere di Dendermonde  Dott. Rudy  Van de Voorde e la Dott.sa  Annelies Jans, coordinatrice politica della Comunità fiamminga nel carcere di Dendermonde, hanno fatto pervenire al personale del carcere tramite il loro giornale interno. Il comunicato originale è in lingua fiamminga. Diederik lo ha tradotto in francese, e noi in italiano:

Nota informativa al personale del carcere su  “Good Morning Poesia”
data 29/10/2013

Il  laboratoro Good Morning Poesia del progetto europeo Parol,
attivato da Pietro Tartamella poeta italiano del progetto Parol (n.d.r.) al quale il nostro carcere partecipa, continua ancora. L'idea è che  i detenuti  che hanno frequentato il laboratorio leggano ad alta voce i testi e le poesie che hanno scelto, o scritto loro stessi, per i detenuti che fanno la passeggiata mattutina. La lettura  è eseguita nei locali della biblioteca. Si fa uso di un microfono senza fili che è in connessione con gli altoparlanti del cortile A. Per mantenere le cose senza intoppi, abbiamo concordato quanto segue:

- L'elenco dei lettori partecipanti è sempre disponibile in anticipo (almeno un giorno prima) in duplice copia presso il Centro .
- La chiave della biblioteca può essere recuperata dal facilitatore o dal conduttore del workshop presso il custode. In passato  il facilitatore era Diederik De Beir (Parol ), ora vi saranno a sostegno occasionale Ludo De Writer (dell’associazione Rosso Antracite ) e  Hedwig Aerts (Parol ).
- Il facilitatore del workshop riceve una copia della lista dei partecipanti dal Centro + telefono cellulare per eventuali necessità di comunicazione .
- Il microfono può essere recuperato presso l'ufficio della Comunità fiamminga.
- In biblioteca, dopo i lavori preparatori  e la sistemazione delle attrezzature,  i partecipanti possono iniziare a leggere ad alta voce. Il facilitatore del workshop contatterà il Centro per annunciare l’inizio di Good Morning Poesia (intorno  alle ore 10:10-10:20). Se il Centro ha necessità di chiamare un detenuto al microfono contatterà (per telefono) il facilitatore e attenderà che la poesia sia finita, così chiunque potrà essere chiamato nello spazio vuoto tra due poesie.
- Good Morning Poesia ha una durata di circa 10/15 minuti totali secondo la seguente scaletta:  breve apertura con brano musicale – lettura di 2-4 poesie – menzione dei titoli e degli autori – menzione dei nomi di coloro che hanno letto – breve chiusura con brano musicale.
- La porta della biblioteca dovrà restare aperta durante la lettura per consentire una eventuale comunicazione con il Centro .
- presso il Centro devono essere attivate le seguenti condizioni tecniche:

Potenza: accesa
Master: sul n° 8
Aprire il vassoio n° 4 ( e anche il n° 8)

- Solo quando la lettura è terminata, si potrà procedere allo spegnimento della stampante e degli interruttori.
- Alla fine della lettura:  spegnere l’ impianto, disattivare il microfono, chiudere la biblioteca e consegnare la chiave all’agente, restituire il cellulare al Centro.
- Durante Good Morning Poesia il Sig. Johan Lily può essere consultato per il supporto tecnico o per le altre questioni.

Grazie per la collaborazione!

firmato

Rudy Van de Voorde, direttore del carcere di Dendermonde 
Annelies Jans, coordinatrice politica della Comunità fiamminga nel carcere di Dendermonde



2013 – 30 OTTOBRE – MERCOLEDI
È arrivata intanto un’altra risposta negativa alla nostra richiesta di sponsorizzazione. Una lettera del gruppo GTT (Gruppo Torinese Trasporti): “…al riguardo si precisa che il Gruppo Torinese Trasporti da tempo persegue una politica di estremo rigore, concentrando la propria attenzione su sole iniziative correlate in modo diretto al servizio gestito; tenuto conto di ciò non pare dunque possibile collaborare come proposto”. Ringraziamo GTT per la cortese risposta. È passato un mese da quando abbiamo spedito le lettere agli enti e ai privati chiedendo il loro coinvolgimento e il loro sostegno al progetto Parol. Sono arrivate solo risposte negative. E ormai si assottigliano le speranze che qualcuno raccolga il nostro invito. Non ci resta che concentrarci sull’adozione di bolle di sapone in modo capillare, coinvolgendo più cittadini possibili, presentando il progetto ovunque…

 
2013 – 30 OTTOBRE – MERCOLEDI
5° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
Non ho potuto fare a meno di comunicare al gruppo il comportamento ammirevole degli allievi Fabio e Said del carcere di Torino. Li informo anche che ho chiesto alla Direzione e ai responsabili dei percorsi didattici di Saluzzo la possibilità di fare un “saggio” finale aperto al pubblico, con letture ad alta voce. I detenuti sono entusiasti e già cominciano a programmare cosa potrebbero leggere. Devo riportarli alla lezione di oggi e mitigare il loro entusiasmo: aspettiamo prima che ci sia la conferma da parte della Direzione, e poi  penseremo alla serata. Ora è bene mettersi al lavoro. C’è un bel clima. Gli allievi si cimentano negli esercizi e sempre più si lberano delle remore che frenano la loro voce. Le letture diventano sempre più espressive.


2013 – 29 OTTOBRE – MARTEDI
4° INCONTRO - Casa Circondariale “Lorusso-Cutugno” - Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Ci sono alcuni assenti oggi.  Fabio, memore delle cose che ci siamo detti la settimana scorsa,  supponendo che forse non mi sarebbero giunte la comunicazione e la motivazione della sua assenza attraverso gli agenti, mi fa pervenire un biglietto portato a mano da Said. Sul biglietto ha scritto: “Ciao Pietro,  sono due giorni che non mi sento bene, spero di riuscire ad essere in piedi, in caso contrario ci vediamo la settimana prossima. Con stima, Fabio”. Said, dopo avermi consegnato il biglietto, mi dice: “Scusami Pietro, io torno su, perché ho la febbre, non me la sento oggi di restare”. Tutti ci siamo accorti che Said aveva la febbre. E tutti ci siamo accorti che Said e Fabio avevano fatto la loro parte! Avevano mantenuto la loro parola e il loro impegno di tenermi informato quando non sarebbero potuti venire a lezione. Said si è fatto due piani di scale febbricitante per portarmi il suo personale messaggio e quello di Fabio. Tutti abbiamo apprezzato il loro gesto. Dopo aver mostrato i miei quattro libri che ho portato e che donerò alla biblioteca dove potranno prenderli in prestito per la lettura, cominciamo a esplorare con la voce altre tecniche di lettura. Le due ore sono volate.


2013 – 28 OTTOBRE – LUNEDI – DIEDERIK DE BEIR
Ricevo dal Belgio una e-mail di Diederik De Beir:
Caro Pietro,
alcune notizie da Dendermonde. Buone notizie.
Il 24 ottobre due diplomatici del Giappone hanno visitato il nostro haikuworkshop (con Haiga). Ho tenuto un breve discorso e alla fine un detenuto si è alzato a nome di tutti per ringraziare tutti noi di Parol. Quindi  ogni detenuto ha letto il suo haiku che ha poi imbucato nella casella postale haiku (Haiku Box).
I giapponesi in visita al carcere di Dendermonde hanno deciso di tradurre ciascun haiku in giapponese calligrafico. Poi a ciascun detenuto hanno letto l'haiku in giapponese. Ho registrato tutto. Un prigioniero ha scritto:

adesso sono qui
non posso fare niente
solo guardare

I diplomatici hanno proposto di invitare la stampa giapponese a Dendermonde in occasione della nostra prossima lettura di haiku ed esposizione di cartoline. Hanno anche chiesto foto e haiku scritti dai detenuti di Dendermonde da mettere nel museo Shiki di haiku a Matsuyama.
Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio Europeo, vedrà i disegni, le foto, le immagini e gli haiku prodotti nel carcere di Dendermonde "per mostrare come l’haiku aiuta il popolo belga”.
Ho trovato interessante il CD con le canzoni e la musica di Reno Barefoot e la cassetta con le tue poesie registrate e la musica di Beppe Finello, così come pure i libri di Cascina Macondo che hai inviato! Per Good Morning Poesia che hai attivato qui a Dendermonde abbiamo risolto il problema tecnico del suono soltanto venerdì scorso. Ti terrò informato di eventuali altri sviluppi. Se hai già avviato nelle carceri di Torino e Saluzzo il laboratorio Good Morning Poesia, ti prego di inviarmi i testi  al più presto in modo da fare uno scambio con Dendermonde. A presto amigo, Ciao, Diederik.


2013 – 28 OTTOBRE – LUNEDI – LUCIANA LITTIZZETTO
Questa mattina ho lavorato con il gruppo dei ragazzi disabili (gruppo di lettura Verbavox in Via delle Querce). Stiamo preparando gli haiku da leggere alla cerimonia di premiazione del concorso internazionale haiku edizione 2013, e un’altra lettura per il 5 dicembre ad Arte Plurale. Nel pomeriggio ho lavorato in due classi elementari con bambini vivacissimi. Ho parlato insomma ininterrottamente per cinque ore: è troppo anche per uno che ha la pressione normale. Nel pomeriggio ho distribuito le lettere ai commercianti di Corso Belgio (in Via Vanchiglia lo avevo fatto la settimana scorsa). Chissà, forse fra i colleghi commercianti che mi conoscono dai tempi dell’edicola, qualcuno, se pur qualcuno è rimasto, potrebbe capire il progetto Parol… Per la sera avevo programmato di andare all’Unione Industriale di Via Fanti dove sapevo che ci sarebbe stata Luciana Littizzetto a ritirare il premio Simpatia. La strada di Luciana Littizzetto si era incrociata con la mia ai tempi in cui frequentavamo insieme la scuola di doppiaggio alla Delta Film di Mario Brusa. Avrei voluto contattarla per parlarle di Parol. Luciana Littizzetto è una donna intelligente e sensibile, forse avrebbe potuto fare qualcosa per Parol. Questo era il programma. Ma alle ore 19.00 la stanchezza si era fatta infinita e, pensando che al mattino dovevo alzarmi presto per andare a lavorare con i detenuti del carcere di Torino, ho preferito rinunciare all’incontro con Luciana Littizzetto. Luciana Littizzetto, pur non sapendo che questo era il mio programma, spero non me ne voglia se ho deciso di rimandare ad una prossima occasione il nostro incontro.


2013 – 27 OTTOBRE – DOMENICA
Gli allievi dell’ultimo corso di dizione e lettura ad alta voce sono impegnati nel loro saggio finale alla presenza di un pubblico di amici e parenti venuti a Cascina Macondo. Dopo le loro ottime performance illustro il progetto Parol e l’iniziativa “Adotta una bolla di sapone” facendo seguito a quell’impegno di mobilitazione generale e costante che è emerso come necessario nei giorni scorsi. Sono state adottate 95 bolle di sapone. La voce del progetto Parol e delle bolle di sapone continua a espandersi pian piano…


2013 – 26 OTTOBRE – SABATO - PRESENTAZIONE DEL LIBRO:
“PRIGIONI-AMMINISTRARE LA SOFFERENZA” di PIETRO BUFFA

Nella sala Consiliare del Comune di Buttigliera d'ASTI, alle ore 21 presentazione del libro “Prigioni-amministrare la sofferenza” di Pietro Buffa, edizioni Gruppo Abele. Pietro Buffa era direttore del carcere Lorusso-Cutugno quando il Progetto Parol era in fase di preparazione, ed è stato lui ad accettare di portare Parol nel carcere di Torino. Attualmente è provveditore regionale dell’Amministrazione Penitenziaria in Emilia Romagna. Alla presenza di un folto pubblico ha presentato il suo nuovo libro, raccontando le sue esperienze come direttore di diverse carceri. Il libro analizza i problemi, le contraddizioni, le rigidità del sistema carcere italiano intravedendo alla fine un percorso di possibili aperture non solo sulla organizzazione del carcere, ma anche su un altro sistema della punizione. Informo il dott Buffa e il pubblico presente dell’andamento del progetto Parol.


2013 – 25 OTTOBRE – VENERDI – CONFERENZA STAMPA PAROL
Si è svolta venerdì 25 ottobre a Cascina Macondo la conferenza stampa per illustrare il progetto Parol e l’iniziativa “Adotta una bolla di sapone”. Ho sempre pensato che in una società democratica e attenta a tutte le forze positive che in essa si muovono, la “conferenza stampa” fosse uno strumento a disposizione di ogni cittadino, associazione, ente o gruppo che avesse qualcosa di importante da dire e da comunicare. Allora si ricorre alla conferenza stampa per radunare i responsabili delle testate giornalistiche e riferire loro i contenuti da divulgare. Beh, bisogna dire che mi sbagliavo di grosso: alla nostra conferenza stampa indetta per illustrare l’innovativo progetto europeo Parol che coinvolge cinque paesi (Belgio, Italia, Polonia, Grecia, Serbia), quattordici carceri e circa duecento detenuti coinvolti in percorsi di formazione, non era presente nemmeno l’ombra di un giornalista! E a tutt’oggi, pur avendo già inviato ai quotidiani e ai massmedia diversi comunicati stampa, pur essendo il progetto elogiato persino da Herman Van Rompuy presidente del Consiglio Europeo, non è apparsa nessuna riga, nemmeno l’ombra di una riga, su questo progetto europeo!
Non una riga, dico una riga, su La Stampa, su Repubblica, su L’Unità, sul Manifesto… Certo, se avessimo telefonato ad amici giornalisti qualcuno sarebbe venuto. Ma è la dimostrazione che gli spazi di visibilità vengono offerti a titolo di “favore personale”. L’ente responsabile della comunicazione non ha ritenuto opportuno inviare nessun reporter, nessun giornalista alla nostra conferenza stampa, valutando, suppongo, il progetto Parol una sciocchezza e quindi di nessun interesse pubblico. Questo la dice lunga sull’informazione nel nostro paese. Le quattordici persone presenti alla conferenza: insegnanti, professionisti, attori, educatori hanno preso atto del silenzio. Certo, la conferenza è stata stimolante comunque e ci ha rinforzato nell’opinione di attivare una massiccia campagna pubblicitaria, di quelle vecchio stampo, porta a porta, per passaparola, mobilitandoci come formiche, a costo anche di salire di nuovo su un albero in Piazza Castello come avevo fatto molti anni fa.
Continueremo a mobilitarci, finché il progetto Parol non sarà conosciuto e le adozioni delle bolle di sapone non avranno raggiunto il loro traguardo. Chiediamo a voi cittadini di essere con noi.  (Pietro Tartamella).


2013 – 23 OTTOBRE – MERCOLEDI – NEWSLETTER PAROL
Dalla prima newsletter ufficiale di Parol:
Dear partner, sympathizer, You are reading the first PAROL! newsletter. Welcome on board of the European culture cooperation project,  a collaboration between Creatief Schrijven vzw, ApsArt, Cascina Macondo, Fundacja Slawek and Amaka. We are active in fourteen prisons in Belgium (4), Italy (2), Serbia (3), Poland (4) and Greece (1).  As PAROL! partners it is our intention to inform you on a very regular basis during the two-year life span of the project,  running from May 2013 to April 2015. For further reading and visual impressions of the artistic work we will bring you to the PAROL! website www.parol-art.eu. In this first issue we are happy to inform you about the artistic summer sessions which took place in Belgium, in Tilburg/The Netherlands and Poland shortly after the European PAROL! kick-off meeting in May 2013. You will also find some business news.

IN BELGIUM
Inside / Outside - Word artist Lotte Dodion (B) and visual artist Peter Verbruggen (B) started a unique and intense collaboration with some prisoners, victims and citizens. Within Without Walls helped in facilitating the dialogue between the three public groups. Together they created two paintings to be placed inside and outside the prison walls.The colours used in the corporate identity are derived from colour samples which came about thanks to Peter's interaction with the inmates.
In collaboration with Rijksgevangenis Dendermonde x www x Suggnomè x Welzijn en Samenleving CAW Dendermonde.

Moving Dialogues | Strafinrichting OudenaardeFilmmakers Lien Nollet (B) and Fabien Delathauwer (B) started working on a filmproject whereby prisoners were asked to film there own reality inside the prison and tell Lien and Fabien what their favoured place was they like to be filmed outside the prison. This leads to a beautifull double portret connecting desire with hope, memory with places, fantasy with reality.

Haiku x Raku | Strafinrichting Wortel, section Tilburg x guest Cascina Macondo, Haiku writer Meriem Fresson (FR) and ceramic maker Anna Verrastro (IT) combined word and image, combining haiku poetry with Raku ceramics. Words and text were transposed to abstract and figurative images on the pottery. Anna and Pietro came all the way from Italy with there van, to bring the raku-oven with them.

Good Morning Poetry | Rijksgevangenis Dendermonde x Cascina Macondo - Pietro Tartamella (IT) learned the inmates to reading aloud convincing poetry. These were read aloud by the inmates during the morning walk. On the initiative of the participants, inmates continue this writing and reading on a regular base.

Slam Poetry - Seckou Ouologuem (B) from Urban Woorden, initiated Slam poetry. This form of performative poetry combines urban rap-style with intimate and personal text. A short documentary was made by filmmaker Christopher Baley (B, US), soon to be watched on www.parol-art.eu.
In collaboration with Penitentiair Schoolcentrum Hoogstraten x Urban Woorden.


IN POLAND
Lieven Nollet (B) and MarieAnge (B) crossed borders to visit four prisons in Poland, invited by FundacjaSlawek. This visit was in the context of Lievens activity 'Photographic Poem'. MarieAnge had some graphic interactions with male and female inmates, in preparation of her workshop activity in Tilburg in October 2013. Also Diederik (B) and Krystof (P) met there to exchange ideas and explore the Polish context.


IN GREECE
Daphnie Kalafati: "From our side... I am happy to announce you that we have started the parol program in Thiva women's prison. The group is very enthusiastic and we have now high expectations of the whole outcome."

IN ITALY
Cascina Macondo is organizing a press conference to present the EU culture programme Parol! on Friday 25th October. Pietro Tartamella and Annamaria Verrastro will share their workshop experience in Dendermonde and Tilburg. The soap bubbles will be highlighted as fundraising initiative: "Even behind bars you can blow soap bubbles" - Hirahata Saite

IN SERBIA
ApsArt has chosen for the graphic novel as artistic medium. A PAROL! project application has been presented to the Ministry of Culture in Serbia. Crossing fingers for a postive response.


2013 – 23 OTTOBRE – MERCOLEDI
4° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
Tre detenuti, assenti la settimana scorsa, si lamentano che le guardie non li hanno chiamati la volta scorsa. Qualcuno dice che addirittura una guardia ha detto che non c’era il laboratorio! Il gruppo sta frequentando con molto entusiasmo e interesse il laboratorio di lettura ad alta voce e sono rammaricati di aver perso una lezione. Parlo con le guardie sperando di attivare una buona relazione e di risolvere questo piccolo problema. Dovrò parlare anche con i responsabili delle attività culturali in carcere. E’ assente solo Paolo impegnato in un trasloco di cella. Hanno cominciato a leggere i libri che ho lasciato in biblioteca. Massimiliano sta leggendo il viaggio a Parigi dei ragazzi disabili “Quattro tavoli a testa”. Dice che gli piace molto e che ha sorriso tantissimo e che gli è sembrato di vedermi mentre parlo con Davide seduti sul pullman uno vicino all’altro. Matteo sta leggendo i racconti di “Una rondine sul filo” e dice che non si è annoiato e che gli è piaciuto molto il racconto di Ustica di Antonella Filippi. Ahmad sta leggendo gli aforismi di “Quisquiglie di perla” e li trova interessanti e trova utilissima l’accentazione ortoèpica lineare. Gli altri non vedono l’ora che i compagni finiscano di leggere per prendere loro i libri. Cominciamo gli esercizi di lettura al leggio. Sono tutti bravissimi e stanno scoprendo le possibilità della loro voce e la bellezza delle loro intonazioni. Credo che fra quattro lezioni  potranno già affrontare il pubblico in una sorta di saggio finale, e fare un gran figurone!


2013 – 22 OTTOBRE – MARTEDI SERA
L’amico Ernesto Vidotto, responsabile dell’associazione Cultura e Società, ha organizzato una serata a Torino. Alcuni poeti si incontrano per confrontarsi sul libro “Il Piccolo Principe” di Antoine De Saint-Exupéry, conduce Caterina Oddenino. Chiedo a Vidotto se posso andare come ospite speciale alla sua serata per presentare l’iniziativa “Adotta una bolla di sapone” e il progetto europeo “Parol”. Vidotto mi ospita con piacere. Partecipo alla serata che si è rivelata molto interessante con i molti interventi tra cui quelli di Giuseppe Novajra, Sergio Donna, e della conduttrice. Il mio intervento è qualcosa che “ci sta”. Sono state adottate 51 bolle di sapone. Mi sembra di capire che questa è una possibilità di far conoscere Parol. Gli amici dunque che organizzano serate di lettura, spettacoli, concerti, conferenze, potrebbero invitarci come ospiti speciali a presentare il progetto Parol. Chiamateci dunque. E' un modo di dare una mano alle adozioni delle bolle di sapone.

2013 – 22 OTTOBRE - MARTEDI
3° INCONTRO carcere di Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Presenti 8 detenuti, assenti 4. Parlo con i detenuti sulla possibilità di cambiare un’abitudine che sembra consolidata nel carcere, anche in quello di Saluzzo, e a Tilburg in Olanda, e a Dendermonde in Belgio. Quando qualcuno non viene a lezione nessuno si preoccupa di comunicare il perché dell’assenza. E un’abitudine che mina sottilmente la relazione. I detenuti sono d’accordo, e si impegnano a comunicare alle guardie il motivo della loro assenza, affinché mi venga verbalmente recapitato. Iniziamo gli esercizi di lettura al leggio. Sono tutti ben disposti a mettersi in gioco. Qualcuno ha maggiori resistenze, ma siamo appena all’inizio del percorso. Anche loro sono affascinati dalla lingua italiana, ed ecco che parliamo di accenti, di sillabe tòniche, di parole tronche, piane, sdrucciole. Prometto che porterò alcuni miei libri scritti con accentazione ortoèpica lineare.


2013 - 18 OTTORE - VENERDI
Mi telefona il sig. Piero Figus responsabile della ditta Linea Azzurra di Moncalieri (azienda che noleggia pullman). Ci conosce da molti anni. Spesso le scolaresche che vengono in gita didattica a Cascina Macondo prenotano il pullman della Linea Azzurra. Ci conosce anche perché con i suoi pullman abbiamo portato i ragazzi disabili della compagnia di danzateatro Viaggi Fuori dai Paraggi, a Parigi, a Verona, a Gent. Ha perorato la nostra causa presso il Lions Club di Moncalieri che vuole dare un sostegno economico a Cascina Macondo. Sa dell'iniziativa delle bolle di sapone. Non solo: mi invita a una cena, e avrò mezz'ora di tempo per illustrare ai soci del Lions Club i progetti e il lavoro di Cascina Macondo! E' una bella notizia che tira su il morale. Ma il mercoledì sera, data dell'incontro, sono impegnato al Circolo dei Lettori di Torino dove è già iniziato il mio laboratorio di lettura ad alta voce. Devo spostare la data al Circolo; l'appuntamento con il Lions Club è troppo importante. Fabiana Degrassi del Circolo dei lettori accoglie la mia richiesta di spostamento della data. Meno male! Grazie Fabiana.

 

2013 - 18 OTTOBRE - VENERDI
Abbiamo iniziato a lavorare nelle scuole, abbiamo iniziato i percorsi con i ragazzi disabili, iniziato i laboratori nel carcere di Saluzzo e di Torino. Non resta molto tempo libero per gli appuntamenti con le istituzioni e le ditte che avranno la cortesia di incontrarci. Mi sono tenuto libero il venerdì facendo salti mortali per questa evenienza. Ci ha telefonato qualche giorno fa la segretaria della Camera di Commercio della città di Torino per un incontro con il dott. Guido Bollato. E' una buona notizia. Ci rechiamo questa mattina io e Nagi all'appuntamento. Anche il dott. Bollato è gentile. Illustriamo il progetto Parol. Naturalmente tutti intuiscono che il progetto è interessante e che la sua valenza europea porta qualcosa di nuovo. Ma anche la Camera di Commercio di Torino non può sostenerci, perché il progetto esula un poco dalla loro Mission, e poi perché hanno già una iniziativa di Borse Lavoro per i detenuti. Il dott. Bollato ci consiglia di rivolgerci alle Fondazioni. Non resta che tornare a Macondo a mani vuote.


2013 - 17 OTTOBRE - GIOVEDI
Le lettere che abbiamo spedito a fine settembre sono quasi tutte arrivate a destinazione. Le ricevute di ritorno infatti ci sono state quasi tutte recapitate. Qualche risposta comincia ad arrivare.Tutti apprezzano il progetto Parol, e ci fanno molti auguri di un buon successo. Ma le risposte sono negative: o non ci sono risorse, o hanno chiuso la propria programmazione. Rispondono con rammarico di non poterci sostenere la signora Mariaflora Monini dell'azienda Olio Monini, il sig. Marco Raimondi della direzione centrale delle Ferrovie dello Stato, il sig. Fabio Mozzone della Birra Baladin, Luciana Sanna delle Poste Italiane. Grazie per aver risposto sollecitamente. Man man mano che giungono le risposte negative, un po' di scoramento, di comprensibile scoramento e tristezza, s'insinua nelle nostre cellule. La tristezza si fa più grande al pensiero che sino ad oggi, pur avendo già inviato diversi comunicati stampa, nessuna riga sul progetto Parol, dico "nessuna riga" è ancora uscita sui quotidiani, tranne il Corriere di Chieri, e alcuni siti web e blog. Sui quotidiani nessuna riga. Come se Parol non interessasse, come se non fosse una notizia, come se non valesse nulla! Non dobbiamo arrenderci però. E dobbiamo intensificare la raccolta popolare con l'iniziativa "Adotta una bolla di sapone". Certo, contatteremo anche le Fondazioni. Le lettere inviate erano 72, molti ancora non hanno risposto. Forse c'è qualche speranza ancora...

 
2013 -  16 OTTOBRE – MERCOLEDI
3° INCONTRO
carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
Il gruppo è sempre interessato e curioso. Leggono libri, fanno domande sugli indiani d’America e osservazioni molto pertinenti. Sono molto interessati alla lingua italiana. Così facciamo una piccola deviazione al programma, parlando di sillabe toniche, di accenti gravi e acuti, di parole tronche, piane, sdrucciole. Ho portato alcuni miei libri: Quattro tavoli a testa, Quisquiglie di perla, I Poeti de La Tenda, La rondine sul filo. E’ un piccolo dono con una dedica che hanno apprezzato. I libri sono un omaggio alla biblioteca. Se vorranno leggerli potranno richiederli al bibliotecario. Oggi ci sono tre assenti: Jacko 63, Riccardo, Preng. Non so perché sono assenti. Sembra che sia una prassi normale il silenzio. L’ho riscontrato anche nel carcere di Torino, nel carcere di Tilburg in Olanda, e nel carcere di Dendermonde in Belgio: se qualcuno non viene a lezione, nessuno ti dice nulla. Abbiamo aspettato dieci minuti credendo di vedere comparire Jacko 63, Riccardo e Preng, ma alla fine non sono venuti. Credo che parlerò ai detenuti, alle guardie, alla direzione chiedendo, se possibile, di fare un piccolo cambiamento: quando le guardie avvisano i detenuti che è ora di cominciare lezione, è possibile che per qualche motivo uno non possa frequentare quel giorno. Che riferisca dunque il motivo, e che la guardia mi comunichi chi, e perché, non può venire: ammalato? Ok. Visita parenti? Ok. In punizione? Ok. In questo modo sono informato e i detenuti sono giustificati. I detenuti credo che quando non vengono a lezione sentono il piccolo imbarazzo per non avermi informato. E’ una piccola cosa questo cambiamento, ma consente di avere una “relazione” più chiara e dignitosa, per me, per i detenuti, per le guardie, e per il lavoro che si svolge nei laboratori.

 

2013 -  15 OTTOBRE – MARTEDI
2° INCONTRO carcere di Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Anche questa volta abbiamo iniziato a lavorare un po’ in ritardo. Il tempo dell’ingresso, dei controlli, il tempo che i detenuti arrivino in aula, è sempre un tempo “indeterminato”. Questa volta mi è sembrato che tutte le cassette metalliche avessero un lucchetto: non c’è stato bisogno di utilizzare il mio lucchetto personale che, su suggerimento di Claudia, mi ero procurato. Facciamo lezione in un’aula più grande. Le guardie gentilmente spostano qui la lavagna. I detenuti firmano la liberatoria per l’utilizzo del nome, ed ecco con piacere li presento: Franklin - Giuseppe B. – Piero C. – Giuseppe C. – Fabio – Said – Francesco G. – Francesco P. – Roberto. Nove presenti. Gli iscritti sono tredici. Assenti quattro. La settimana scorsa non c’era Fabio. E’ un ragazzo giovane. Suona la chitarra. Mi rivela che conosceva Beppe Finello, il maestro chitarrista, artista di strada, uno dei fondatori di Cascina Macondo, amico carissimo che ci ha lasciato per sempre alcuni anni fa a causa di un male incurabile. Fabio si era innamorato della musica e del modo che Beppe aveva di suonare la chitarra. Si era messo alla ricerca dei suoi CD aiutato dall'educatrice Emerenziana, e da Elisabetta, attrice dell’equipe di Claudio Montagna che si occupa di Teatro Sociale nel carcere Lorusso-Cutugno. Elisabetta era infine approdata a Cascina Macondo e aveva trovato i CD di Beppe! Fabio non si stanca di ringraziare con tutto il cuore Emerenziana e Elisabetta per la loro disponibilità, e per averlo ascoltato sinceramente, esaudendo così il suo desiderio. Com’è piccolo il mondo! Confesso che siamo entrambi emozionati a ricordare Beppe Finello. Bene, Fabio, alleniamoci a leggere a voce alta, e poi la tua chitarra tornerà utile in questo laboratorio. Il gruppo è ancora instabile. Un ragazzo del Marocco, giovanissimo, probabilmente ha deciso di rinunciare. Peccato. Peccato, proprio perché è giovane. Cercherò, se possibile, di parlargli.


2013 - 13 OTTOBRE - DOMENICA
A Cascina Macondo festa di apertura delle "Domeniche in Cascina" progetto di integrazione "normalità & disabilità". Sono stati presentati i laboratori "Viaggi Fuori dai Paraggi" (danzateatro), "Danzinfavola" (danze popolari e affabulazione), "Manipolando" (laboratorio di lavorazione dell'argilla), e il nuovo percorso "Come piegare i bambù e coltivare l'insalata". E' stato presentato il libro "Quattro tavoli a testa" (resoconto del viaggio a Parigi della compagnia inegrata di danzateatro Viaggi Fuori dai Paraggi. E' stato presentato il video girato nel carcere di Tilburg (Olanda) nell'ambito del progetto "PAROL-Scrittura e Arti nelle carceri, oltre i confini, oltre le mura". E' stata presentata l'iniziativa di raccolta fondi "Adotta una bolla di sapone". Sono state adottate nell'occasione 290 bolle di sapone a sostegno del progetto Parol. 


2013 - 11 OTTOBRE - VENERDI
La signora Caterina Macrì, referente delle Associazioni di Promozione Sociale della provincia di Cuneo (che ha ricevuto la nostra raccomandata) ci invita ad un colloquio. Parto al mattino presto per incontrarla. E' molto gentile e accogliente. E' dispiaciuta del fatto che non sia presente il responsabile dirigente dott. Pier Luigi De Stefanis. La conclusione è che non ci sono risorse per appoggiare il progetto Parol. Ci consiglia di rivolgerci alla provincia di Torino, ci consiglia di chiedere il patrocinio della provincia di Cuneo che non dovremmo avere difficoltà a ottenere. La informo che abbiamo programmato una conferenza stampa e che le manderò l'invito. La signora Macrì dice che, salvo restando che il dirigente sia d'accordo, girerà l'invito a tutti i comuni della provincia di Cuneo. Ringrazio per il possibile intervento, se non altro è un piccolo appoggio per la visibilità del progetto. Non resta che tornare a Macondo.

 

2013 - 09 OTTOBRE - MERCOLEDI
2° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
Ci sono tutti. Manca solo Sebastiano che è stato trasferito e non potrà frequentare il laboratorio. Il gruppo si attesta sul numero 12. Ancora un po' di tempo dedicato alle incombenze amministrative. I detenuti firmano la liberatoria per l'utilizzo del loro nome. Solo uno sceglie di utilizzare un nickname: Jacko 63. Per "Amedeo l'Arabo" (soprannome) è indifferente usare il nickname o il nome proprio (Ahmad). E dunque eccoli pronti a cimentarsi nella lettura ad alta voce già con un gran piacere di mettersi alla prova. Massimiliano ha già fatto teatro quando era nel carcere di Volterra, ed è molto bravo. Anche gli altri hanno ottime possibilità che già emergono: Antonio Bruno - Paolo - Riccardo - Preng - Antonio - Francesco P. - Matteo - Salvatore detto Totò - Francesco M.


2013 - 08 OTTOBRE - MARTEDI
1° INCONTRO carcere di Torino.
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)
- docente Pietro Tartamella -
Inizia il laboratorio di lettura ad alta voce nel carcere Lorusso-Cutugno di Torino, con tre quarti d'ora di ritardo, perché all'ingresso la guardia non trova il mio nome nell'elenco degli ammessi ad entrare, e perché non ci sono sufficienti lucchetti da dare ai visitatori per chiudere nelle cassette metalliche i borselli e i cellulari  E' un periodo di spettacoli e iniziative in carcere e il personale ha un gra da fare. Finalmente rintraccio l'educatrice Claudia Rucco, referente del percorso Parol, che prende in cura il mio borsello per portarlo nel suo ufficio, e alla fine tutto si risolve. Tredici sono gli iscritti, ma a questo primo incontro ci sono tre assenti, giustificati. Il gruppo è molto eterogeneo, come età e come etnie. Illustro il progetto Parol, le opportunità che offre, il gran lavoro che andremo a fare. Ascoltano con attenzione. Alcuni sono particolarmente motivati. Vedremo quanti resteranno in questa avventura.


2013 - 02 OTTOBRE - MERCOLEDI
1° INCONTRO carcere "Rodolfo Morandi" - Saluzzo
(LABORATORIO DI LETTURA AD ALTA VOCE)

- docente Pietro Tartamella -
Inizia il laboratorio di lettura ad alta voce nel carcere "Rodolfo Morandi" di Saluzzo. Tredici iscritti al momento. Un detenuto, non presente a questo primo incontro, forse è in via di trasferimento. E' un gruppo molto variegato, ma attento e motivato. Faremo senz'altro un buon lavoro. L'aula è piccola e c'è una acustica che non è delle migliori, non è facile trovare spazi idonei in carcere. Davide Sannazzaro, responsabile delle attività culturali, è accogliente e disponibile come al solito. Conosco l'educatrice Giovanna Barale, altrettanto attenta e disponibile. Illustro il progetto Parol ai detenuti che sono curiosi e interessati e fanno molte domande. Poi al leggio a fare le prime prove di lettura ad alta voce. Fuori la nebbia e il tempo grigio di questo inizio autunno. Nell'aula un buon calore e un buon clima.

2013 - 30 SETTEMBRE - LUNEDI
PROGETTO PAROL IN ITALIA
- Pietro Tartamella -
Abbiamo spedito 72 lettere (32 raccomandate con ricevuta di ritorno, e 40 lettere normali) a ditte, enti, fondazioni, assessorati, chiedendo un appuntamento per illustrare il progetto Parol e valutare la possibilità di un loro coinvolgimento economico, o una sponsorizzazione, o una donazione, o altro supporto utile alla diffusione e alla realizzazione del progetto. Ci sentiamo un po' tristi, perché abbiamo visto come in Belgio tutto è più facile, veloce, puntuale.


2013 - 29 AGOSTO - SABATO
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA

- docente Anna Maria Verrastro - 
Ritorniamo a Wortel il 28 sera e prepariamo il forno per la mattina seguente: è prevista pioggia! Pietro in mattinata va a Tilburg a prendere i manufatti cotti nel frattempo, io inizio le cotture con quelli già pronti. Per fortuna smette  di piovere e posso continuare senza intoppi. Lavoro di fretta; alle 16,00 abbiamo appuntamento con i detenuti. Pietro mi aiuta assemblando i manufatti in terracotta, non c’è tempo per farlo con i detenuti. Li inceriamo e partiamo ingombri di fumo e con lo stomaco vuoto. Solita trafila con entrata del camper in prigione per scaricare i pezzi. I detenuti sono già là, molto agitati. Guardano gli ultimi lavori, ma soprattutto sono ansiosi di vedere il lavoro collettivo completato: mancava l’ultimo pezzo e la mattonella con l’haiku. Ognuno si porterà in cella un piccolo manufatto raku come ricordo (li abbiamo assemblati tutti e 40 in mattinata!) e di buon grado confermano la disponibilità a lasciare tutte le altre opere a disposizione della direttrice che li esporrà nel carcere con una buona visibilità per i detenuti e i visitatori in attesa della esposizione finale del progetto Parol. Facciamo le ultime foto e le ultime chiacchiere: “non potrò mai dimenticare fin che vivo tutto questo” dice Cham. Anch’io. Wendy distribuisce le copie delle foto ad ogni persona, e per ciascuno ha preparato una copia del documentario prodotto da Ron Van de Weetering . Davvero un bel regalo, meritato per l’impegno e l’entusiasmo che tutti hanno messo in questo percorso. Salutiamo anche Delola che è ritornato. La promessa di scriverci, un lungo abbraccio e già sono lontani.
Prima di lasciarsi, in fondo alle scale si salutano tra di loro con un ulteriore abbraccio. Rimango sola sulle scale di Crea fino a che la porta si chiude. Cerco di nascondere  la mia commozione, ma proprio non ci riesco. Parol  è anche questo.

 

2013 - 28 AGOSTO - VENERDI
Carcere di Dendermonde - Belgio
GOOD MORNING POESIA

- docente Pietro Tartamella -
Ultimo incontro. Sono rimasti in sette a continuare la sfida, come i sette samurai: Danny, Danny Piede Scalzo, Dalil, Wim, Mo, Anonimo, Benjamin. Preparano i testi che alle 10.30 leggeranno al microfono. Alcuni hanno portato le loro poesie. C'è grande emozione. Diederik De Beir sempre presente, anche Annelies Jans. Finalmente è ora di recarsi in biblioteca. Annelies ha affittato un impianto stereo. Benjamin legge Good Morning Poesia in francese, tradotta da Meryem Fresson. Dalil legge una sua poesia in fiammingo. Danny Piede Scalzo presenta i titoli e gli autori in fiammingo, come se fosse alla radio "avete ascoltato...". In pochi minuti è tutto finito, Ma sono stati minuti di batticuore e di grande emozione. Tutti dalle finestre avevano lo sguardo sul cortile nel tentativo di capire le reazioni degli altri detenuti che passeggiavano o giocavano a football. Il dado è tratto. Dalla prossima settimana saranno soli. Li saluto con stima sperando che riusciranno a portare avanti da soli il progetto. A mezzogiorno pranziamo in campeggio Annelies Jans, Diederik De Beir, Anna ed io. Alle 15 appuntamento con Carine De Wilde e Karel Verhoeven del progetto Parol, con Anna, io, e Diederik De Beir. Riunione che durerà sino alle ore 20. Partiamo la sera per Tilburg, per finire per bene l'indomani il laboratorio di ceramica di Anna.


2013 - 27 AGOSTO - GIOVEDI
Carcere di Dendermonde - Belgio
GOOD MORNING POESIA
- docente Pietro Tartamella -
Secondo incontro di Good Morning Poesia. Il gruppo si è ridotto a sette (altri tre iscritti si sono ritirati). Dicono che dalla locandina appesa nel carcere avevano capito che si trattasse di un laboratorio per imparare a "scrivere poesie", non a leggerle a voce alta. Mi rendo conto che leggere a voce alta è particolarmente difficile per i detenuti. I sette allievi rimasti sembrano motivati e cominciano a provare piacere a mettersi in gioco. Il progetto Good Morning Poesia è particolarmente difficile da realizzare. Non importa essere un gruppo numeroso, ma un gruppo motivato e deciso. I sette allievi sembra vogliano accettare la sfida. Si tratterà poi di continuare da soli, ogni settimana a leggere testi al microfono mentre tutti gli altri detenuti passeggiano nel cortile. Il luogo deputato all'installazione del microfono e delle casse acustiche è la biblioteca. I detenuti si esercitano in altre tecniche di lettura.


2013 - 26 AGOSTO - MERCOLEDI
VIAGGIO VERSO DENDERMONDE
- Pietro Tartamella - 
Nel pomeriggio del giorno precedente lasciamo Wortel e il carcere di Tilburg. Ci spostiamo in camper a Dendermonde dove ci sistemiamo in un campeggio di Zele (Camping  Groenveld, Gentsesteenweg 337) a una decina di chilometri. Alle ore 8.30 inizia il laboratorio "Good Morning Poesia" a Dendermonde. Presenti dieci detenuti (tre si sono ritirati). Tartamella fa sperimentare alcune tecniche di lettura. Il gruppo si impegna e si mette in gioco. Le lingue usate sono il francese e il fiammingo. Fa da supporto come traduttore Diederk De Beir l'ideatore del progetto Parol.


2013 - 25 AGOSTO - MARTEDI
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA

- docente Anna Maria Verrastro - 
Chiusura ufficiale del percorso: revisioni, considerazioni; non ancora saluti, perché ci rivedremo anche solo per poco il 29. Chiedo la disponibilità a reincontrare  i detenuti perché possano vedere il lavoro collettivo completamente finito così come i lavori in terra rossa che finalmente asciutti stanno cuocendo. Il giorno 29, mentre io inizierò la cottura raku, Pietro andrà a Tilburg a ritirare i manufatti cotti e poi insieme, nel pomeriggio, ritorneremo in carcere  per la conclusione definitiva del progetto. Matador  ci saluta oggi, il 28 torna  a casa.  Gypsy sarà trasferito per qualche tempo a Dendermonde, dunque anche lui il 29 non ci sarà.  Delola assente da due giorni per decisione del personale lo saluteremo in cella. L’amministrazione ha preparato caffè in abbondanza e una buona fetta di torta: avevo  chiesto di festeggiare la fine del percorso, come facciamo sempre nel nostro lavoro: un modo per stare ancora un po’ insieme e condividere momenti di benessere. Wendy mi ha detto di non portare nulla, avrebbero provveduto loro.


2013 - 24 AGOSTO - LUNEDI
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro - 
Pietro è tornato da Dendermonde. Ci alziamo all’alba, dobbiamo assolutamente finire le cotture. E trovare il tempo per la faticosissima operazione di pulitura dei pezzi con detersivo e paglietta di ferro. E l’asciugatura dopo la immersione nell’acqua. Operazioni delicatissime, perché lo choc termico ha reso i manufatti fragilissimi e porosi. Arriviamo a Tilburg  stanchissimi, con il carico dei manufatti e una puzza di fumo che tarderà  a disperdersi. Tutto è andato bene, o quasi. Due lastre del lavoro collettivo si sono rotte, ma per fortuna in modo così netto che solo un esperto potrà notarlo: i naturali craclè del raku confonderanno le rotture. Il risultato è davvero bello. Non perfetto, ma emozionante. Ma il raku non è mai perfetto. E’ affascinante, imprevedibile, variabile, unico e irripetibile: emozionante appunto.


2013 - 23 AGOSTO - DOMENICA
Carcere di Dendermonde - Belgio

GOOD MORNING POESIA
- docente Pietro Tartamella -
Pietro Tartamella incontra alle ore 8.00 Annelies Jans rappresentante del governo fiammingo nel carcere di Dendermonde (Belgio), per visitare il carcere. Alle ore 9.00 appuntamento con lo staff del carcere a cui viene illustrato il progetto Parol e il laboratorio "Good Morning Poesia". Presenti un rappresentante della biblioteca del carcere, alcuni assistenti sociali, un prete laico. Alle ore 10.00 appuntamento con il gruppo di detenuti che hanno espresso la volontà di frequentare il laboratorio. Su tredici iscritti, dieci presenti (tre giustificati). Tartamella illustra il tipo il laboratorio "Good Morning Poesia", le difficoltà a realizzarlo. I detenuti sembrano interessati alla sfida. Lunedì 26 agosto il primo incontro.


2013 - 23 AGOSTO - DOMENICA
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
 
Cottura raku nel giardino della casa di Wendy, direttrici del carcere. Inizio  di buon mattino, sarà una lunga giornata di lavoro. Pietro è ancora via e questo mi preoccupa un po’: per questo tipo di cottura è indispensabile  essere in due. Preparo il forno, gli attrezzi, i colori per eventuali ritocchi, le spugne, l’acqua, guanti, mascherine e protezioni contro il forte calore. Una leggera pioggerellina mi rende nervosa: per fortuna c’è una tenda che copre in parte il forno. E’ una cottura difficoltosa, da farsi in luoghi isolati, con molte precauzioni. Preparo anche l’estintore. Intanto i pezzi sono sui caloriferi del salone a scaldare. I termosifoni in questi giorni sono stati sempre accesi in questa stanza per asciugare via via i manufatti. In Italia non è necessario, le temperature più calde accelerano naturalmente l’asciugatura. Ho sbagliato un po’ la valutazione  delle temperature del luogo!


2013 - 22 AGOSTO - SABATO
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -

Coloriamo il grande pannello e i pannelli individuali che andranno in cottura raku: un po’ di confusione, difficoltà a capire la tecnica, qualche indecisione. Delusi per l’assenza di Pietro che è a Dendermonde per progettare là  il suo intervento di lettura. Chiedono se è possibile anche per loro fare un percorso di lettura: l’esperienza del giorno precedente li ha entusiasmati. Spiego i componenti minerali dei colori raku, il loro cambiamento in cottura, le iridescenze degli interventi di riduzione: gli elementi della natura che interagiscono indipendentemente dall’intervento del tecnico ceramista e danno al raku questi particolari, imprevedibili colori.

 

2013 - 21 AGOSTO - VENERDI
Carcere di Tilburg - Olanda

LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
 
Mettiamo i ganci a tutti i pannelli di legno: inizia un divertente lavoro a catena. Ognuno si organizza a modo suo. Per qualcuno è chiaro la poca dimestichezza con il lavoro. Per la prima volta mi trovo a pensare  alle loro storie personali, ma non faccio domande e mi godo la bellezza e l’intensità dell’ esperienza con queste persone, così, semplicemente. Componiamo un haiku che abbia la capacità di “raccontare” il nostro pannello collettivo: Pietro lavora sulla  ricerca si suggestioni e immagini. C’è un gran fermento: ricorrono pensieri al paese, alla casa, alla natura, alle sbarre e al tempo che passa. Quello fuori e quello dentro. Nascono belle immagini e interessanti discussioni. Le varie culture si confrontano e  trovano un denominatore comune: alla fine l’haiku arriva. E’ un momento di gioia e condivisione.

cade nel vuoto
l’addio di una foglia -
mare lontano

 
2013 - 20 AGOSTO - GIOVEDI
Carcere di Tilburg - Olanda

LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
Verniciamo i pannelli di legno che faranno da supporto alle lastre. Due per ogni persona. Pannelli di dimensione media, uno molto grande per il  lavoro collettivo, e molti piccoli per i manufatti più piccoli. Lavoriamo all’esterno, a turno. Per alcuni di loro un po’ di difficoltà nel maneggiare la vernice. Gli altri con Pietro rivedono l’haiku: scoprono nuove regole e la differenza tra l’haiku libero e l’haiku classico che segue la regole  dei 5-7-5- sillabe. La verniciatura ha preso molto più tempo del previsto:  un po’ di pasticci inducono Gypsy a scendere in cortile: lui non ama molto le parole, è una persona pratica e molto abile. Prende in mano la situazione e organizzatissimo ripassa tutte le tavolette con la vernice nera rendendole più dignitose. Chan e Derecik si erano divertiti molto a verniciare, ma hanno davvero pasticciato. Anche Pietro è molto soddisfatto dell’attenzione verso la poesia e la sua esperienza di poeta e della condivisione del lavoro di ceramica con i detenuti: Derecik un giorno ha detto che finalmente si sentiva “libero”, Pietro ha risposto che lui si sentiva “piacevolmente prigioniero”. Questo li ha molto divertiti e ha aumentato il clima di familiarità e condivisione  che nei giorni è andato creandosi.


2013 - 19 AGOSTO - MERCOLEDI
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
Pietro che mi ha accompagnato in questo viaggio chiede di partecipare al percorso per continuare  a parlare dell’ Haiku: due giorni sono stati  pochi per presentare, approfondire, capire e amare questa particolare poesia. L’intervento è stato concordato con Wendy, Diederik e la stessa Meryem:  ai detenuti ho chiesto il permesso di introdurre questa figura non prevista nel progetto. Sono stati felici del nuovo incontro. Ho aggiunto un giorno di docenza:  mi sembra necessario per potere procedere con calma e dare ancora un po’ di spazio all’haiku. Apriamo il forno: di quaranta piccoli manufatti ne sono rimasti interi dodici. Gli altri in mille pezzi. Siamo tutti mortificati, io più di loro. Avevo rassicurato: i manufatti piccoli, di facile forgiatura, difficilmente si rompono. In tanti anni di laboratori mai successo un disastro così: normale che uno, due manufatti si possano rompere, così piccoli quasi impossibile! Cerchiamo di capire. Cerco di capire! Chiedo spiegazioni  ai responsabili del laboratorio Crea: finalmente posso parlare con Patricia, anche lei non capisce. Faccio notare che manca in questo forno il foro di areazione per la condensa e le riduzioni. Mi dice è normale. Ma io non avevo mai visto un forno senza areazione.


2013 - 16 - 17 - 18 AGOSTO - DOMENICA/LUNEDI/MARTEDI
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
Pausa di asciugatura. Pensavo sarebbero stati tre giorni di riposo, ma la poca concentrazione del giorno precedente mi ha messo ansia. Decido di preparare  una copia del lavoro per sostituire eventuali  rotture che possono avvenire durante l’asciugatura, il trasporto, le cotture. Mi piace essere previdente. Forse sarà un lavoro inutile, ma non avremo tempo in questo laboratorio di rifare nulla. Lavoro due giorni fino a notte fonda: per fortuna mi ero portata due pani di argilla di riserva, pensando di avere il tempo di lavorare su un mio progetto. Wendy, la direttrice del carcere, ci ha messo a disposizione spazi della sua casa e così riesco ad organizzare il lavoro e ad iniziare l’asciugatura delle riserve.


2013 - 15 AGOSTO - SABATO
Carcere di Tilburg - Olanda

LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
 
Rivediamo il grafico del disegno; spiego le modifiche che ha fatto Gypsy. Tutti approvano. Ogni persona lavorerà su una mattonella in collaborazione con  chi lavora con le  mattonelle confinanti . Definiamo il bassorilievo  e le texture. Meryem dopo i due giorni di docenza in compresenza si è fermata con noi fino ad oggi  come uditrice. Questa è stata la giornata più difficile del percorso, finalmente il lavoro è finito. Mi fermerò un po’ di tempo oltre l’orario per controllare che ogni segno sia al suo posto, non ci sarà possibilità in seguito di cambiare nulla. Mettiamo in forno i primi piccoli manufatti realizzati con gli stampi e le impronte: si sono asciugati anche aiutati dal phon che avevo portato con me per ogni evenienza.


2013 - 14 AGOSTO - VENERDI
Carcere di Tilburg - Olanda

LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
 
Finiamo il progetto individuale e analizziamo le varie fasi della lavorazione, correggiamo gli errori. Riflettiamo sui tempi di asciugatura, lunghi per l’umidità esterna e la condensa all’interno del laboratorio. Tra tutti i progetti individuali ne scegliamo uno che rappresenti il gruppo e che sia possibile ingrandire nella misura di almeno un metro per  settanta centimetri .


2013 - 13 AGOSTO - GIOVEDI
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -

Il bassorilievo e l’altorilievo. Realizzazione del progetto individuale: dall’idea - al grafico bidimensionale - al manufatto  tridimensionale.  Conoscenza e utilizzo dei piccoli strumenti necessari per questa tecnica. I loro progetti grafici sono interessanti: qualcuno gli dedica più tempo del necessario, ma li vedo impegnati e li lascio fare. Gypsy incomincia  i suoi interventi artistici sui lavori dei compagni  che gli riconoscono buone capacità creative e lo ascoltano. Lui però ascolta poco, molto distratto dall’apparire e dal bisogno di parlare con Meryem. Anche qualcun altro si lascia distrarre. Sedat si isola ed è affascinato dalla terra e dalle sue possibilità; Derecik  mi dice che mai pensava di potere fare una cosa del genere; Vieux Esprit  è sempre più emozionato; Sorin ci prova, ancora un po’ diffidente; Elephant  è preciso, serio e concentrato. Cham, sensibilissimo, crea e disfa più volte, agitatissimo, felice: mi commuove, lo aiuto e lui mi dice “hai ragione sono un pasticcione anche la mia mamma mi diceva non sai fare niente”. Lo rassicuro: certamente sa fare, ma non sa concentrarsi. Dunque respiro, calma e ricominciamo. Stammi vicino mi dice.


2013 - 12 AGOSTO - MERCOLEDI
Carcere di Tilburg - Olanda

LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -

La tecnica della lastra. I modi di utilizzo. Preparazione delle lastre: grandezze, spessori, asciugatura e cottura. Prepariamo le lastre per un manufatto individuale di grosso spessore e progettiamo un bassorilievo. La lastra è una delle tecniche più difficili, ma apparentemente semplice. Così si buttano a capofitto, sicuri di essere “capaci”. Con i mattarelli in mano sono teneri, casalinghi: ridiamo e siamo contenti, c’è un bel clima. Si aiutano l’un l’altro… ma nonostante le mie spiegazioni, la loro fretta, e un po’ di presunzione tutta maschile, li porta ad un inevitabile disastro. Tutto da rifare: un po’ mortificati si siedono e ascoltano, questa volta attenti e concentrati.


2013 - 11 AGOSTO - MARTEDI
Carcere di Tilburg - Olanda

LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
Le texture, decorazioni antiche a stampo, il graffito, le impronte, il bassorilievo e l’alto rilievo. Anna spiega le differenze e invita il gruppo a rivedere il manufatto prodotto ieri. Ci lavorano e migliorano il prodotto, qualcuno ne produce altri. Alcuni hanno più pazienza e cercano  la precisione, altri  hanno fretta di finire  e curano poco i particolari: su questo occorrerà lavorarci. Dopo avere ottenuto l’autorizzazione inizia la documentazione fotografica: Anna è sommersa da richieste di foto.

 

2013 - 10 AGOSTO - LUNEDI
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO DI CERAMICA
- docente Anna Maria Verrastro -
Anna presenta, l’argilla: la sua lavorazione, composizione, ritrovamenti, datazioni, breve storia della ceramica dal paleolitico ai giorni nostri, L’utilizzo dell’argilla (manufatti di uso quotidiano e opere d’arte), i vari tipi di argilla e le varie possibilità di cotture, la cottura raku (storia e tecnica: il raku giapponese e il raku occidentale), la terra bianca refrattaria, l’argilla legata alla quotidianità e alla spiritualità. Sono molto curiosi, quasi per tutti informazioni nuove, interessanti. Molte le domande. Producono un piccolo manufatto, dando alcune semplici regole: servirà per inviare tramite le art-box  un messaggio ai detenuti degli altri paesi che partecipano al progetto Parol. Questa possibilità di comunicazione piace molto.


2013 - 09 AGOSTO - DOMENICA
Carcere di Tilburg - Olanda
LABORATORIO HAIKU
- docenti
Meriem Fresson e Anna Maria Verrastro -
Meriem presenta l'haiga, l'abbinamento di un haiku con una immagine. Un po’ di smarrimento, poi qualcuno comincia. Sorin è poco interessato e con la scusa che non sa scrivere in francese vuole rinunciare.  Gypsy  invece ci prova e ci riprova… non vuole arrendersi. Anche gli altri si impegnano, certo non è facile. Anna presenta l'haiga tridimensionale, abbinamento dell'argilla con la poesia. Un detenuto è assente, forse la difficoltà di comprendere la lingua lo farà desistere dal continuare il laboratorio.


2013 - 08 AGOSTO - SABATO
Carcere di Tilburg - Olanda
- docenti Anna Maria Verrastro e Meriem Fresson -
Annamaria Verrastro e Meriem Fresson incontrano i detenuti che scelgono un soprannome: Matador, Gypsy, Delola, Sorin (Sorin è Sorin), Yawa,  Derecick, Vieux Esprit, Cham, Elephant, Davend. Presentano il progetto Parol. Meriem spiega l'haiku, Anna spiega il raku e la relazione che esso ha con l'haiku. Con l'argilla di Castellamonte fanno un manufatto libero per conoscere la materia che mai hanno lavorato tranne due che ricordano di averla manipolata a scuola quando erano bambini in Romania.


2013 - 07 AGOSTO - VENERDI
Carcere di Tilburg - Olanda

- docente Anna Maria Verrastro -
Visita al carcere di Tilburg (carcere belga in territorio olandese) alla vigilia del laboratorio haiku di Meriem Fresson (Francia) e del laboratorio di ceramica di Annamaria Verrastro (Italia). Ottima l'accoglienza della direttrice Wendy Mercelis. Interessante la visita ad alcuni settori del carcere. Visitata una camerata con 8 posti-letto, una camera con 2 posti-letto, visitata la biblioteca che ospita libri in 23 lingue, visitata la palestra, il centro laboratoriale CREA e uno spazio ricreativo. Gentili e accoglienti gli agenti. Il carcere è in ottime condizioni, i detenuti hanno due ore al giorno di attività ricreative, due ore al giorno di aria negli spazi aperti, e molti lavorano per 4 ore al giorno in officine dove costruiscono biciclette e accessori per barbecue. 


2013 - 26 LUGLIO - VENERDI
Pietro Tartamella incontra i detenuti della Casa Circondariale "Rodolfo Morandi" di Saluzzo (CN)  , a cui illustrra il progetto PAROL. Da questo momento sono aperte per i detenuti le iscrizioni al progetto Parol. Educatore referente: Davide Sannazzaro. Direttore: Giorgio Leggieri. 


2013 - 17 LUGLIO - MERCOLEDI
Pietro Tartamella incontra i detenuti del "padiglione A" - sezione Prometeo -  della Casa Circondariale "Lorusso-Cutugno" di Torino, a cui illustrra il progetto PAROL. Da questo momento sono aperte per i detenuti le iscrizioni al progetto Parol. Educatori referenti: Claudia Rucco e Emerenziana Vezzari. Responsabile educatori: Daniele Tarasconi. Direttore: Giuseppe Forte.


2013 - 29/30 MAGGIO - MERCOLEDI/GIOVEDI
MEETING AD ANVERSA

incontro ad Anversa con i responsabili delle associazioni dei cinque paesi europei coinvolti. Meeting sugli aspetti burocratici e amministrativi del progetto. Visita al carcere di Oodenaarde e rappresentazione di uno spettacolo offerto da due detenuti (testo e regia dei detenuti). Discorso di apertura del progetto Parol di Diederik De Beir ad Anversa.


2013 - 21 MAGGIO - MARTEDI
incontro presso la Casa Circondariale Lorusso-Cutugno con Daniele Tarasconi e tutta la sua equpe dell'area educativa. Illustrazione del progetto Parol all'equipe.

2013 - 14 MAGGIO - MARTEDI
incontro con il direttore del Carcere Lorusso-Cutugno, sig. Giuseppe Forte, e con il responsabile dell'area educativa Sig. Daniele Tarasconi. Presentazione del progetto Parol.

 

PAROL DIARIO

GIORNO PER GIORNO IL NOSTRO CAMMINO

Un diario appunto, giorno per giorno, per descrivere come procede Parol,
cosa succede, quali progressi, quali sconfitte,
quali entusiasmi, quali delusioni, quali alleanze...
Un diario che diventa anche una fotografia.
Una fotografia della nostra Italia..
.

 

 

commissione europeaIl progetto europeo
"PAROL - Scrittura e Arti nelle carceri, oltre i confini, oltre le mura"
è finanziato con il sostegno della Commissione Europea - Programma Cultura.
Il contenuto di queste pagine riflette soltanto le opinioni dell'autore  e la Commissione
non può essere ritenuta responsabile per qualsiasi  utilizzo delle informazioni ivi contenute.

 

LINK

 

PAROL FACE-BANNER, MOSTRE DI OPERE E MANUFATTI A TORINO E BRUXELLES

PAROL SPONSOR E SOSTEGNI (ditte, enti, privati...)

 

QUATTRO DETENUTI DIALOGANO CON LIEN NOLLET  E  FABIEN DE LATHAUWER
- PRIGIONE DI OUDENAARDE (BELGIO)   -   VIDEO
"MOVING DIALOGUE"

http://www.shareculture.eu/

 

I RACCONTI DELLA TOMBOLA A CASA DI RICCARDO DI BENEDETTO
venerdì 4 luglio 2014

 

I RACCONTI DELLA TOMBOLA A CASA DI FRANCA PATRUCCO
sabato 19 luglio 2014

I RACCONTI DELLA TOMBOLA A CASA DI LUISA MONDO
venerdì 11 luglio 2014

 

I RACCONTI DELLA TOMBOLA A CASA DI MARIA BAFFERT
venerdì 11 aprile 2014

 

I RACCONTI DELLA TOMBOLA
AL SALONE DEL LIBRO PER RAGAZZI DI BRA
domenica 25 maggio 2014

 

INTERVISTA A CARMELO MUSUMECI - VIDEO DAL TG2

 

I RACCONTI D'OLTREMURA 

 

I RACCONTI DELLA TOMBOLA

 

RCT - RESOCONTO SAGGIO DI LETTURA AD ALTA VOCE
DEI DETENUTI - CARCERE DI SALUZZO

PAROL - APPELLO PER UNA MOBILITAZIONE

 

POESIA DI RINGRAZIAMENTO A TUTTI COLORO
CHE HANNO ADOTTATO LE BOLLE DI SAPONE

 

SAGGIO DI LETTURA AD ALTA VOCE
DEI DETENUTI DI SALUZZO - GIOVEDI 23 GENNAIO 2014

 

UN TRIBUTO A NELSON MANDELA

 

FORMAZIONE PAROL A CASCINA MACONDO - ARTE E TEATRO NELLE CARCERI
sabato e domenica 23/24 novembre 2013

PAROL – CERAMICA A TILBURG (OLANDA)

PAROL – GOOD MORNING POESIA A DENDERMONDE (BELGIO)

 

PAROL - ARTICOLO REDAZIONALE PER CONFERENZA STAMPA IL 25 OTTOBRE 2013
http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1230:parol-articolo-redazionale-per-conferenza-stampa&catid=102:news&Itemid=90


PAROL DIARIO
- GIORNO PER GIORNO IL NOSTRO CAMMINO
Un diario appunto, giorno per giorno, per descrivere come procede Parol, cosa succede, quali progressi, quali sconfitte, quali entusiasmi, quali delusioni, quali alleanze... Un diario che diventa anche una fotografia. Una fotografia della nostra Italia..
.

http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1202:parol-diario&catid=102:news&Itemid=90

 

RASSEGNA STAMPA PROGETTO EUROPEO PAROL
- SCRITTURA E ARTI NELLE CARCERI -
http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1179:parol-scrittura-e-arti-nelle-carceri-rassegna-stampa&catid=102:news&Itemid=90

 

ADOTTA UNA BOLLA DI SAPONE
(con equipe europea, enti, associazioni, prigioni coinvolte):
http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1175:adotta-una-bolla-di-sapone&catid=102:news&Itemid=90


PERCORSI LABORATORIALI DI CASCINA MACONDO NELLE CARCERI
:
http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1176:parol-scrittura-e-arti-nelle-carceri-oltre-i-confini-oltre-le-mura-progetto-europeo&catid=102:news&Itemid=90


COMMISSIONE EUROPEA - APPROVAZIONE PROGETTO PAROL N°  536495:
http://eacea.ec.europa.eu/culture/funding/2012/selection/documents/strand_1-2-1/1-list-of-selected-projects.pdf


SITO BELGA
(PROVVISORIO) DEL PROGETTO PAROL:
https://sites.google.com/site/haikuinprison/the-team

SITO NUOVO UFFICIALE DEL PROGETTO PAROL
- IN COSTRUZIONE E IN PROGRES
-

http://www.parol-art.eu/

 

MOVIMENTO IN BELGIO PER UNA NUOVA CONCEZIONE DELLA DETENZIONE
http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1205:movimento-in-belgio-per-una-nuova-concezione-delle-case-di-reclusione&catid=102:news&Itemid=90

 

 

parol

cultur FEDERALE BELGIO  MINISTERO ITALIAMINISTERO GRECIA

 FUNDACIAPOLONIA   MUINISTERO POLONIA  creatief   CITTA DENDERMONDE   MACONDO  fondazione crt torino

  logo amaka nuovo   APSART  DEPARTMENTDEWARANDE  KATHO

    NOLLET   WIERSZE     www    afah   150    logo MuntPunt Belgio

 

 

Parol! writing and art beyond walls, beyond borders

 

ADOTTA UN GRAPPOLO DI BOLLE DI SAPONE

I nomi di tutti coloro che adottano bolle di sapone sono pubblicati sul nostro sito.
Ci auguriamo che questo elenco possa contenere anche il tuo nome,
e che possa diventare lunghissimo, così lungo, e fitto, e straripante di nomi,
da essere percepito come una grande comunità

di cittadini  lungimiranti che condivide e sostiene Parol !
Considerando che ci sono ancora moltissimi amici di Cascina Macondo
che ancora non hanno adottato un grappolo di bolle di sapone,
possiamo sperare di farcela!
Spargi la voce, mobìlitati, adotta anche tu...

 

 

adotta
 
 
 
 
5x100
 
 
 

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 10 Giugno 2016 05:20 )
 

Time Zone Clock

Sondaggio

Accentazione ortoèpica lineare